IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 L'ARCA DELL'ALLEANZA: CUSTODIA DI SEGRETE CONOSCENZE?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
spektrum
junior
junior
avatar


MessaggioOggetto: Re: L'ARCA DELL'ALLEANZA: CUSTODIA DI SEGRETE CONOSCENZE?   Mar 15 Giu 2010, 11:14

concordo con te galaktica.....in effetti puo darsi che di essa si dai una descrizione molto piu simbolica che visiva.
Tornare in alto Andare in basso
GALAKTIKA
junior
junior
avatar


MessaggioOggetto: Re: L'ARCA DELL'ALLEANZA: CUSTODIA DI SEGRETE CONOSCENZE?   Mer 09 Giu 2010, 21:38

Simbolicamente riferendomi a tante affermazioni fino ad oggi date all'arca dell 'aleanza posso dedurre che forse cio che molti cercano ce l'hanno sotto il proprio naso gia da sempre
Tornare in alto Andare in basso
MASCHERA
junior
junior
avatar


MessaggioOggetto: L'ARCA DELL'ALLEANZA: CUSTODIA DI SEGRETE CONOSCENZE?   Ven 13 Nov 2009, 18:53

L'oggetto più ricercato e al contempo più misterioso è decisamente l'Arca dell'Alleanza.
Come fosse fatta lo sappiamo dato che le sue misure sono indicate nella Bibbia:

"Farai un'arca di legno d'acacia; la sua lunghezza sarà di due cubiti e mezzo, la sua larghezza di un cubito e mezzo e la sua altezza di un cubito e mezzo. (1) La rivestirai d'oro puro sia dentro che fuori; le farai al di sopra una ghirlanda d'oro, che giri intorno. Fonderai per essa quattro anelli d'oro, che metterai ai suoi quattro piedi: due anelli da un lato e due anelli dall'altro lato. Farai anche delle stanghe di legno di acacia e le rivestirai d'oro. Farai passare le stanghe negli anelli ai lati dell'arca, perché servono a portarla. Farai anche un propiziatorio d'oro puro (un coperchio); la sua lunghezza sarà di due cubiti e mezzo e la sua larghezza di un cubito e mezzo. Alle due estremità metterai due cherubini d'oro lavorati al martello. In modo che le loro ali spiegate in alto coprano il propiziatorio e la faccia rivolta l'uno verso l'altro e verso il propiziatorio. Lì io mi incontrerò con te; dal propiziatorio, fra i due cherubini parlerò e ti comunicherò tutti gli ordini che avrò da darti per i figli d'Israele. (Esodo 25,10)

Benché si spiega la provenienza della sbalorditiva quantità di oro usata e sprecata dagli Egizi, che ne avevano il monopolio, teniamo conto che il sarcofago interno di Tutankhamon pesa 330 chili, non è altrettanto facile spiegare il trasporto dell'Arca a causa del suo peso. Il solo coperchio era formato da un'unica lastra d'oro di 8,25 centimetri di spessore, con sopra due cherubini in oro ad ali spiegate.
Se un'oncia di oro, ossia un cubetto di 11,7 centimetri, è pari a 31,10 grammi; il propiziatorio pesava circa 40.000 once, per la precisione 39.581, ossia 1.231 chili. Inoltre l'oro ha una densità di 19,32 gr/cm2.
Come potevano quindi otto uomini trasportare, a mezzo di sbarre, un peso minimo di 1224 chilogrammi? Impossibile.
Non solo. Era custodita all'interno di un tabernacolo formato da tavole di 4 metri di altezza per 70 centimetri di lunghezza; quattro dozzine di plance e quattro angoli per un totale di 13,5x4,5 metri, alte più di 4 metri. Il tutto ricoperto e drappeggiato con lino e pelli di pecora, in un recinto di 46x23 metri, delimitato da 60 stanghe di legno infisse nel terreno, 20 basi di bronzo in grado di sostenere ben 140 metri di tendaggi di oltre 2 metri di altezza. Un volume e un peso eccessivo e di difficilissimo trasporto.

La costruzione dell'Arca ricorda il principio dei condensatori elettrici, due conduttori separati da un isolante.
Costruita con legno di acacia e rivestita d'oro, in modo analogo ad altre casse rivestite d'oro rinvenute in Egitto, veniva posta in una zona secca dove il campo magnetico naturale raggiunge in genere 500 o 600 Volt per metro verticale, in modo da caricarla attraverso la ghirlanda d'oro che la circondava; in pratica l'arca si comportava come un condensatore.
Per il trasporto venivano usate due stanghe con anelli rivestiti d'oro.
Era comunque un generatore di forze sconosciute, non controllabili, mortali.

La prova nella lettura delle istruzioni per la costruzione del Tabernacolo, la Tenda del Convegno dove veniva custodita l'arca e delle precise regole per accedere al suo interno allo scopo di proteggere le vite umane:

"...non entrare in qualunque tempo nel santuario, al di là della cortina, davanti al propiziatorio che è sull'Arca, altrimenti potresti morire, perché io apparirò entro una nube, sul propiziatorio. Vesti la sacra tunica di lino, metti sulla carne i calzoni di lino, cingi i fianchi di una cintura di lino, e copri la tua testa con una tiara di lino... lava prima la tua carne con l'acqua e poi vestiti." (Esodo 26)

Dall'Esodo 28,36 si apprende come deve essere fatta la tiara:

"Farai una lamina d'oro puro e su quella, come si incide sopra un sigillo, inciderai sacro al Signore. La fisserai ad un nastro violaceo, in modo che rimanga in alto sul davanti della tiara. Starà sulla fronte di Aronne per rendere gli Israeliti graditi davanti al Signore."

Le vesti li coprivano da capo ai piedi non lasciando scoperta alcuna parte del corpo. La testa e le braccia, come parti sensibili, dovevano essere unte con olio protettivo:

"Prendi dei migliori aromi cinquecento sicli (unità ebraica) di mirra vergine, duecentocinquanta sicli di cinnamono odoroso, duecentocinquanta di canna aromatica, cinquecento di cassia, secondo la misura del siclo del santuario e un him di olio. Ne farai olio per la sacra unzione; ungi la tenda di convegno e l'Arca, la tavola e i suoi arredi, il candelabro, l'altare del profumo degli olocausti; ungerai pure Aronne e i suoi figli perché officino come sacerdoti."
Qualcosa molto simile alle tute protettive indossate da tutti coloro che hanno accesso ad una moderna centrale atomica.
Inoltre le ulcerazioni della pelle simili a bubboni, accompagnate da vomito, di cui parla la Bibbia in un altro passaggio, sono sintomi tipici di ustioni:

"Farai il manto tutto violaceo. Avrà in mezzo un apertura per passarvi il capo, orlata intorno e intessuta a guisa di un apertura di corazza, affinché non si strappi. Tutt'intorno all'orlo inferiore del manto farai delle melagrane, di violaceo e di scarlatto; e fra una melagrana e l'altra dei sonagli d'oro, un sonaglio d'oro e una melagrana, un sonaglio e una melagrana. E quando entrerà nel luogo santo e ne uscirà, si oda il suono: così egli non morrà." (Esodo 28,31)

I sonagli fungevano da segnale ai leviti che si trovavano fuori della tenda. Se non avessero suonato per un periodo più lungo del previsto chi si trovava fuori del Tabernacolo avrebbe saputo che qualcosa di terribile era accaduto all'interno.
Studi approfonditi della Cabala effettuati da Sassoon e Rodney ne danno conferma.
Chi entrava nella tenda aveva una catena d'oro legata alla caviglia. Nel caso qualcosa fosse andato storto e qualcuno fosse rimasto ucciso o ferito, gli altri sacerdoti potevano recuperarne il corpo.
L'arca prima di essere spostata veniva avvolta e isolata da diversi strati di materiali isolanti. Prima con il paravento, sopra di esso veniva posta una coperta di pelle di tasso, poi il manto di porpora viola. I leviti pensavano a sollevarla; fra loro i figli di Kohat erano quelli destinati alla cura di essa durante il trasporto. Un compito pericoloso per ragioni collegate all'elettricità, dato che l'arca emetteva "scintille" che a volte colpivano a morte i portantini.
I primi a farne le spese furono i figli di Aronne, Nadab e Abihu, che dopo aver acceso dell'incenso in un contenitore di metallo all'interno del tabernacolo dove l'arca era custodita, da questa si sprigionò una "fiamma che li divorò".
Quindi l'Arca sprigionava energie sconosciute e mortali? A quanto pare sì.
Gli scribi ordinarono agli Israeliti di stare lontani dall'Arca circa un chilometro:

"Trascorsi tre giorni, gli scribi passarono in mezzo all'accampamento, e diedero al popolo questo ordine: Quando vedrete l'arca dell'alleanza del Signore Dio vostro e i sacerdoti leviti che la portano, voi vi muoverete dal vostro posto e la seguirete; ma tra voi ed essa vi sarà la distanza di circa duemila cubiti (2) non avvicinatevi." (Giosuè 3 -2)

Molti i fenomeni inesplicabili: l'arca "ardeva di luce e fuoco", si aureolava di raggi; sul trono si materializzava una nube; dai cherubini si sprigionavano getti di fuoco o scintille che distruggevano ogni oggetto ad essa vicino.
L'Arca non era solo una fonte di energia, ma anche uno strumento radio ricetrasmittente?
Mosè parlava col Signore ponendo il viso vicino alle ali dei Cherubini che stavano sopra il coperchio e la voce che parlava fra i cherubini assumeva la "forma di un canale di fuoco".
Spesso l'arca "era capace di trasportare se stessa e chi la trasportava", levitava e faceva levitare persone e cose.
Nella Bibbia, in più di un passaggio, si parla di una forza invisibile che sollevava i sacerdoti e li faceva cadere poi a terra. L'arca dava il segnale quando era necessario lasciare il campo "librandosi nell'aria e muovendosi in avanti" (3).
Era anche una potente arma che assicurava la vittoria agli israeliti. Le sue folgori distrussero decine di armate nemiche. Si sollevava da terra dopo aver emesso un lugubre suono e andava incontro ai nemici che fuggivano inutilmente perché venivano massacrati.
Secondo la Bibbia le mura di Gerico caddero ad opera di essa; il Giordano fu attraversato in quanto:

"...le acque che venivano dal basso si separarono e i sacerdoti camminarono al sicuro sul terreno asciutto nel mezzo del Giordano. E quando finirono di attraversarlo e le suole delle loro scarpe toccarono la terraferma le acque del Giordano tornarono al loro posto. E Giosuè parlò dicendo il Signore vostro Dio ha asciugato le acque del Giordano davanti a voi, affinché poteste attraversarlo." (Giosuè 3, 6,14-17 e 4,18,21-23).

In tutta la Bibbia si elenca l'importante ruolo militare dell'arca in quanto gli ebrei conquistarono quasi interamente la Terra Promessa sotto il comando di Giosuè. Ma fu dopo la morte di quest'ultimo che si verificò un significativo cambiamento.
L'arca era stata deposta in un tabernacolo a Shiloh e gli israeliti stavano per essere sconfitti dai Filistei; per cui fu riportata sul campo di battaglia, ma i Filistei massacrarono gli israeliti e catturarono l'arca:

"Quando il popolo fu rientrato nell'accampamento, gli anziani d'Israele si chiesero: 'Perché ci ha percossi oggi il Signore di fronte ai Filistei? Andiamo a prenderci l'arca del Signore a Silo, perché venga in mezzo a noi e ci liberi dalle mani dei nostri nemici.' Il popolo mandò subito a Silo a prelevare l'arca del Dio degli eserciti che siede sui cherubini: c'erano con l'arca di Dio i due figli di Eli, Ofni e Finees. Non appena l'arca del Signore giunse all'accampamento, gli Israeliti elevarono un urlo così forte che ne tremò la terra. Anche i Filistei udirono l'eco di quell'urlo e dissero: 'Che significa il risuonare di quest'urlo così forte nell'accampamento degli Ebrei?'. Poi vennero a sapere che era arrivata nel loro campo l'arca del Signore. I Filistei ne ebbero timore e si dicevano: 'È venuto il loro Dio nel loro campo!', ed esclamavano: 'Guai a noi, perché non è stato così né ieri né prima. Guai a noi! Chi ci libererà dalle mani di queste divinità così potenti? Queste divinità hanno colpito con ogni piaga l'Egitto nel deserto. Risvegliate il coraggio e siate uomini, o Filistei, altrimenti sarete schiavi degli Ebrei, come essi sono stati vostri schiavi. Siate uomini dunque e combattete!' Quindi i Filistei attaccarono battaglia, Israele fu sconfitto e ciascuno fu costretto a fuggire nella sua tenda. La strage fu molto grande: dalla parte d'Israele caddero tremila fanti. In più l'arca di Dio fu presa e i due figli di Eli, Ofni e Finees, morirono." (Primo libro Samuele 4,3-11)

Trentamila uomini caddero e l'arca fu portata ad Ashdod, nel tempio di Dagon il dio che i Filistei veneravano.
Nel Primo Libro di Samuele (5,6,7) è descritto cosa accadde. L'arca decapitò la statua di Dagon; provocò un epidemia, gettò il popolo nel terrore affliggendolo con tumori. L'arca fu portata a Gat e la cosa si ripeté. Così avvenne ad Accaron. I Filistei furono decimati e costretti a restituire l'Arca ad Israele. La riempirono con doni votivi in oro, come consigliato dai sacerdoti, fu messa sopra un carro trainato da vacche che non avevano mai portato il giogo, che da sole giunsero a Bet-Semesh. Gli abitanti furono lieti di riavere l'Arca, ma settanta di loro furono uccisi perché avevano guardato dentro di essa. (Nella versione della Bibbia di re Giacomo i morti si indicano in 50.070).
Infine fu portata a Kiriat-Iearim nella casa di Abinadad dove rimase per 50 anni.
Continuando a leggere si apprende che Israele sotto la guida di Samuele e dell'Arca sconfisse per sempre i Filistei, riconquistò le città di Accaron, Gat e tutta la regione.
Quando Davide divenne re di Israele decise di portare l'Arca a Gerusalemme.
Durante il trasporto:

"...i buoi inciamparono; Uzza, con la mano, trattenne l'Arca di Dio. Il Signore si adirò contro Uzza e per quell'errore lo colpì. Uzza morì sul posto. Davide fu sconvolto e chiamò il posto Perez-Uzza." (Samuele II libro 6)

L'arca finì in casa di Obed-Edom per tre mesi, dato che Davide sconvolto non se la sentì di condurla a Gerusalemme.
Non fu Davide però a costruire una casa dove custodire l'Arca:

"Tuo figlio Salomone mi costruirà il tempio e i cortili sacri, perché io l'ho scelto: sarà un figlio per me e io sarò suo padre." (Cronache I, 28)

Così parla Dio a Davide.
Nel 955 a.C. il tempio fu terminato e l'Arca posta nel tabernacolo.

Molte le ipotesi degli studiosi su cosa in realtà fosse e quale il suo uso, ma gli uomini di quel tempo erano capaci di costruire un'arma potente senza rendersene conto?
Tracce di tecnologie avanzate sono state trovate in terra egizia e in epoca precedente all'esodo.
Hower Carter, nella tomba di Tutankhamen, ritrovò numerose scatole rettangolari di legno rivestite, dentro e fuori, con oro zecchino, provviste di aste per il loro trasporto, fra queste l'arca di Anubis nello stesso stile descritto nella Bibbia.
W. M. Petrie è stato molto chiaro: "Sopra l'arca stavano due cherubini, ciascuno posto all'estremità del propiziatorio che ne formava il coperchio. Questa raffigurazione combaciava con le arche di fattura egizia, dove si osserva la dea Maat che, con le sue ali spiegate, ricopriva il sarcofago."
Inoltre sulle porte e le pareti posteriori della tomba vi erano raffigurate donne molto alte, dai lineamenti austeri, che si dice rappresentino Iside e Nefti, con una strana particolarità: entrambe le figure sono in oro battuto e riprodotte con ali aperte rivolte verso l'alto. Dee egizie o angeli?

In terra egizia, a Luxor, altorilievi raffigurano un'arca a forma di barca sollevata da sacerdoti a mezzo di aste.
Il vocabolo ebraico "tebah" era usato per indicare arche a forma di imbarcazione, il suo significato letterale è "contenitore a forma di nave". In Etiopia il vocabolo per indicare l'Arca è "Tabot".

Mosè possedeva le conoscenze tecnologiche per costruire l'Arca?
Egli fu allevato nella famiglia reale, istruito e iniziato ai più grandi segreti dai sacerdoti egizi.
Secondo il papiro Westcar, un alto sacerdote di nome Tchatcha-em-ankh, pronunciando una formula magica, sovrappose le acque di un lago permettendo, ad una delle vergini presenti nella barca del faraone, di recuperare un gioiello, a lei molto caro, caduto accidentalmente sul fondo dello specchio d'acqua.

Gli egizi conoscevano magici segreti per dividere le acque? Mosè apprese tali segreti nel suo noviziato?
Erodoto scrisse che l'Egitto possedeva opere e meraviglie non descrivibili a parole e confessò di conoscere alcuni misteri che non poteva rivelare. Perché fece una simile affermazione? Per attirare l'attenzione del suo interlocutore? Disse una bugia gloriandosi di sapere cose che altri non avrebbero mai potuto conoscere?
Cosa dire; sappiamo tutti del grande credito che riscuotono i suoi scritti e le sue testimonianze.

È certo un grande mistero l'avanzata conoscenza degli Egizi, visto che tale civiltà è apparsa improvvisamente da un giorno all'altro e sapendo, inoltre, che un'elevata conoscenza tecnologica si acquisisce dopo migliaia di anni di evoluzione, non dall'alba al tramonto. Era un popolo depositario di una grande conoscenza andata perduta?
Le notizie storiche ci dicono che eccellevano nella lavorazione dei metalli, tanto da rendere compatto il rame e creare strumenti da utilizzare nel taglio della dura diorite e del granito. Nei loro calcoli matematici utilizzavano il p (pi greco); molto utile nelle tecniche costruttive. Possedevano notevoli tecniche astronomiche; sono stati capaci di posizionare la Grande Piramide proprio al centro delle terre emerse. Sembra che conoscessero anche l'elettricità, dato che i noti bassorilievi sulle pareti del tempio di Dendera raffigurerebbero lampade ad incandescenza.
Cosa dire del famoso "Uccello di Saccara", dono del Dio Amon, accertato come modellino di aliante?
E questi sono solo pochi esempi del loro grande sapere.

Per la scienza ufficiale da 6.000 anni, per molti altri ricercatori da ben oltre 12.000, la Sfinge e le piramidi ci osservano dalla piana di Giza con le loro megalitiche, imbarazzanti pietre di granito; un sarcofago vuoto capace di produrre vibrazioni sonore genera nelle nostre menti domande che non avranno mai risposte certe. Le pietre posizionate sopra la stanza che lo contiene, tanto per rimanere in tema, ci lasciano di "sasso".

In poche parole Egitto significa segreti e misteri. Erano questi conosciuti da Mosè? Aveva l'opportunità di usare tecnologie per costruire uno strumento in grado di abbattere mura, quelle di Gerico; di uccidere, di scatenare epidemie, di annullare la gravità e far levitare in aria oggetti, generare energie incontrollabili e mortali?
Per rispondere dovremo sapere chi era davvero Mosè.
Freud e Osman lo identificano con Akhenaton (Vedi: "Akhetaten Città dell'orizzonte"). Laurence Gardner, priore della "Celtic Church's Sacred Kindred" di St. Columbia, noto genealogista internazionale, lo indica in Aminadab o Amenhotep figlio di Tiye, abbandonato al Nilo, allevato dal fratellastro della principessa, educato dai sacerdoti egizi di Ra.
A Tebe Mosè avrebbe introdotto il concetto di un Dio onnipotente senza volto di nome "Aten", equivalente all'ebraico "Adonai", che in fenicio significava Signore. Quando venne bandito dall'Egitto e si rifugiò nel Sinai, per tutti coloro che lo sostenevano rimase l'erede al trono e considerato il loro "Mosis", cioè "Mosè" parola egizia che significa "nato da".
Diverse cose non quadrano nella storia di Mosè. Come è possibile che una principessa egizia conoscesse la lingua ebraica e la usasse per dare il nome ad un bambino; lingua che gli israeliti usarono solo 400 anni dopo? Più logico battezzarlo con un nome egizio. Nessuno osservava l'editto del faraone? Le levatrici e la principessa nel salvarlo, la madre naturale alla quale venne riconsegnato per allattarlo. Non solo, ma dobbiamo credere che venne concesso alla figlia del faraone di adottarlo?
La storia di un bimbo salvato dalle acque somiglia alla storia di Sargon re di Accad, appresa dagli ebrei durante il loro soggiorno forzato a Babilonia.
I documenti e gli scritti custoditi nelle numerose biblioteche della città furono certamente consultati dagli scribi ebrei che ricercavano l'origine dell'umanità. Le storie che trovarono servirono per la stesura dell'Antico Testamento.
Difficile credere a semplici coincidenze nel leggere opere antecedenti come l'Enuma Elish, le vicende di Gilgamesh, di Utanapishim e Adapa. Nel corso del tempo gli ebrei adottarono perfino la lingua in uso nel luogo: l'aramaico.
Le notizie storiche ci portano alla corte di Tutmosi IV e a quella di suo figlio, quando il primo ministro era Jusuf Yuya, un ebreo. Amenhotep III, seguendo la tradizione egizia, dopo aver sposato sua sorella Sitamun, per avere anche una moglie adulta come prevedeva la regola, si maritò con Tiy, figlia di Yusuf, decretando che nessun figlio da lei generato avrebbe accampato diritti al trono. Nel caso di un figlio maschio sarebbe stato ucciso.
Destino volle che Sitamun partorisse solo una femmina, Nefertiti e che Tiy un maschio, prontamente consegnato in segreto dalle levatrici a Tay, cognata di Sitamun. Il bimbo nacque circa nel 1934 a.C. e fu chiamato Amenhotep e educato a Eliopolis dai sacerdoti di Ra.
Quando il faraone si ammalò il consiglio decise di assegnare il titolo a Amenhotep che nel frattempo aveva sposato la sorella Nefertiti, la quale, in tal modo, si garantì il trono. Assunto il nome di Amenhotep IV ed essendo di origine ebraica non accettò le molte divinità egizie e creò una religione monoteista adottando un dio invisibile, rappresentato da un disco solare il cui nome Aton; l'equivalente di Adon e Adonai. Ordinò di conseguenza la chiusura dei templi egizi e cambiò il suo nome in Akhenaton.
Ebbe sei figlie, fondò la città di Akhetaten, l'attuale Tel el Amarna, Suscitò sommosse e fu costretto a fuggire.
Gli successe Smenkhkare, e in seguito Tutankhaten, figlio nato dalla seconda moglie Kiya, di undici anni che i sacerdoti ribattezzarono Tutankamon ripristinando l'antica religione del dio Amon.
Akhenaton fu bandito dall'egitto nel 1361 a.C. e si recò nel Sinai. Sul trono dopo l'uccisione di Tutankamon si succedettero Ay, zio e marito di Tay, nutrice di Nefertiti, Horemhab il figliastro e infine Ramesse I.
Nefertiti scomparve, ma i suoi resti non sono mai stati rinvenuti. Akhenaton si rifugiò nella terra di Madiam e sposò Sefora figlia di Jethro, signore del posto, uno sceicco che viveva ai piedi di una montagna, l'Horeb, e, guarda caso, per questo chiamato El Shaddai, Signore della montagna.
A questo punto della storia spuntano un fratello e una sorella di Mosè: Aronne e Miriam.
Aronne, nato da Tay, avrebbe governato per un breve periodo sull'Egitto con il nome di Smenkhkare, ossia Smenkh-ka-ar-on della casa di Eliopolis per cui il nome K-Aronn. Mirian si pensa sia Kiya figlia di Gilukhipa (4) terza moglie di Amenhotep III e quindi sorella di Akhenaton. Kiya era nota anche come Mery-khi-ba e diede ad Akhenaton un figlio maschio: Tutankhamen.
In seguito Kiya divenne la regina più influente con il nome di Meryamon, per gli ebrei divenne Miriam; colei che la Bibbia indica deceduta a Kadesh ( Numeri 12,10-20,1).
Sembra sia narrato nei documenti egiziani di "Mosè-Akhenaton" come colui che condusse il suo popolo da Pi-Ramses al lago Timash attraverso il Sinai. Fra coloro che lo seguirono anche le famiglie di Giacobbe.

Quindi Mosè era un iniziato ai misteri avendo ricevuto dai sacerdoti Egizi avanzate nozioni di chimica e fisica e, di conseguenza, sapeva come realizzare qualsiasi marchingegno; grazie anche a misteriosi strumenti di sconosciuta origine, dei quali si sono perse le tracce, ma che sono stati menzionati in documenti accreditati e venerati come scritture sacre, come per esempio il famoso "Shamir", o "verme tagliente", o "la pietra che rompe le rocce".
Secondo le scritture, Mosè lo portò dal deserto; lo usò per incidere le scritte sul pettorale dell'Alto Sacerdote e Salomone lo mise a disposizione dei costruttori del Tempio destinato a custodire l'Arca dell'Alleanza.
Lo "Shamir", o "schamir". Molto è stato scritto su di esso. Chi lo identifica in un laser, chi in una mistura chimica, o qualcosa di simile, magari ricavata da una pianta.
Tale strumento servì per incidere le Tavole della Legge? Antichi misteri senza risposte.

Altra cosa curiosa il fatto che Salomone abbia incaricato Hiram di Tiro, figlio di una vedova di Naphtali, per completare i lavori del tempio. Hiram di Tiro (5); ossia il personaggio noto come "Hiram Abiff", colui che deteneva i segreti muratori; colui che costruì il "Mare di bronzo" posizionato nel cortile del tempio. Un enorme bacino bronzeo circolare di quattro metri per due, pesante 30 tonnellate, capace di contenere ben 45.000 litri di acqua che sembra servissero ai sacerdoti per le abluzioni.
E ne costruì altri dieci più piccoli:

"Poi fece le dieci conche di bronzo, ciascuna delle quali conteneva quaranta bati ed era di quattro cubiti; ogni conca posava sopra una delle dieci basi. Egli collocò le basi così: cinque al lato destro della casa e cinque al lato sinistro. Mise il mare al lato destro della casa, verso sud-est." (I Re 7,38)

Hiram che eresse due pilastri di bronzo davanti al vestibolo chiamati Jachim e Boaz:

Fece le due colonne di bronzo. La prima aveva diciotto cubiti d'altezza, e una corda di dodici cubiti misurava la circonferenza della seconda. Fuse due capitelli di bronzo, per metterli in cima alle colonne di cinque cubiti d'altezza. Fece un reticolato, un lavoro d'intreccio, dei festoni a forma di catenelle, per i capitelli che erano in cima alle colonne: sette per il primo capitello e sette per il secondo. Fece due ordini di melagrane attorno a quei reticolati, per coprire i capitelli in cima alle colonne, fatti a forma di giglio, ed erano di quattro cubiti. I capitelli posti sulle due colonne erano circondati da duecento melagrane. Egli rizzò le colonne nel portico del tempio; rizzò la colonna a destra, e la chiamò Iachim; poi rizzò la colonna a sinistra, e la chiamò Boaz. (I Re 7,15)

Hiram conosceva certamente i segreti dello Shamir, il magico strumento che "non poteva essere conservato in un contenitore di metallo perché lo avrebbe fatto esplodere, ma doveva essere avvolto in un panno di lana e sistemato in una scatola di piombo piena di farina di orzo".
Lo strumento sparì con la distruzione del Tempio. Tempio che era una specie di cassaforte per custodire un'arca: all'interno del tabernacolo, consistente in un cubo dal peso di 45.000 tonnellate di 9 metri di lato, rivestito d'oro zecchino; al suo interno c'erano anche due giganteschi cherubini d'oro di quattro metri e mezzo, con ali di oltre due metri:

"Il santuario aveva venti cubiti di lunghezza, venti cubiti di larghezza, e venti cubiti d'altezza. Salomone lo ricoprì d'oro finissimo; davanti al santuario fece un altare di legno di cedro e lo ricoprì d'oro. Salomone ricoprì d'oro finissimo l'interno della casa, e fece passare un velo, sospeso da catenelle d'oro, davanti al santuario, che ricoprì d'oro. Ricoprì d'oro tutta la casa, tutta quanta la casa, e ricoprì pure d'oro tutto l'altare che apparteneva al santuario. Fece nel santuario due cherubini di legno d'olivo, dell'altezza di dieci cubiti ciascuno. Le ali dei cherubini misuravano cinque cubiti ciascuna; tutto l'insieme faceva dieci cubiti, dalla punta di un'ala alla punta dell'altra. Il secondo cherubino era anche di dieci cubiti; tutti e due i cherubini erano delle stesse dimensioni e della stessa forma. L'altezza del primo cherubino era di dieci cubiti, e tale era l'altezza dell'altro. Salomone pose i cherubini in mezzo alla casa, nell'interno. I cherubini avevano le ali spiegate, in modo che l'ala del primo toccava una delle pareti e l'ala del secondo toccava l'altra parete; le altre ali si toccavano l'una con l'altra con le punte, in mezzo alla casa. Salomone ricoprì d'oro i cherubini." (I Re 6,20)

Il tempo e la curiosità umana però scoprono, attraverso sistematiche esplorazioni nella ricerca del passato, reperti che ad ogni giro di clessidra assumono nuovi significati, rivelano ben altre realtà, aprono nuovi orizzonti e la possibilità di riscrivere brani di storia tramite l'acquisizione di nuove impensabili conoscenze.

Nel 1904 W. M. Flinders Petrie e la sua spedizione, esplorando un altopiano nel Sinai, l'Horeb, oggi noto col nome di Serabit El Khadim, con lo scopo di rintracciare antiche miniere di rame, ritrovarono le rovine di un antico tempio egizio dedicato alla dea Hator risalente al 2600 a.C.. Tra i 463 reperti estratti dagli scavi, oggi ovviamente sparsi nei musei inglesi, irlandesi, americani e al Cairo, Petrie rinvenne alcune verghe di colore blu costituite da un materiale durissimo, due pietre coniche di 15 e 22,5 centimetri di altezza, un crogiolo usato in metallurgia e alcune tonnellate di una polvere bianca perfettamente pulita, non inquinata da altri componenti, sotterrata sotto le pietre. Polvere nominata più volte sui muri e sulle steli del tempio con il nome di "mfkzt" che si dovrebbe pronunciare "mufkuzt". (6)
Nel tempio altre iscrizioni indicavano tale polvere raggruppata in coni indicati come "pane di luce" o, "pane bianco".
Nelle incisioni nei pressi dell'ingresso alla grotta di Hator è raffigurato Thutmosi IV con la Dèa, dietro di loro un personaggio con oggetti conici descritti come "pane bianco".
In una seconda raffigurazione il tesoriere Sobekhotep porge la Shem-an-na di forma conica al faraone Amenhotep III. La dea Hator offre la croce ansata della vita al faraone; il tesoriere porta il "pane bianco".
Due steli risalenti ai regni di Thutmosi III e Amenonhotep III, ritrovate sul Serabit portano incisioni dove si vedono i faraoni presentare un cono agli Dèi. Le scritte su di esse indicano che si tratta del "pane bianco" che dona la vita. L'oro del compenso. Sul monte si produceva la polvere bianca e l'oro era la sua componente.
Il monte Serabit è l'Horeb raggiunto da Mosè, e la polvere viene nominata proprio nell'esodo:

"...prese il vitello che quelli avevan fatto, lo bruciò col fuoco, ridusse in polvere ciò che restava, sparse la polvere nell'acqua e la fece bere agli Israeliti." (Esodo 32,20)
Ecco quindi cos'è il pane bianco, "la mfkzt", è oro ridotto in polvere.

Giuseppe Flavio scrisse nelle "antichità Giudaiche" che la sostanza bianca precipitata dal cielo era "pane bianco" chiamato "manna", parola che deriva dalla radice ebraica "man" che significa "cosa è questo?":

"Ora la manna era simile al seme del coriandolo e aveva l'aspetto della resina odorosa. Il popolo andava attorno a raccoglierla; poi la riduceva in farina con la macina o la pestava nel mortaio, la faceva cuocere nelle pentole o ne faceva focacce; aveva il sapore di pasta all'olio o al miele." (Numeri 11,7-Cool

Il destino a volte ci mette del suo e provoca eventi che spalancano nuove prospettive all'umanità, offrendo grandi possibilità di crescita. L'eccessiva presenza di sodio in un terreno lo rende duro e difficile da coltivare costringendo un coltivatore di cotone a introdurre nel suolo acido solforico concentrato, in modo da poterlo lavorare dopo una successiva irrigazione. Un procedimento che allunga il tempo di utilizzo del terreno.
Il coltivatore invia ad un laboratorio di analisi campioni del suolo non trattati con l'acido ed ecco il verificarsi di uno strano fenomeno. Il residuo secco esposto alla luce ed al calore, genera un lampo di luce bianca, accecante e svanisce. Nel crogiuolo dove il campione è stato miscelato con del piombo rimane una amalgama densa e pesante, ma allo stesso tempo fragile che si sbriciola al colpo del martello. Dalle prime analisi sembra un composto di ferro, silicati e alluminio. Analisi più specifiche effettuate presso l'Accademia Sovietica delle Scienze, dove viene utilizzato un arco elettrico adoperato per lo scopo, con una durata di 300 secondi, evidenziano la presenza di palladio, platino, rutenio, iridio; cioè elementi del gruppo del platino. Era stata trovata la polvere bianca; il "pane bianco".
Così a Phoenix, nel Texas, dove l'eccessiva presenza di sodio nel terreno (7) è una delle difficoltà tipiche del territorio, quel coltivatore, David Hudson, di cui potremo parlare in seguito, scopre che il terreno della sua fattoria contiene questi elementi in misura superiore di ben 7500 volte del complesso sud africano del Bushweld Igneus Complex, dove tali materiali si estraggono a 700 metri di profondità.
Per avere un valore monetario consideriamo che vengono venduti a 100 dollari al grammo e a Phoenix se ne possono estrarre 70 chilogrammi per tonnellata.

Per dovere di cronaca la ricerca è andata avanti dal 1983 al 1989 e in quegli anni la General Electric cercava di mettere a punto una tecnologia per batterie di alimentazione basate sull'uso del rodio e iridio.
Quando Hudson svolse un'analisi termogravimetrica sottoponendo la sostanza ad un riscaldamento di 12° e raffreddandolo di 2° al minuto; scoprì un cambiamento. Quando mutava il suo aspetto da scura ad uno sfolgorante bianco lucente e tramutarsi in polvere il peso scendeva fino al 56% di quello iniziale; se infine si procedeva sottovuoto si trasformava in vetro riprendendo il peso primario. Al principio non si capiva dove finiva il restante 44% che non era registrato dalla bilancia. Si comprese in seguito che levitava e trasferiva la sua leggerezza anche agli oggetti con i quali veniva in contatto, che in alcuni casi, levitavano di conseguenza. Dato che la perdita avveniva quando era fortemente raffreddato si comportava come un superconduttore.
Solo nel 1986 nei laboratori dell'IBM di Zurigo furono scoperti i superconduttori.

Il lieve campo magnetico terrestre è in grado di fornire energia a un superconduttore in modo che esso leviti. Quando il peso giunge allo zero o a valori negativi significa che il superconduttore sta funzionando e si trova in uno stato di completa levitazione e in tali condizioni si comporta come un riflettore di luce che lo rende estremamente luminoso. La situazione esclude ogni altro campo magnetico presente, un fenomeno conosciuto come "campo di Meissner" che ne pubblicò la scoperta nel 1933.
Nel caso di due superconduttori attivi in collegamento si verifica un altro fenomeno detto "coerenza quantica" durante la quale avviene un trasferimento di luce fra i due.
La General Electric ha intuito che il mezzo ideale per realizzare batterie energetiche è l'utilizzo di un superconduttore monoatomico. Una volta attivato il procedimento dura per sempre.
Un'energia alternativa a quella attuale, a bassi costi e senza problemi di inquinamento, che risolverebbe i problemi energetici mondiali, ma qui sorge il grande, insormontabile ostacolo: che fine farebbero le multinazionali del petrolio che detengono le redini economiche del mondo?
Un cambio troppo repentino causerebbe il crollo dell'economia di tutte le nazioni; inoltre, guarda caso, la superconduttività rientra nelle questioni considerate di "importanza strategica per la nazione". Quindi...

Aggiungiamo anche che altri studi hanno portato a prevedere, dall'impiego della polvere monoatomica, la possibilità di distorcere lo spazio-tempo. La "mfkzt" risuona in una dimensione differente e in determinate circostanze diventa invisibile, dato che, quando il peso del campione tocca il valore zero, svanisce materialmente per riapparire applicando il processo inverso.

Nel 1994 un annuncio sulla rivista "Classical and Quantum Gravity" che ha del sensazionale: "Oggi sappiamo che è possibile modificare lo spazio-tempo in modo da consentire ad una nave spaziale di viaggiare alla velocità prescelta tramite un espansione locale dello spazio-tempo nella sua parte posteriore, debitamente contrastata nella parte anteriore da una paritetica azione di contrazione, in un gioco di opposti dal quale scaturirebbe una velocità superiore a quella della luce."
In pratica una specie di viaggio che non richiede né tempo, né alcun dispendio di energia, dato che la sola materia da alterare sarebbe il segmento di spazio-tempo frontale rispetto al davanti dell'astronave che, traslato nel retro, garantirebbe il trasferimento.
Quale apparecchio sarebbe necessario per realizzarlo?
Semplice, la polvere "mfkzt" che è capace di distorcere lo spazio-tempo.
Ecco il motivo per fermare Hudson che voleva produrre la polvere; ecco giustificata l'intromissione del Ministero della Difesa USA.
Un convenzionale aereo tipo Stealth non viene rintracciato dai radar ma è visibile, un secondo aereo non convenzionale può sparire in un dimensione diversa, quella superconduttiva dell'orbita della luce; il campo "mfkzt".

Ecco la storica lotta dell'uomo per l'acquisizione quell'antico sapere, di quella sapienza occulta, rimasta al servizio di coloro che detengono il potere, non debitamente divulgata fra la gente comune, che può consentire all'intera umanità una vita migliore e, nel caso specifico, in perfetta salute, viste le particolari proprietà curative della polvere "mfkzt".
Ma al mondo sembra vi siano persone più meritevoli di altre di acquisire e detenere tali conoscenze, che si permettono di decidere le sorti dell'umanità per puro interesse personale, traendone un esagerato lucro e potere. Se fra un solo secolo la terra sarà invivibile a loro poco importa dal momento che non saranno più fra noi.
Il fato però è imponderabile e segue il suo corso, va oltre le azioni e i progetti degli uomini, e fornisce l'occasione di vedere le cose in un'altra ottica. Così l'uomo di oggi guarda la sua storia e le cose che lo circondano, comprese quelle che riaffiorano dal suo passato, in modo nuovo; si pone domande che forniscono risposte diverse e riscrivono il suo trascorso su questo pianeta.

Cosa potevano essere i fasci di luce sprigionati dal propiziatorio dell'Arca dell'Alleanza?
Oggi è noto che l'area dei Sinai è soggetta a violenti temporali durante i quali l'aria si carica di elettricità statica, dando origine a fenomeni conosciuti come i "fuochi di Sant'Elmo"; vale a dire scintille continue e luminose che si producono se un alto voltaggio elettrico si scarica in un gas il quale s'illumina elettrizzandosi. In pratica si tratta di un plasma luminoso che trasferisce correnti elettriche e genera forti campi magnetici.
Tale fenomeno si verifica sugli alberi e sui monti e può spiegare cosa era il "fuoco divorante sulla cima del monte" Horeb. Oppure il roveto ardente che non si consumava. I marinai hanno testimoniato di avere osservato spesso l'albero delle loro navi bruciare senza subire danni.

ESSENDO L`ARGOMENTO ASSAI LUNGO ,PER POTERLO LEGGERE DEL TUTTO INSERISCO IL LINK:

http://www.edicolaweb.net/edic174a.htm
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: L'ARCA DELL'ALLEANZA: CUSTODIA DI SEGRETE CONOSCENZE?   

Tornare in alto Andare in basso
 
L'ARCA DELL'ALLEANZA: CUSTODIA DI SEGRETE CONOSCENZE?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Sentenza della Corte Costituzionale n.127 dell'8 aprile 2010 (centri di raccolta)
» cerco appunti di ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECO E ROMANA e di ARCHEOLOGIA CRISTIANA
» 12 crediti a scelta dell studente...ma come funzionano????
» Presentazione dell'assessore Ganapini
» Proposte di emendamenti al "decreto sviluppo" dell'8 giugno

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: ARCHEOLOGIA/VULCANOLOGIA/STORIA-
Andare verso: