IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
O.V.N.I
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   Dom 22 Nov 2009, 14:37

Zecharia Sitchin: chie era ?

Zecharia Sitchin (Baku, 1922 [1]) è uno scrittore azero. È autore di numerosi libri di divulgazione sulla cosiddetta archeologia misteriosa o pseudoarcheologia, ed è un sostenitore della "teoria dell'antico astronauta" come spiegazione dell'origine dell'uomo. Le controverse teorie di Sitchin, basate sulla sua personale interpretazione dei testi sumeri, sono considerate pseudoscienza dalla comunità scientifico-accademica, ma registrano un buon seguito nell'ambito della letteratura popolare.

Egli attribuisce la creazione dell'antica cultura dei Sumeri ad una razza aliena, detta Nefilim (in ebraico) o Annunaki (in sumero), proveniente dal pianeta Nibiru, un ipotetico 12º pianeta del sistema solare dal periodo di rivoluzione di circa 3600 anni presente nella mitologia babilonese.

Sitchin afferma anche che in corrispondenza della fascia principale degli asteroidi del sistema solare si sarebbe trovato anticamente un pianeta che i Sumeri chiamavano Tiamat che sarebbe previsto dalla formula di Titius-Bode.

Il punto di vista di Sitchin non è comunque supportato da alcuna evidenza scientifica e la teoria non viene considerata attendibile per via dell'assenza di prove a sostegno, sia dal punto di vista linguistico che dal punto di vista scientifico.

Le teorie di Sitchin andrebbero secondo alcuni nella categoria del Creazionismo non-religioso (cioè sarebbero una variante dell'ateismo), ma lo stesso Sitchin riporta nei suoi testi nozioni di Evoluzione teistica (cioè Dio avrebbe creato l'Universo col Big Bang e in futuro giudicherà le creature col Giorno del Giudizio), sebbene egli sostenga che l'uomo sarebbe frutto di esperimenti di ibridazione genetica con specie terrestri condotti da alieni.


Le idee

Secondo l'interpretazione data da Sitchin della cosmologia sumera, il sistema solare avrebbe un dodicesimo pianeta, che seguendo un'orbita ellittica rientrerebbe nel centro sistema una volta ogni 3600 anni. Secondo Sitchin, questo ipotetico pianeta, chiamato "Nibiru", nella mitologia babilonese sarebbe associato al dio Marduk il dio d'oro, il dio poliedrico della città di Babilonia.

Sitchin afferma che Nibiru avrebbe avuto un impatto catastrofico con un altro ipotetico pianeta, chiamato Tiamat e posto tra Marte e Giove. L'impatto avrebbe creato il pianeta Terra e la fascia degli asteroidi. Tiamat sarebbe stato dapprima colpito da una delle 4 lune di Nibiru, spezzandosi in due. Una di queste due metà sarebbe poi diventata la Terra e sarebbe stata spinta nell'attuale posizione da un altro impatto con una luna di Nibiru. In seguito l'altra metà, colpita da Nibiru stesso avrebbe dato vita alla fascia degli asteroidi.

Sitchin afferma che questa teoria spiegherebbe perché la geografia terrestre avrebbe la peculiarità di avere più continenti su un lato rispetto all'altro.

Secondo Sitchin, su Nibiru abitava una razza tecnologicamente avanzata e simile a quella umana, questi esseri erano chiamati Anunnaki dalla mitologia sumera e che compaiono nella Bibbia col nome di Nephilim. Secondo Sitchin sarebbero arrivati sulla terra 450.000 anni fa, alla ricerca di minerali e in particolare d'oro (che necessitavano per riparare la loro atmosfera rarefatta) e lo avrebbero trovato in Africa.

Gli Anunnaki avrebbero creato geneticamente l' Homo Sapiens Sapiens incrociando la loro razza con l' Homo erectus, con lo scopo di avere della manodopera per prelevare metalli dalle miniere. Sotto la guida di questi esseri, la civiltà Sumera avrebbe fondato la civiltà in Mesopotamia, grazie ad una casta di regnanti che avrebbero fatto da intermediari tra gli alieni e gli schiavi.

Sitchin poi afferma che nel 2000 a.C. sarebbe scoppiata una guerra nucleare tra diverse fazioni di extraterrestri, e la ricaduta nucleare, il fallout, sarebbe il "vento malvagio" che distrusse Ur secondo quanto raccontato nel Lamento di Ur.[1] Sitchin sostiene che le sue ricerche spiegherebbero numerosi passi di testi biblici.


La posizione della comunità scientifica

Quando Sitchin elaborò la propria teoria e pubblicò i primi testi, il Sumero era una lingua ancora poco comprensibile e nota solo a pochi specialisti. Oggi però grazie ad alcune pubblicazioni di massa come Sumerian Lexicon[2] è stato possibile verificare che sia la traduzione delle singole parole sia quella di porzioni di testo sono per lo più incorrette [3][4].

La visione di Sitchin della "collisione planetaria" non fa altro che riassemblare superficialmente un teoria che è seriamente presa in considerazione dagli astronomi. Tuttavia ciò che prospetta Sitchin diverge sia nei dettagli che nei tempi.

Sitchin basa le proprie argomentazioni sulla sua personale interpretazione dei testi sumeri e sull'interpretazione del sigillo sumero denominato "VA 243". Egli afferma che i questi antichi popoli avevano conoscenza dei 12 pianeti, mentre in realtà essi ne conoscevano solo 5[5]. Centinaia di sigilli e calendari sumeri sono stati decodificati e il numero di pianeti che ognuno di essi indica è di 5. Sul sigillo VA 243 ci sono 12 puntini che Sitchin inerpreta come pianeti. Una volta tradotto, sul sigillo VA 243 si legge Tu sei il suo servo che si pensa sia un messaggio di un nobile al servo. Per lo studioso Michael S. Heiser, il cosìdetto sole sul VA 243 non sarebbe un sole ma una stella, così anche i puntini rappresentano delle stelle [5][6]. Analoghe posizioni sono state espresse da Immanuel Velikovsky, Erich von Däniken, Alan F. Alford e Laurence Gardner

http://it.wikipedia.org/wiki/Zecharia_Sitchin


Ultima modifica di O.V.N.I il Dom 22 Nov 2009, 14:54, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
O.V.N.I
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   Dom 22 Nov 2009, 14:39

La mezza verità su Nibiru

L’archeologo e ricercatore Zecharia Sitchin afferma che il Pianeta X è Nibiru, il quale è il pianeta degli Anunnaki, gli angeli caduti dei Sumeri. Sitchin afferma che le antiche civiltà erano il prodotto di conoscenze portate sulla Terra da alieni detti Anunnaki dai Sumeri, mentre nella Bibbia sono chiamati Nefilim. Questi esseri proverrebbero dal pianeta Nibiru, che compie un’orbita irregolare attorno al Sole di 3600 anni, il cui punto più vicino al Sole si trova tra Giove e Marte. La presenza di questo pianeta spiegherebbe certe anomalie riguardanti Nettuno, Urano e le loro lune, ed inoltre Sitchin afferma che alcune lune di Urano e Nettuno sono state generate dal transito di Nibiru vicino questi due pianeti. Secondo Sitchin gli abitanti di Nibiru scesero sulla Terra 450 mila anni fa per sfruttare le risorse minerarie e stabilirono la loro base principale nella bassa Mesopotamia. Successivamente, per mancanza di manodopera, venne creata 280 mila anni fa una razza di lavoratori, manipolando geneticamente delle forme di vita già presenti sulla Terra per creare l’uomo. Tuttavia, l’uomo si moltiplicò in maniera tale che i loro creatori non seppero più gestirli, ed a complicare le cose intervenne un diluvio circa 12-13 mia anni fa che sterminò gli uomini e distrusse le strutture degli Anunnaki, i quali prevedettero la catastrofe e si misero in salvo con le loro astronavi. Alcuni esseri umani si salvarono rifugiandosi nelle basi sotterranee degli Anunnaki, e successivamente furono istruiti ed organizzati da loro in modo di poter creare le antiche civiltà della Mesopotamia, dell’Egitto, della Valle dell’Indo, e così via.

Al di là degli elementi mitologici, è certo che all'epoca dei Sumeri furono fatte osservazioni astronomiche che rilevarono la presenza di Nibiru durante l'orbita nel nostro sistema solare, e contestualmente i Sumeri rilevarono la presenza di esseri non di questo pianeta che provenivano dallo spazio. Evidentemente i Sumeri credettero erroneamente che gli alieni provenissero da Nibiru, dato che un pianeta che per secoli è distante dal Sole, immerso nel buio e nel gelo più assoluto, non può ospitare la vita. Probabilmente i Sumeri assistettero alla visione di una gigantesca astronave madre aliena che partì per lo spazio, e ritenettero che si trattasse di Nibiru, cioè di quel pianeta anomalo che alla loro epoca era facilmente osservabile.

Il problema è che Zecharia Sitchin fa un'interpretazione personale di alcuni elementi della mitologia Sumera, considerando delle cose in modo poco oggettivo, e questo riduce l'attendibilità delle sue affermazioni. Infatti, negli ultimi anni molti studiosi hanno rilevato gli errori di interpretazione di Sitchin, screditando di fatto tutto il suo lavoro, e nessun studioso è mai giunto alle sue conclusioni studiando le stesse cose che egli ha studiato.

Il fulcro del lavoro di Sitchin si basa principalmente su traduzioni di termini sumerici, accadici, ebraici e babilonesi... il problema e' come sono state fatte queste traduzioni. A quanto pare Sitchin ha ignorato alcuni elementi di base di grammatica, come fatto notare da molti, e di fatto Sitchin attribuisce alle parole un significato differente da quello che gli attribuivano gli stessi popoli sumerici e babilonesi. sumeri oltre ad aver inventato la burocrazia, la scuola e una valanga di altre cose hanno anche inventato I DIZIONARI, e molte copie sono arrivate fino a noi... e smentiscono le traduzioni di Sitchin. Ma Sitchin va oltre... trovando connessioni tra miti mesopotamici e storie che semplicemente non esistono nella letteratura dell'epoca. Tenete conto che quando parliamo di tavolette sumeriche o babilonesi non parliamo di qualche centinaio di pezzi... si stima che gli scritti originali in cuneiforme che ci sono pervenuti, contando sia collezioni private che musei, siano circa mezzo milione.
Non esiste infatti una singola tavoletta che riporti la storia di esseri chiamati Annunaki viventi su un pianeta di nome Nibiru, come non esiste una singola tavoletta che parli di 12 pianeti nel sistema solare, e gli scritti astronomici mesopotamici che ci sono pervenuti sono abbondanti

il problema?

IL problema è che sia gli archeologi e astronomi dicono che i calcoli e le scoperte riportate nel libro sono totalmente errate e che i documenti che l'autore presenta non sono riportati in nessuna tavola ritrovata fin ora....

ma allora questo nibiru esiste o pure è frutto di un qualcosa per fare marketing di un libro?



qualcosa pero si fà notare


E pure il 4 aprile 2007 grazie al telescopio situato a la silla nelle ande cilene fù scoperto un pianeta simile alla terra, visibile nella costellazione della bilancia, il pianeta ha un raggio del 50% più grande della terra con un sistema roccioso che porta a pensare all'esistenza di acqua allo stato liquido, a rendere la cosa più attendibile vicino ad esso orbita una stella, precisamente una nana rossa, la distanza e la temperatura sono tali da rendere l'acqua liquida, secondo alcune stime la temperatura del pianeta dovrebbe girare tra 0 e 40 gradi, la nasa studiandolo attentamente non nasconde la possibilità di vita e di acqua liquida, progettando una missione presunta per il 2010.

a questo punto il vero pianeta nibiru potrebbe essere lui? la sua distanza da noi e di 20,4 anni luce, circa 193 mila miliardi di chilometri, contando che in totale sono stati scoperti 229 pianeti nuovi all'esterno della nostra costellazione, ed esso risulta il più simile alla terra!!!

La nasa, circa ogni 3 mesi scopre la belezza di 5 pianeti nuovi, un numero elevato.



altri indizzi e misteri

Alcuni cerchi nel grano mostra il nostro sistema solare, all'esterno di esso troviamo un undicesimo pianeta, forse nibiru?
anche se il mistero dei cerchi del grano non è ancora stato scoperto del tutto, la questione rimane appunto un segno intterogativo, noi tutti ci stiamo affidando a ricerche basate su internet e di video (quasi tutti fake) su youtube riguardanti nibiru, per qualcosa che magari non esiste.

Sul sito governativo della nasa un articolo svela la scoperta di un nuovo pianeta, ma questo ci stà, perchè di pianeti loro ne scoprono decine ogni anno, forse di più.

L'uomo ha bisogno di fuggire dalla realtà, perchè ormai annoiato della sua esistenza, il bisogno di vedere o conoscere cose nuove al di fuori del suo cerchio per sentirsi parte di qualcosa e per cercare una risposta del perchè noi ci troviamo su la terra.

La verità la scopriremo forse tra 3 anni, quando la presunta apparizione di questo pianeta farà capolino nei nostri occhi privi di telescopio, e se questo accadrà allora dovremmo unirci tutti insieme, e sperare che il suo passaggio non comporti troppi disagi al nostro pianeta!

Ma se questo non avverrà allora ci alzeremo dal letto come ogni mattina, guarderemo il cielo e penseremo (questa si che è una bella giornata) Smile



per saperne di più scrivi su google (gliese 581)

http://www.nibiru2012.it/nibiru-2012/la-mezza-verita-su-nibiru.html
Tornare in alto Andare in basso
O.V.N.I
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   Dom 22 Nov 2009, 14:44

DOCUMENTI : il decimo pianeta.

.. Nel 1970 venne generato al computer il primo modello di un ipotetico Decimo Pianeta (Planet X). Si calcolò che il Planet X dovesse essere almeno 5 volte più grande della terra. Venne calcolata inoltre la lunghezza e la forma della sua orbita attorno al sole e il numero d'anni per completarla. Nel 1983 un gruppo d'astronomi supportati dalla NASA compirono degli studi con il satellite astronomico ad infrarossi (IRAS) e scoprirono la presenza di un oggetto di dimensioni pari almeno a quelle di Giove ai margini del Sistema Solare. Gli scienziati non seppero classificare quest'oggetto.

.. Incuriosito dal fatto che le orbite delle comete a lungo periodo osservate da terra non erano orientate esattamente nello spazio, uno scienziato della "Open University in UK" ha capito che potrebbero essere influenzate dalla gravità di un grande e misterioso oggetto sconosciuto, in orbita attorno al sole. .. Si crede che le comete a lungo periodo siano originate in un vasto "bacino di riserva" di comete potenziali, conosciute come la fascia ( = nube) di Oort, che avvolge il Sistema Solare ad una distanza che varia dalle 10.000 alle 50.000 unità astronomiche (UA). .. Solo quando vicini al sole, gli oggetti cominciano a fare "le comete", con la loro classica coda.

.. Due gruppi di ricercatori hanno ipotizzato l'esistenza di un pianeta o stella abortita, .. orbitante attorno al sole alla distanza di oltre 4 mila miliardi di chilometri, molto lontana dall'orbita dei 9 pianeti conosciuti, .. che potrebbe spiegare la traiettoria di alcune comete. .. Finora nessun telescopio ha individuato quest'oggetto ma, sulle basi delle sue influenze gravitazionali, J. Murray ipotizza che il pianeta potrebbe essere più grande di Giove ed orbitare circa 32.000 Unità Astronomiche dal Sole. [Secondo altri] potrebbe essere un pianeta od una Nana Bruna, circa tre volte più grande di Giove, ed orbitare a circa 25.000 Unità Astronomiche dal Sole. .. Il periodo di rivoluzione dell'oggetto intorno al Sole dovrebbe essere di circa 4 o 5 milioni di anni. La teoria di Murray ipotizza un periodo di rivoluzione di almeno 6 milioni di anni e che il pianeta ruota intorno al Sole nel verso opposto a quello seguito dai 9 pianeti conosciuti. Come mai .. non è stato individuato prima? Murray risponde che perfino un pianeta come Giove sarebbe difficilmente osservabile a tali distanze. .. Qualcuno ha proposto che l'effetto della gravità di questo oggetto si avvertirebbe sulla Terra sottoforma di tempeste periodiche di comete, aumentando enormemente la possibilità che una di esse entri in collisione con il nostro pianeta.

.. Nel 1978 .. Robert Harrington e Tom Van Flandern [studiarono la] massa di Plutone e del suo satellite Caronte [e] stabilirono che le orbite di Urano e Nettuno venivano disturbate dalla forza di gravità di un corpo celeste ancora non identificato. Gli anni seguenti i due ricercatori proposero un modello generato al computer del pianeta che venne denominato Planet X: .. un pianeta catturato dal Sole, con un'orbita molto eccentrica, molto inclinata e molto lunga intorno al Sole. Secondo i calcoli dei due ricercatori il Planet X doveva avere una dimensione di 3 o 4 volte maggiore rispetto a quella della Terra. Nel 1982 la NASA confermò ufficialmente la possibilità di un Planet X. .. L'anno successivo il satellite astronomico a infrarossi (IRAS) scovò un enorme oggetto nelle profondità dello spazio, [che] è stato individuato in direzione della costellazione di Orione: [ha] un'orbita ellittica inclinata di 30 gradi, e .. la sua distanza dal Sole [è] 3 volte maggiore di quella di Plutone.

.. Un team internazionale di astronomi che hanno studiato [la] cometa .. 2000CR/105 [ritiene che] un corpo delle dimensioni almeno pari a quelle di Marte, .. molto oltre gli altri 9 pianeti conosciuti del Sistema Solare, potrebbe essere stato un tempo parte del nostro sistema, e potrebbe ancora essere lì. Questo corpo segue un'orbita attorno alla nostra stella molto ellittica che lo porta a trovarsi alla distanza di circa 4.5 miliardi di chilometri dal Sole per poi riavvicinarsi fino a trovarsi nei pressi di Nettuno. Il periodo di rivoluzione di questo corpo è di circa 3.300 anni terrestri. ..

http://www.the1phoenix.net/x-files/planetx.htm#documenti
Tornare in alto Andare in basso
O.V.N.I
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   Dom 22 Nov 2009, 14:45

CONFERME STORICHE

Il numero dei suoi corpi celesti è dodici. / Dodici sono le stazione dei suoi corpi celesti. / Il totale dei mesi della Luna è dodici. (testo mesopotamico K.3558, tradotto da Charles Virolleaud)

.. Il conto è presto fatto: Sole, Luna, i nove pianeti oggi conosciuti e il Planet X.

.. Esiste un testo mesopotamico, la Enuma Elish ("Quando nell'alto"), risalente al 2000 a. C., scritta in caratteri cuneiformi, composta da sette tavole, ciascuna di 115/170 righe, nella quale, in chiave di racconto, si descrive la formazione del nostro sistema solare:

.. Esistono all'inizio solo tre dèi (o pianeti): Apsu (uno che esiste fin dal principio), Mummu (uno che è nato) e Tiamat (vergine della vita). Comparvero poi gli altri pianeti in successione dal rimescolamento delle acque primordiali. Abbiamo infine: Apsu (il Sole), Mummu (Mercurio), Lahamu (Venere), Tiamat (il pianeta che darà origine alla Terra), Lahmu (Marte), Kishar (Giove), Anshar (Saturno), Anu (Urano), Ea (Nettuno), Gaga (Plutone). Il racconto prosegue poi descrivendo la turbolenza (orbite irregolari) dei pianeti e di tutta una serie di contese che portarono ad una relativa pace, interrotta dall'arrivo di Marduk, un nuovo dio, un nuovo pianeta formatosi nel Profondo. .. Marduk .. entra nel sistema solare e, dopo una serie di correzioni di traiettoria a seguito del passaggio vicino agli altri corpi celesti, si dirige contro Tiamat:
Il Signore distese la sua rete per avvilupparla; / il Vento del Male, che gli stava dietro, le scatenò contro. / Quando Tiamat aprì la bocca per divorarlo / Egli le spinse contro il Vento del Male, / in modo che non potesse più chiudere le labbra. / I feroci Venti di tempesta quindi caricarono il suo ventre; / il suo corpo si gonfiò, la bocca si spalancò. / Egli scagliò una freccia che le dilaniò il ventre; / penetrò nelle sue viscere e le si conficcò nel grembo. / Dopo averla così domata, egli spense il suo soffio vitale.

Dopo di ciò, Marduk prosegue la sua corsa, e la sua nuova traiettoria orbitale lo riporta a passare da Tiamat; e questa volta è lo stesso Marduk a colpirla, dividendola in due (una metà frantumata formerà la fascia degli asteroidi) mentre uno dei satelliti di Marduk si scontra con la metà separata (che diventerà la Terra) spingendola in un'orbita nuova assieme a Kingu (la Luna), già suo satellite.

Il Signore calpestò la parte posteriore di Tiamat; / con la sua arma le tagliò di netto il cranio; / recise i canali del suo sangue; / e spinse il Vento del Nord a portare la parte ormai staccata / verso luoghi che nessuno ancora conosceva. / L'altra metà di lei egli innalzò come un paravento nei cieli: / schiacciatala, piegò la sua coda fino a formare la Grande Fascia, / simile a un bracciale posto a guardia dei cieli.



Il testo epico afferma chiaramente che Marduk era un invasore proveniente dall'esterno del sistema solare; i Sumeri lo chiamavano Nibiru: "Il pianeta dell'attraversamento". I testi mesopotamici affermano che Marduk arrivava fino a regioni sconosciute dei cieli e alle profondità dell'universo. Che il dodicesimo pianeta, il pianeta degli dèi, tornasse, nella sua grandiosa orbita, nelle vicinanze della Terra, rappresentava un punto centrale delle convinzioni astronomiche e religiose del mondo antico. Le fonti mesopotamiche parlano di un suo periodo orbitale di tremilaseicento anni. ..



http://www.the1phoenix.net/x-files/planetx.htm#documenti
Tornare in alto Andare in basso
O.V.N.I
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   Dom 22 Nov 2009, 14:46

PROFEZIE

Gli oracoli sibillini sono testi apocrifi giudaico/ellenici del II secolo d. C., in cui si ampliano le profezie bibliche dei libri dell'Apocalisse:

Un grande segno Iddio allora darà. Simile proprio / a una croce splendente rifulgerà una stella, sfavillando / e molto lucendo giù dal raggiante cielo, e non per / brevi giornate. Dal cielo manifesterà la croce dei vittoriosi, / per la quale essi si battono. Verrà allora il tempo / del grande festivo sentiero del trionfo verso la città celeste.

Chiarissimo in queste righe il riferimento all'apparizione di un oggetto luminoso nel cielo, il cui avvicinamento sarà piuttosto lento, dal momento che per parecchi giorni sarà possibile osservare questo fenomeno. La croce apparirà "giù dal raggiante cielo", cioè a Sud.

Nel cielo ricco di stelle tutti gli astri in pieno giorno / si mostreranno, insieme con i due luminari, / nel rapido ed improvviso precipitare del tempo .. / un'ottenebrante, densa notte coprirà il disco / infinito della Terra .. Allora una fiumana potente di / ardente fiamma fluirà dal cielo e annienterà la / creazione regale .. La Luna e il fulgente Sole in uno / si fondono, e tutto si fa deserto e desolazione. / Dal cielo precipitano nell'oceano le stelle .. / E tutta l'aria sarà scossa, si riempirà di angeli [UFO? ndJB], / e faranno guerra tra loro per l'intera giornata.

In questo brano vengono descritti mutamenti atmosferici di incredibile portata. Il rallentamento del moto del nostro pianeta comporterà una lunga notte nell'emisfero oscurato e un'illuminazione continua ed intensa dall'altra parte del pianeta. In seguito lo slittamento repentino dell'asse di rotazione terrestre comporterà lo spostamento apparente di tutti i corpi celesti e si avrà l'impressione che le stelle vadano ad inabissarsi nell'oceano.

.. "Dove un tempo regnava il ghiaccio ora brucerà il Sole, e gli agrumi più gustosi verranno raccolti sulla terra della Santa Madre Russia, mentre sulle coste settentrionali dell'Africa regnerà il ghiaccio." (le profezie del monaco Basilio)

.. Secondo una profezia [di] Don Giovanni Bosco (1815-1888) .. sul futuro dell'umanità, il "peccato avrà fine" quando apparirà "un sole così luminoso quale non fu mai". .. "L'iride di pace" sarebbe apparsa sulla Terra prima che "nel mese dei fiori", cioè maggio, la luna concluda un intero ciclo. Ciò significa che nello stesso mese devono esserci due pleniluni o due noviluni. Il prossimo evento di questo tipo avverrà nel maggio 2003, che conterà due noviluni, uno nel primo giorno del mese ed uno nel trentesimo. ..

http://www.the1phoenix.net/x-files/planetx.htm#documenti
Tornare in alto Andare in basso
O.V.N.I
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   Dom 22 Nov 2009, 14:47

CONFERME SCIENTIFICHE

.. Fin dal 1930, quando venne scoperto Plutone, si è cercato un decimo corpo nel Sistema Solare che abbia una massa tale da giustificare le anomalie nelle orbite di Urano e Nettuno. .. Personalmente .. ritengo che in realtà il Planet X sia già stato scoperto ed "avvistato", sebbene la sua presenza venga tenuta (parzialmente) nascosta. .. Da un'enciclopedia scientifica del 1987 ho scoperto che la presenza di un decimo pianeta e di una seconda stella nel nostro sistema solare venne considerata così certa che le sonde Pioneer 10 e 11 avrebbero dovuto sfruttare gli influssi gravitazionali del Planet X e di Nemesis (la stella gemella del nostro Sole) per essere scaraventati al di fuori del sistema solare. Le missioni iniziarono nel 1983, proprio nell'anno in cui il telescopio a infrarossi IRAS individuò la presenza di un corpo molto massivo nel nostro sistema solare. Il Pioneer 10 fu la prima sonda artificiale ad uscire dai confini del sistema solare e vaga tuttora nello spazio; recentemente ha dato segni di vita sebbene si credesse che fosse ormai impossibile rintracciarla.

.. Il Planet X entra nel nostro Sistema Solare con eccezionale puntualità ogni 3. 657 anni circa; [secondo] una teoria, che trovò diversi sostenitori tra gli anni '70 e '80, .. il nostro Sistema Solare .. è in realtà un Sistema Stellare Binario, costituito cioè, da due stelle. La seconda stella si sarebbe formata poco dopo il Sole, dal quale si sarebbe successivamente allontanata; in seguito, la stella, di dimensioni comparabili a quelle solari, si sarebbe raffreddata ed avrebbe assunto l'aspetto di una Stella Nana, difficilmente individuabile dall'uomo perché non emette luce né radiazioni rilevabili. Questa stella venne chiamata dai primi ricercatori "Nemesis" e venne posta alla distanza compresa tra 1 e 3 anni luce dal nostro sole, molto più vicina di qualsiasi altra stella conosciuta (la più vicina, Proxima Centauri è a 4,25 anni luce). Planet X ruoterebbe proprio attorno a questo sistema binario, il cui secondo fuoco (Nemesis) è posto a circa 740 UA dal sole, 18,74 volte la distanza Plutone-Sole. Il Planet X passerebbe la maggior parte del suo tempo orbitale all'esterno del nostro Sistema Solare, all'interno del quale passerebbe soltanto 3 mesi, durante i quali ci sarebbe un sensibile aumento della velocità di rivoluzione.

Nel momento di intersecare il piano orbitale terrestre, il Planet X formerà un triangolo con la Terra e con il Sole. Il triangolo avrà angoli di 139° nella posizione del Planet X, 23° nella posizione della Terra e 18° nella posizione del Sole. L'angolo di entrata nel piano orbitale sarà di 32°.

.. La porzione del cielo occupata dal Planet X in questi anni è quella interessata dalla costellazione di Orione.

.. L'avvicinamento progressivo del Planet X .. comporta diversi sconvolgimenti sul nostro pianeta. Gli effetti magnetici influiscono sul nucleo ferroso del nostro pianeta che rilascia quantità enormi di energia. I risultati sono un sensibile incremento dei terremoti profondi e dei terremoti superficiali, aumentati, questi ultimi, del 700% nel 2001 rispetto al 1971. Non solo, la temperatura del fondo degli oceani si è alzata sensibilmente a partire dal 1997, e l'inverno 2000/2001 verrà ricordato come il più caldo di tutti i tempi. .. A partire dal 1995 .. la Terra ha iniziato a rallentare il proprio moto di rotazione [e] nel 2003 .. si fermerà per 3 giorni.

.. L'utilizzo dei telescopi degli osservatori astronomici gestiti da enti privati è fuori del controllo dei governi; per questo è stato possibile ad alcuni astronomi europei e statunitensi verificare la presenza di un corpo sconosciuto nella volta celeste. Il primo avvistamento di cui abbiamo conoscenza è stato effettuato il 7 Febbraio 2001 dall'osservatorio astronomico di Neuchatel in Svizzera; l'oggetto si presentava come un'ombra di colore rossastro ed aveva coordinate di Ascensione Retta 5h 16' 78" e di Declinazione 16° 57' 94". Il 1° Aprile, dall'osservatorio astronomico di Lowell in Arizona, Stati Uniti, è stato individuato un oggetto non identificato con coordinate di Ascensione Retta 5h 15' 25" e di Declinazione 16° 53' 03". A causa della grande distanza, l'osservatore non è stato in grado di distinguere il colore dell'oggetto che appariva come una macchia diffusa di colore chiaro. Circa 2 settimane più tardi, dal Gordon Macmillan Southam Observatory venne individuato un oggetto circondato da un'ombra rossa dalle coordinate corrispondenti a quelle previste nella tabella di avvicinamento del decimo pianeta (approssimativamente A.R. 5h 13' 84" e Dec. 16° 41' 97"). ..


http://www.the1phoenix.net/x-files/planetx.htm#documenti
Tornare in alto Andare in basso
O.V.N.I
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   Dom 22 Nov 2009, 14:48

PARERI DEGLI ESPERTI

.. I pianeti veri e propri, tutt'ora accertati, sono otto: Mercurio, Venere, la nostra Terra, Marte, Giove, Saturno, Urano e Nettuno. Tra Marte e Giove esiste una zona strapiena di massi e planetoidi di dimensioni variabili, detti asteroidi; la cosa si ripete oltre Nettuno, con la fascia dei plutini, da poco scoperta, e di cui Plutone fa parte (fonte del nome assegnato alla fascia). Purtroppo si tratta di oggetti piccoli e lontani, difficilmente osservabili da terra... e il telescopio spaziale ha altro da fare, per indagare su galassie lontane. Oltre questa zona, inizia la fascia di Kuiper (in effetti si presuppone che i plutini siano i membri più interni di questa fascia), contenente molti altri asteroidi ghiacciati... e su di essa si concentrano gli sforzi per cercare un eventuale decimo (nono, se declassiamo Plutone a semplice asteroide) pianeta. A tutt'oggi, lo studio delle orbite dei pianeti esterni, ha portato a formulare l'ipotesi che il decimo ospite del sistema solare non sia un pianeta, bensì una stella di massa molto piccola, la quale ha innescato deboli reazioni termonucleari e si è esaurita in fretta - una stella nana bruna - e che quindi non è più molto luminosa, emettendo solo nella banda infrarossa. La sua massa dovrebbe essere molto più grande di quella di Giove (che, ricordo, da solo fa il 70% della massa dei pianeti conosciuti!).

http://www.the1phoenix.net/x-files/planetx.htm#documenti
Tornare in alto Andare in basso
O.V.N.I
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   Dom 22 Nov 2009, 14:50

CONCLUSIONI

.. Il Planet X .. si troverà a circa 1 UA di distanza dal nostro pianeta .. tra Maggio e Giugno 2003. In quel periodo il moto di rotazione della terra si arresterà per circa 3 giorni e i poli magnetici slitteranno di 90°. Non é escluso che, nell'avvicinarsi al Sole, il Decimo Pianeta subisca delle modifica alla sua orbita. Ciò significherebbe il ritardo della data di Perigeo prevista, che potrebbe variare anche di diversi mesi.

.. Nel suo lento avvicinamento alla Terra, il Decimo Pianeta porterà grandi cambiamenti a livello climatico, la temperatura degli oceani s'innalzerà notevolmente, aumenterà il numero di alluvioni e di terremoti. Il moto ha già iniziato a rallentare impercettibilmente. Quando sarà molto vicino alla Terra, il Decimo Pianeta provocherà grandissimi sconvolgimenti: maremoti e terremoti saranno all'ordine del giorno, enormi quantità di energia verranno liberate con eruzioni vulcaniche, l'acqua dei fiumi non sarà più potabile per la radioattività e tutti i prodotti agricoli non saranno più commestibili per lo stesso motivo. Sarà inoltre impossibile la comunicazione con apparati elettronici, funzioneranno solo apparecchi che funzionano con onde radio. Gran parte della superficie terrestre diverrà inabitabile nel giro di qualche settimana e tale rimarrà per un periodo piuttosto lungo. Lo slittamento dei poli magnetici porterà con se la parte superficiale della crosta terrestre e causa dello spostamento delle placche tettoniche alcune zone oceaniche diverranno immensi continenti e molte zone terrestri sprofonderanno.

.. Date le dimensioni è probabile che nel passaggio attraverso la fascia degli asteroidi tra Marte e Giove il pianeta catturi asteroidi e successivamente investa il nostro pianeta con una pioggia di meteoriti. Proprio per questo gli scienziati della NASA stanno mettendo a punto dei sistemi per deviare la traiettoria di oggetti stellari molto grandi in rotta di collisione con la Terra. Nell'Aprile 2001 sono iniziati i test dei propulsori per le testate nucleari Titan 2, sono già in fase di test dei nuovi propulsori denominati Delta IV, di recente costruzione. Il detonatore che dovrebbe essere usato per colpire gli asteroidi continuerà ad essere testato su corpi celesti di piccole dimensioni: la sua particolarità consiste nel posizionare il detonatore in un punto interno e non sulla superficie dell'asteroide. Per fronteggiare i costi delle operazioni sono stati cancellati molti progetti minori e tutti i progetti posteriori al 2003. Di recente inoltre, l'amministrazione Bush ha deciso di finanziare i progetti della Nasa nel 2002 per 14,8 miliardi di Dollari, 508 milioni in più rispetto all'anno precedente e 282 milioni più di quanto previsto dallo stesso presidente Bush pochi mesi fa.

.. La NASA, non molto tempo dopo l'apparizione del pianeta nei nostri cieli passerà al piano di salvataggio: farà in modo di trasferire quanta più gente possibile a bordo della ISS (stazione spaziale internazionale) Alpha, che verrà completata a tempo di record proprio nel 2003, come è stato deciso recentemente dal presidente Bush. Il numero massimo di "posti" disponibile sarà ampliato enormemente da dispositivi aggiuntivi gonfiabili denominati "TranshHab" che vengono testati fin dal 1997. Coloro che potranno alloggiare sulla stazione Alpha verranno scelti per caratteristiche fisiche e per meriti intellettuali, non è escluso che venga riservato qualche posto ai capi di stato dei paesi più impegnati nella costruzione della stazione Alpha, Russia e Stati Uniti in testa. I "fortunati" verranno portati sulla stazione Alpha solo all'ultimo momento con degli space shuttle particolari adattati allo scopo integrati da space shuttle totalmente nuovi. Si stanno progettando altri sistemi per colonizzare lo spazio tra la Terra e la Luna per portare nello spazio un numero consistente di persone (oltre 10.000) ma la ricerca è ancora in corso in diverse università americane (tra cui Princeton) e non sappiamo nulla dello stato di avanzamento del progetto. Molte nazioni si opporranno alle scelte che verranno fatte per mettere in salvo una fascia rappresentativa dell'umanità e quelle che stanno già adesso portando avanti progetti spaziali autonomi tenteranno con ogni mezzo di boicottare i lanci dalle basi Statunitensi della NASA che però sta approntando in collaborazione con l'USAF un sistema di difesa adeguato. Altri gruppi autonomi di persone si stanno preparando al passaggio approntando bunker di emergenza in luoghi ritenuti sicuri al momento dello sconvolgimento.

.. I vertici militari e governativi di tutti gli stati della NATO sono già al corrente della situazione in modo da poter fornire un adeguato supporto al piano di difesa preparato dagli Stati Uniti. Sappiamo con certezza che altri quali Cina, India e Russia sono altrettanto informati e stanno preparando propri piani di difesa. Russa e Australia collaboreranno con gli Stati Uniti con mezzi tecnici ed economici. La maggior parte della popolazione mondiale apprenderà la notizia della presenza del Planet X e del suo avvicinamento alla Terra solo quando i mass media inizieranno a parlarne. Le istituzioni, per non diffondere panico che creerebbe solo confusione e rallenterebbe tutti i piani di difesa e salvataggio, faranno di tutto perché non trapelino informazioni finché sarà possibile. Probabilmente quando non si potrà più nascondere nulla saranno gli stessi capi di stato a fare annunci pubblici alla popolazione.

http://www.the1phoenix.net/x-files/planetx.htm#documenti
Tornare in alto Andare in basso
INTERCEPTOR
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: IL CASO DI ADAM'S ALIEN GENI   Gio 07 Gen 2010, 17:45

Zecharia SITCHIN e A. David Horn sulle origini dell'UOMO

Sitchin prende il racconto della Genesi della Bibbia, ma lo inquadra in un'ottica completamente diversa.
L'uomo sarebbe il frutto di una clonazione/alterazione genetica operata da extraterrestri molto evoluti sull'Uomo Naturalis gia’ precedentemente portato sulla terra stessa migliaia di anni prima.
Il Dio della Genesi (Yahwe’) sarebbe il capo di questi extraterrestri che hanno compiuto l'operazione di clonaggio, e che "fece l'uomo a sua immagine e somiglianza".
Questo porta a stravolgere scienza e religione in un colpo solo. http://www.sitchin.com/
L’autore rende conto delle differenze e dei paralleli tra le teologie monoteiste e l'olimpo degli dei greci, unificando attraverso le origini sumeriche le differenze che sono nate dopo.

E anche dal punto di vista scientifico le sue ipotesi sono meno banali di quel che potrebbe sembrare.
Egli fa riferimento alla pubblicazione (sulle riviste scientifiche Science e Nature) del genoma umano, dove vengono identificati 223 geni di ignota origine, non provenienti da, diciamo così, un'evoluzione darwiniana per intenderci, riferimenti qui: http://www.sitchin.com/adam.htm

Anche l'ipotesi che il sistema solare abbia un ulteriore pianeta su un'orbita molto ellittica, di periodo 3600 anni non sembra del tutto fuori luogo, essendo questa ipotesi correlata alle anomalie riscontrate da sonde Pionieer o Mariner, che a suo tempo hanno fatto pensare a un ulteriore pianeta non ancora scoperto: http://www.sitchin.com/lurkingplanet.htm
Tornare in alto Andare in basso
INTERCEPTOR
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   Gio 07 Gen 2010, 17:48

IL CASO DI ADAM'S ALIEN GENI

In cui immagine è stata la Adamo - il prototipo dell'uomo moderno, l'Homo sapiens - ha creato?
La Bibbia afferma che il Elohim ha detto: "Facciamo di moda il Adamo a nostra immagine e dopo la nostra somiglianza." Ma se uno è quello di accettare un tentativo di spiegazione per i geni enigmatica che gli esseri umani possiedono, quando ha offerto la decifrazione del genoma umano è stato annunciato a metà febbraio, l'impresa è stata decisa da un gruppo di batteri!
"Umiliante" è stato prevalente l'aggettivo usato dal team scientifico e dei media per descrivere il risultato principale - che il genoma umano non contiene i 100.000 previsti - 140.000 geni (tratti di DNA che dirigono la produzione di aminoacidi e proteine), ma solo circa 30.000 + - poco più del doppio di 13.601 geni del moscerino della frutta e appena cinquanta per cento più della ascaridi di 19.098. Che Comedown dal pinnacolo della genomica Tree of Life!
Inoltre, non c'era quasi unicità del patrimonio genetico umano. Sono comparativa non la presunta del 95 per cento, ma a quasi il 99 per cento degli scimpanzé, e il 70 per cento del mouse. I geni umani, con le stesse funzioni, sono stati trovati ad essere identico a geni di altri vertebrati, così come gli invertebrati, piante, i funghi, anche lievito. I risultati non solo confermato che non vi è stata una fonte di DNA per tutta la vita sulla Terra, ma anche consentito agli scienziati di tracciare il processo evolutivo - come organismi più complessi evoluti, geneticamente, da quelli più semplici, adottando in ogni fase dei geni di un minore forma di vita per creare una forma più complessa di vita più elevato - si conclude con l'Homo sapiens.

La "testa-scratching" Discovery

E 'stato qui, nel tracciare il verticali evolutivo record contenuti nel genoma umano e le altre analisi, che gli scienziati che correva in un enigma. La testa "graffiare la scoperta da parte del consorzio pubblico", come Scienza chiamato, è che il genoma umano contiene 223 geni che non hanno la necessaria predecessori sulla struttura genomica evolutiva.
Come ha fatto l'uomo ad acquisire un gruppo di geni enigmatico?
Nella progressione evolutiva dai batteri per gli invertebrati (come i lignaggi dei lieviti, vermi, mosche o weed senape - che sono stati decifrati) ai vertebrati (topi, scimpanzé) e gli esseri umani moderni, infine, questi 223 geni sono completamente mancanti in fase di invertebrati. Pertanto, gli scienziati possono spiegare la loro presenza nel genoma umano da tempo un "piuttosto recente" (in scala evolutiva) "probabile trasferimento orizzontale di batteri."
In altre parole: In un tempo relativamente recente come evoluzione continua, l'uomo moderno non ha acquisito un extra di 223 geni attraverso l'evoluzione graduale, non in verticale su l'albero della vita, ma in orizzontale, un inserimento laterale di materiale genetico da batteri

Una immensa differenza

Ora, a prima vista sembrerebbe che 223 geni non è un grosso problema. Infatti, mentre ogni singolo gene fa una grande differenza per ogni individuo, 223 geni che fanno una differenza enorme per una specie come la nostra.
Il genoma umano è composto di circa tre miliardi di neucleotides (le lettere "ACGT che stanno per le iniziali dei quattro acidi nucleici precisare che tutta la vita sulla Terra), di loro, solo una percentuale poco più di uno, sono raggruppati in funzionamento geni (ogni gene è costituito da migliaia di "lettere"). La differenza tra una persona e un altro è pari a circa una "lettera" in mille nel DNA "alfabeto." La differenza tra uomo e scimpanzé è inferiore all'uno per cento, come i geni vanno, e l'uno per cento dei 30.000 geni è di 300.
Così, 223 geni è oltre i due terzi della differenza tra me, te e uno scimpanzè!
L'analisi delle funzioni di questi geni attraverso le proteine che essi precisare, condotto dal gruppo pubblica Consorzio e pubblicata nella Gazzetta Natura, Mostra che essi comprendono non solo le proteine coinvolte in importanti funzioni fisiologiche, ma anche psichiatrica. Inoltre, essi sono responsabili di importanti enzimi neurologica che derivano solo dalla parte del DNA mitocondriale - il cosiddetto "Eva" di DNA che l'umanità ha ereditato solo dalla madre-line, tutta la strada fino a un singolo "Eve". That sola constatazione solleva dubbi che l'inserimento "batterica" spiegazione.

A Theory Shaky

Come gli scienziati sono sicuri che tali geni importanti e complessi, come un immenso vantaggio dell'uomo, è stato ottenuto da noi - "piuttosto di recente" - attraverso la cortesia di infettare i batteri?
"E 'un salto che non segue correnti teorie evolutive", ha detto Steven Scherer, direttore della mappatura della Human Genome Sequencing Center, Baylor College of Medicine.
"Non abbiamo individuare una fonte decisamente da preferire batterica per i geni trasferiti orizzontalmente putativo", afferma la relazione in Natura. Il team di Public Consorzio, conducendo una ricerca dettagliata, ha scoperto che circa 113 geni (dal 223) "sono molto diffuse tra i batteri" - anche se sono del tutto assenti, anche negli invertebrati. L'analisi delle proteine che i geni enigmatico Express è emerso che su 35 identificati, solo dieci hanno omologhi nei vertebrati (che vanno da vacche di roditori per i pesci); 25 dei 35 erano uniche per gli esseri umani.
"Non è chiaro se il trasferimento è stato da batteri per la salute umana o da uomo a batteri," Scienza citato Robert Waterson, co-direttore della Washington University Genome Sequencing Center, come dicendo.
Ma se l'uomo ha dato quei geni di batteri, dove ha fatto l'uomo acquisire quei geni per cominciare?

Il ruolo del Anunnaki

I lettori dei miei libri devono essere sorridente, ormai, perché conosco la risposta.
Sanno che i versi biblici affrontare il modellamento di The Adam sono condensati di rendering molto molto più dettagliato testi sumeri e accadica, che si trova scritta su tavolette di argilla, in cui il ruolo del Elohim nel libro della Genesi è eseguita dal Anunnaki - "Those Who From Heaven to Earth Came".
Come illustrato in dettaglio nei miei libri, a cominciare da I 12th Planet (1976) e ancor più in Genesis Revisited e Il Codice Cosmico, Gli Anunnaki è venuto sulla Terra circa 450.000 anni fa dal pianeta Nibiru - un membro del nostro sistema solare la cui orbita lo porta alla grande la nostra parte di cielo una volta ogni 3.600 anni. Sono venuti qui in bisogno d'oro, con la quale per proteggere la loro atmosfera diminuzione. Esausto e bisogno di aiuto nelle miniere d'oro, il loro principale scienziato Enki suggerito che utilizzano le loro conoscenze genetiche per creare il bisogno di lavoratori Primitive. Quando gli altri leader della Anunnaki chiesto: Come si può creare un nuovo essere? Egli rispose:



"L'essere che abbiamo bisogno di già esistente;
tutto quello che dobbiamo fare è mettere il nostro marchio su di essa. "
I tempi erano circa 300.000 anni fa.
Che cosa aveva in mente era quello di migliorare geneticamente la ominidi esistenti, che erano già sulla Terra attraverso l'evoluzione, con l'aggiunta di alcuni dei geni delle più avanzate Anunnaki. Che gli Anunnaki, che poteva viaggiare nello spazio già 450.000 anni fa, possedeva la scienza genomica (la cui soglia ora abbiamo raggiunto) è evidente non solo dai testi reali, ma anche da numerose rappresentazioni in cui la doppia elica del DNA è resa come serpenti intrecciati (un simbolo ancora utilizzato per la medicina e la guarigione) - vedi illustrazione 'A' di seguito.
Quando i leader del Anunnaki ha approvato il progetto (come eco nella biblica "Facciamo di moda l'Adamo"), Enki con l'aiuto di Ninharsag, il Chief Medical Officer del Anunnaki, avviato un processo di ingegneria genetica, dalla l'aggiunta di e combinare i geni del Anunnaki con quelli della già esistente ominidi.
Quando, dopo molti tentativi ed errori mozzafiato descritti e registrati in antichità, un modello "perfetto" è stato raggiunto, Ninharsag lo teneva e gridò: "Le mie mani hanno fatta!" Un artista antico raffigurata la scena su un sigillo cilindrico (illustrazione ' B ').
E che, secondo me, è il modo in cui era venuto a possedere i geni unici extra. Fu l'immagine del Anunnaki, non di batteri, che Adamo ed Eva erano altri tempi.

A Matter of Extreme Importanza

A meno che ulteriori ricerche scientifiche in grado di stabilire, al di là di ogni dubbio, che l'unica possibile fonte di geni extra sono davvero i batteri, e meno che non sia poi anche stabilito che l'infezione ( "trasferimento orizzontale") sono passati da batteri a uomo e non da uomo a batteri, l'unica altra soluzione disponibile sarà quello offerto dalla sumera testi millenni fa.
Fino ad allora, l'enigmatico 223 geni alieni rimarrà come alternativa - e come conferme dalla scienza moderna di Anunnaki e loro prodezze genetica sulla Terra.







http://www.sitchin.com/adam.htm
Tornare in alto Andare in basso
INTERCEPTOR
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   Gio 07 Gen 2010, 17:52


OFFERTE SPECIALI DI STUDI Sitchin VIDEO, la registrazione, libri e giochi: Go to www.WingedDisk.com
Articoli scritti da Zecharia PER QUESTO SITO








Do Prophecies predire il futuro dell'Iraq?
Sconcertante Foto di Marte
GENETICA: SO cos'altro c'è di nuovo?
La guerra giunge in Edin
Acqua Power
La causa del progettista intelligente
La causa del vento Evil
The Case Of The Planet Lurking
Il caso di Adamo geni alieni
The Case of geneticamente modificati Primate
Astronauta corrobora Sitchin
La causa del?? Astronomo
La causa della Teiera Misplaced
Dialogo a Bellaria
La causa del Asteroid Layered
La causa della Elephant Missing
IL CASO DELLE il decimo pianeta
Adamo TRE GENITORI?

La cometa che PARLA SUMERO
Scoperte planetarie: quando gli astronomi BISOGNO DI RIPENSARE, Sitchin SMILES
Scoperte planetarie: FRATELLO, IT'S HOT OUT THERE!
IL CASO DEL astronomo francese
DO FUTURO PROFEZIE predire in Iraq?
La guerra giunge in "Landing Place"
Marte: Che cosa è la NASA Looking For?
Marte: ERA IL "FACE" RITRATTE 4.500 anni fa?
Torna alla Faccia su Marte
Troy e Il cavallo di Troia
IL CASO DEI TEMPLI VIRTUALE
30th Anniversary Of The Planet 12
"Cave Dimore" On Mars
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta   

Tornare in alto Andare in basso
 
Zecharia Sitchin : il modo suo di vedere il decimo pianeta
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Aura e come vedere l'aura
» STORIA MODERNA- MASSAFRA....urgente!!!
» Pubblicata dalla Videopress la versione definitiva di Certinps
» ingrassare con montignac?!?!?!
» prova metodo Sogno in Realtà. Stesa per una mia amica..

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: NIBIRU-PROFEZIE-
Andare verso: