IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 La terra : È veramente a prova di impatto?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioOggetto: La terra : È veramente a prova di impatto?   Gio 05 Set 2013, 20:56

Parte il conto alla rovescia per il nuovo asteroide che sta per sfiorare la Terra
A breve il nuovo passaggio di un asteroide vicino al nostro Pianeta
Ci siamo. Lo avevamo annunciato nella giornata di ieri e sembrerebbe che tutto stia procedendo secondo quanto stabilito dagli esperti. Si tratta di un vero e proprio periodo ‘movimentato’ dal punto di vista degli asteroidi in procinto di passare vicino al nostro Pianeta. Esattamente alle ore  8:39 del mattino. L’asteroide è stato chiamatoRQ5 2013, il quale presenta un diametro di 21 metri e disterà circa 4,77 distanze lunari dalla Terra: a riportarlo è Hohmanntransfer, che si occupa direttamente di questa strana ma interessante tipologia di monitoraggio astronomico.
 L’ultima osservazione di RQ 2013 è avvenuta questo pomeriggio  intorno alle 17 e, come detto, è stato scoperto da pochi giorni.







11 giugno 2013
L'asteroide 1999 RQ36? Meglio abbatterlo: è uno degli oggetti più pericolosi



Come rivela la Voce della Russia, gli studiosi russi consigliano di “abbattere” l’asteroide 1999 RQ36. Ad oggi, esso è considerato uno degli oggetti più pericolosi del suo genere.
Secondo i calcoli di alcuni esperti, questo asteroide, a causa del surriscaldamento da parte del sole di una delle sue parti, potrebbe modificare la sua orbita e colpira la terra nel 2182.
Gli specialisti dell'Istituto di ricerche spaziali (IKI) dell’Accademia Russa delle Scienze hanno proposto di deviare questo asteroide dalla sua traiettoria con l’aiuto di un altro asteroide.
In generale, è possibile deviare dalle loro orbite gli asteroidi che rappresentano un pericolo per il nostro pianeta come in un semplice tavolo da biliardo: la stecca rappresenta un veicolo spaziale, il pallino è un piccolo asteroide, e la palla è il corpo cosmico che minaccia la Terra.



L’idea è nata in relazione alla cosiddetta “fionda gravitazionale”, che viene utilizzata per modificare la velocità di un veicolo spaziale, racconta il ricercatore capo dell’IKI dell’Accademia Russa delle Scienze, Nathan Eismont:
"Se abbiamo un veicolo spaziale e ne vogliamo modificare la velocità senza sprecare carburante, allora è possibile, dopo essere passati vicino a qualsiasi corpo celeste, come la Terra o la Luna, modificarne la velocità fino a condurlo dov'è necessario. Ora mettiamo che al posto di un veicolo ci sia un asteroide, potremmo indirizzare queste millecinquecento tonnellate lì dove serve".
Inizialmente gli scienziati russi hanno lavorato sul problema dell'asteroide Apophis. Nel 2004, quando fu scoperto questo asteroide, si è pensato che potesse minacciare una collisione con la terra nel 2036. Ora gli esperti escludono questa possibilità.
Tuttavia, si è scoperto che ci si possono aspettare problemi da un altro collega dell’Apophis, il satellite 1999 RQ36. Presso l'Istituto di ricerca spaziale si è cominciato a cercare un “pallino” adatto a deviarlo, e si è capito che questo ruolo potrebbe essere ricoperto meglio di tutti proprio dall’Apophis.
Dalla Terra all’Apophis è possibile mandare un veicolo spaziale, utilizzando la fionda gravitazionale per dare una spinta all’asteroide.
Dopo aver volato accanto alla Terra, questo “vagabondo veicolo spaziale” cambierà la sua orbita per finire, in definitiva, proprio sull’asteroide 1999 RQ36. D’altronde, secondo i dati relativi alla pericolosità della traiettoria, Nathan Eismont ritiene che sarebbe possibile usare anche parte di un altro asteroide, come suggeriscono alcuni scienziati stranieri.
Leggi:
Un UFO ha distrutto l'asteroide in caduta sulla Russia centrale?
Asteroidi in visita alla Terra: cinque in meno di due settimane
In Russia è nata l’idea di creare una sorta di “squadra spaziale di asteroidi”. Si propone di “collocare” dei piccoli asteroidi-proiettile in modo che, alla comparsa di un “nemico”, sia possibile scegliere il più adatto e mandarlo contro l’obiettivo.
Questo metodo, sebbene insolito, secondo le parole dello specialista, può essere realizzato anche con il livello tecnico esistente oggi, poiché non richiede nessuna tecnica rivoluzionaria o nuova scoperta scientifica.
L’asteroide near-Earth 1999 RQ36 rientra nel gruppo di asteroidi “Apollo”. Il suo diametro medio è di 510 metri, e la caduta di un tale asteroide sulla Terra equivarrebbe all’esplosione di 2700 megatonnellate di tritolo.
In uno studio di dinamica orbitale del 2009, Andrea Milani, professore presso la Facoltà di Matematica dell'Università di Pisa, e collaboratori hanno individuato una serie di otto potenziali impatti con la Terra tra il 2169 ed il 2199. La probabilità d'impatto collettiva dipende dalle proprietà fisiche dell'oggetto, al momento poco conosciute, ma non sarebbe superiore allo 0,07 % per tutti gli otto incontri.




28 maggio 2013
Un grosso asteroide si sta avvicinando alla Terra: 1998 QE2 ci "sfiorerà" il 31 maggio
"E' davvero un asteroide immenso, della stessa grandezza di quello che ha estinto i dinosauri", commentano gli scienziati, "ma fortunatamente siamo in grado di seguirlo bene e siamo certi che non ci toccherà". 
Un altro asteroide si appresta a passare vicino alla Terra il prossimo 31 maggio. Si tratta di 1998 QE2, un oggetto lungo quasi tre chilometri.
Gli esperti ovviamente rassicurano spiegando che passerà a circa sei milioni di chilometri dalla superficie terreste, quindici volte la distanza che intercorre tra la Terra e la Luna.
QE2 è stato scoperto nel lontano 1998 dagli scienziati del Linear programme del MIT di Boston, all’epoca impegnati nell’osservatorio astronomico di Socorro, nel New Mexico. Gli scienziati, però, non sono ancora rusciti a stabilirne l'origine: forse arriva dalla fascia degli asteroidi tra Marte e Giove.
Ma la misteriosa sostanza fuligginosa che ne ricopre la superficie suggerisce che potrebbe essere stato originato dai resti di una cometa che si è avvicinata troppo al Sole.








Un bolide illumina i cieli dell'argentina
Ancora meteoriti. Dopo lo straordinario fenomeno che ha interessato i cieli di Madrid [leggi], questa volta è l'Argentina a far registrare l'ennesimo fenomeno meteoritico spettacolare.
Nelle prime ore di domenica 21 aprile, intorno alle 3:00 del mattino, un forte bagliore ha illuminato diverse provincie della zona nordoccidentale dell'Argentina.
Secondo gli esperti, il fenomeno è stato prodotto molto probabilmente dall'entrata di un meteorite nell'atmosfera terrestre ad una velocità di circa 130 mila chilometri orari, per poi disintegrarsi prima dell'impatto.
Il bagliore, che ha sorpreso e spaventato moltissime persone, è stato registrato da diverse telecamere di sorveglianza sparse nelle città argentine. Come riferisce l'agenzia di stampa Dyn, alcuni testimoni raccontano di aver sentito un forte boato seguito poi da una specie di tremore, anche se l'Istituto Nazionale di Prevenzione Sismica (Inpres) non ha registrato alcun terremoto nelle ultime ore.
Continua a leggere...




13 aprile 2013
Nuovi calcoli sulla cometa che potrebbe colpire Marte: forse il Pianeta Rosso se la caverà!
Secondo i modelli orbitali previsionali elaborati dagli astronomi, la cometa C/2013 A1 raggiungerà il massimo avvicinamento a Marte il prossimo 19 ottobre 2014. Tutti gli studiosi si sono chiesti se Marte corra il pericolo di un catastrofico impatto.
Le opinioni prevalenti sono due ed entrambi estreme, una secondo la quale il corpo celeste transiterà nei pressi di Marte ad una distanza di sicurezza, mentre la seconda prospetta la possibilità che la traiettoria della cometa finisca direttamente sulla superficie di Marte, impattando con il pianeta alla velocità pazzesca di 35 chilometri al secondo.
Tuttavia, le ultime osservazioni hanno permesso agli astronomi del Near-Earth Object della NASA di perfezionare ulteriormente la probabile traiettoria della cometa, contribuendo a determinare le probabilità di un impatto con Marte.
I nuovi dati stimano che il transito ravvicinato al pianeta avverrà intorno alle 11:51 del 19 ottobre 2014. Nel momento di massimo avvicinamento, la cometa si troverà sul lato della superficie rivolto verso il sole.
Continua a leggere...




08 aprile 2013
Web Bot: il 14 aprile 2013 un asteroide potrebbe diventare pericoloso per la Terra: dobbiamo cominciare a pregare?
Nell'ultimo anno, sembra che gli avvistamenti notevole di asteroidi e meteoriti “scostumati” che vanno a zonzo nel nostro sistema solare siano notevolmente aumentati.
L'evento più notevole, come tutti ricordano, è accaduto il 15 febbraio scorso, quando un piccolo asteroide è entrato nell'atmosfera terrestre colpendo la cittadina di Chelyabinsk, nella Russia centrale, generando un'onda d'urto che ha distrutto finestre ed edifici, e ha ferito migliaia di persone.
Nello stesso giorno, l'asteroide 2012 DA14 eseguiva il suo passaggio ravvicinato al nostro pianeta, a meno di 30 mila chilometri dalla superficie della Terra, molto al di sotto dell'orbita geostazionaria dei nostri satelliti artificiali. In ultimo, non passa giorno senza che qualche notiziario locale non riporti la notizia di un bolide infuocato che solca i cieli di uno degli angoli del nostro pianeta.
A rincarare la dose di preoccupazione e ad allertare gli animi degli internauti arriva una curiosa notizia che riguarda le profezie “digitali” dei Web Bot. Secondo quanto rivelato da worldnewstomorrow.com, le informazioni raccolte dalla rete dai Web Bot profetizzano una possibile minaccia da parte di un visitatore segreto, vale a dire un grosso asteroide di 1,2 miglia che potrebbe essere diretto verso la Terra. La profezie computerizzata indica il 14 aprile 2013 come possibile data del “contatto”. Dobbiamo preoccuparci?
Continua a leggere...




25 febbraio 2013
Ancora meteoriti: un bolide incandescente solca i cieli della California
Sembrano non avere mai fine: a partire dal 15 febbraio 2013, giorno in cui una meteorite di 10 mila tonnellate è caduta nella regione degli Urali colpendo alcune cittadine della Russia centrale, gli avvistamenti meteoritici sembrano succedersi quotidianamente.
Forse l'aumento delle segnalazioni è dovuto alle conseguenze traumatiche dell'impatto in Russia, dopo il quale molte più persone se ne stanno ad osservare il cielo pronte con le loro fotocamere ad immortalare il bolide di turno. O forse, la Terra si trova effetivamente a transitare in una regione dello spzio particolarmente ricca di rocce vaganti.
Ad ogni modo, questa volta è stata la California del sud ad essere teatro un un nuovo avvistamento meteoritico. Nella tarda serata di Giovedi 22 febbraio, numerosi testimoni hanno riportano l'avvistamento di un'intensa scia di luce verde attraversare i cieli.
Continua a leggere...





15 febbraio 2013
Ora spunta anche un asteroide che ha colpito Cuba mercoledì scorso. Si aggrava il bilancio in Russia
Residenti di una località nella regione centrale di Cuba hanno dichiarato aver visto, mercoledì sera, un oggetto che cadeva dal cielo e che è esploso con un grande fragore facendo tremare le case del posto: lo si apprende da testimonianze raccolte dalla televisione locale. 
L'edizione latinoamericana dell'agenzia Ansa cita un servizio televisivo diffuso venerdì e proveniente da da Rodas, comune della provincia di Cienfuegos.
I testimoni hanno descritto una luce molto intensa che è arrivata ad avere dimensioni importanti, paragonabili a quelle di un autobus, prima di esplodere in cielo.
Continua a leggere...







_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
 
La terra : È veramente a prova di impatto?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» [Fiera] Terra Futura (Firenze), 29-31 Maggio 2009
» prova in itinere di politica economica
» Relazioni finali, relazioni anno di prova, relazioni tutor e FS: dubbi, consigli, richieste, informazioni: chiedere qui!
» relazione finale anno di prova e corso on line
» TFA seconda prova

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: ASTRONOMIA-
Andare verso: