IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Tunguska il Macchinario Alieno

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Tunguska il Macchinario Alieno   Mer 16 Dic 2009, 15:26

Premessa
La mattina del 30 Giugno 1908 alle ore 7,14, un meteorite roccioso di 60 metri di diametro penetra l’ atmosfera ed esplode sopra la Siberia Orientale a circa 6-8 Km d’altezza. L’energia liberata è spaventosa, pari a 1000 bombe atomiche come quella di Hiroshima, la foresta è rasa al suolo per oltre 2000 Km².
Il mondo si accorgerà di quest’evento solo vent’anni dopo grazie alla caparbietà di uno scienziato di nome Leonid Kulik, senza il quale sarebbe rimasto un avvenimento pressoché sconosciuto. Qualcuno potrebbe addirittura domandarsi perché la comunità scientifica è tuttora interessata a un fatto capitato un secolo fa. In realtà esistono diversi motivi che lo rendono ancora estremamente interessante e attuale:

 perché è stata la più imponente deflagrazione di un meteorite a memoria d’ uomo che si possa studiare;
 perché comprendere la dinamica dell’esplosione di Tunguska può aiutare a difenderci da minacce simili future;
 perché se tale esplosione dovesse accadere nel nostro tempo, con buone probabilità sarebbe scambiata per un attacco nucleare da parte di una potenza straniera, in quanto gli effetti conseguiti sono del tutto simili a quelli di un’esplosione di tipo atomico;
 perché non sono mai stati trovati resti del corpo cosmico esploso a Tunguska, nessun cratere, nessun frammento, solo micro particelle incastrate negli alberi sopravvissuti alla catastrofe.


Introduzione

I' Evento di Tunguska rimane tutt' oggi inspiegato, gli scienziati non hanno prove certe ma solo indizzi per teorizzare quello che potrebbe essere accaduto, perciò quando leggete articoli anche scientifici che titolano a gran voce " svelato il mistero di Tunguska" e cose di questo genere, non credeteci!

Conosco solo una teoria (ma ho riserve anche in questo caso) che potrebbe svelare una volte per tutte l'enigma di Tunguska, quella sviluppata dai ricercatori del CNR di Bologna, a cui tuttavia rimane un ultima fatica: organizzare una spedizione (finanziamenti permettendo) finalizzata alla trivellazione del fondale del lago Cheko per verificare se il riflettore (come viene definito dagli stessi scienziati), individuato nelle precedenti spedizioni, consiste in un frammento del corpo celeste inesploso.
Sono fermamente convinto che anche se in fondo al lago Cheko venisse scoperto il corpo cosmico, l'enigma di Tunguska avrebbe ancora molti punti oscuri da svelare, infatti i dati scientifici raccolti e le testimonianze oculari lasciano intendere che quest' evento è caratterizzato da due avvenimenti completamente distinti:

Uno di origine celeste (meteorite o cometa), uno di origine tettonica (terremoti anomali registrati prima dell'evento, anomalie magnetiche ecc. che avrò modo di spiegare dettagliatamente all' interno del blog). State certi che i ricercatori non parleranno mai in questi termini, (liquiderebbero la mia ipotesi come una coincidenza improbabile se non impossibile), cercando di spiegare i fatti attraverso un unico avvenimento.

In questo modo vengono create delle teorie "monche" incapaci di creare un modello esauriente dell' evento di Tunguska.

http://tunguska-siberia.blogspot.com/

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Tunguska il Macchinario Alieno   Mer 16 Dic 2009, 15:29

TESTIMONIANZE
Dopo l’esperienza col meteorite Fermo, ho effettivamente iniziato una ricerca una ricerca approfondita sul caso Tunguska. Già l’analisi storica mi ha fatto prendere seria coscienza dei fatti. Per prima cosa seppi che all’epoca poche persone tunguse sapevano parlare il russo. Fu un’altra aggravante che limitò le testimonianze anche negli anni a seguire l’evento, considerando poi che le loro leggende avevano avuto una singolare conferma. Non per altro le antiche storie di fochi fatui, oggetti luminosi, di sfere infuocate vennero con disprezzo respinte dalle autorità sovietiche già dagli anni ’20 poiché considerate conoscenze nefaste ispirate dall’idolatria religiosa.
Gli abitanti della cittadina di Irkutsk quella mattina del 30 Giugno non videro e sentirono niente d’insolito. Ciò stava a significare che la zona dove era possibile trovare delle testimonianze stava più a nord, probabilmente entro gli 800 Km dall’epicentro.
Interessante è la testimonianza di due abitanti di Kezhma. Kokorin e Bryukhanov, quella mattina, viaggiavano su un battello nel fiume Angara ed erano diretti verso il villaggio di Khova per fare un carico di pietre.
Kokorin raccontò ufficialmente l’accaduto nel 1920 e poi nel 1930, affermando che mentre risaliva il fiume, vide una lingua di fuoco rossa che viaggiava obliquamente in direzione del terreno. Era tre volte più grande del sole, ma meno luminosa. Vide la fiamma che scompariva dietro le colline a nord-ovest e sentì delle esplosioni che durarono mezz’ora. La terra tremò ma l’acqua del fiume rimase calma. Bryukhanov dichiarò invece di aver notato in cielo raggi a forma di cuneo, la cui parte più grossa era rivolta verso il basso, i quali sembravano trovarsi ad un angolo di 60° sull’orizzonte. Egli, insieme a Kokorin, raggiunse una casa proprio nel momento in cui si udirono in lontananza diverse esplosioni che attribuì a colpi d’arma da fuoco. Disse pure che i raggi infuocati gli avevano fatto male agli occhi, tanto che aveva dovuto distogliere lo sguardo.
C’è poi la testimonianza di Privalikhin, un ragazzo che all’epoca aveva 13 anni. Egli ha rivelato altri dettagli: "Avevo appena attaccato il cavallo all’aratro, e stavo per sistemarne un altro, quando udì un colpo come di uno sparo. Mi voltai e vidi un oggetto infuocato di forma allungata che solcava il cielo. La parte anteriore era molto più larga di quella posteriore e il suo colore ricordava quello di un fuoco che arde alla luce del giorno. Era molte volte più grande del sole, ma meno luminoso, tanto che potevo osservarlo ad occhio nudo. Dietro la fiamma trascinava qualcosa somigliante a polvere, che si addensava in nuvolette; le fiamme erano seguite da aloni blu. Il volo dell’oggetto infuocato durò per circa tre minuti, poi scomparve dietro il profilo di una collina a nord. Sentii ancora scoppi come d’arma da fuoco e la terra tremò. Le imposte delle finestre sbatterono al momento in cui persi di vista l’oggetto. Terrorizzato mi rifugiai in una capanna con altri contadini".
Sicuramente i non numerosi abitanti di Vanavara furono i più traumatizzati. Questo ex villaggio si trovava a circa 100 Km dal punto critico e, tra le tante cose, i testimoni subirono pure l’onda di calore. Dai resoconti delle loro testimonianze si arrivò alla conclusione che in piena luce diurna essi videro una colonna di fuoco, alta 12 Km e larga circa 1,5 Km. Essa si trasformò in una nuvola a forma di fungo che salì ad un’altezza stimata di 80 Km. Nessuno di loro rimase ferito seriamente ma l’oggetto infuocato lasciò un segno profondo nelle loro coscienze. Ecco perché non solo gli abitanti di Vanavara ma anche quelli d’altri villaggi limitrofi all’epicentro come Teterya, Kezhma, Strelka, dettero negli anni a seguire informazioni contraddittorie o negavano che fosse accaduto qualche cosa o addirittura cercavano di nascondere l’ubicazione del luogo del disastro.
Bisogna poi ricordare che i Tungusi erano sostanzialmente politeisti e alla base di tale atteggiamento c’era la credenza del loro Dio Ogdy e soprattutto il gran timore e rispetto per la sua soprannaturale giustizia. Del resto solo gli abitanti che si trovavano entro la distanza di circa 150 Km dall’epicentro hanno avuto piena consapevolezza sensoriale dell’accaduto.
Da analizzare poi c'è la testimonianza di due fratelli tungusi, Chuchancha e Chekaren, appartenenti al clan Shanagir, che in quella mattinata del 30 Giugno stavano dormendo nella loro tenda collocata nei pressi del fiume Avarkitty: "Checaren ed io balzammo fuori dei nostri giacigli; eravamo sul punto di strisciare fuori della tenda quando, improvvisamente, vi fu un poderoso tuono. Quello fu il primo scoppio. Il terreno iniziò a sobbalzare e a tremare, un poderoso vento colpì la nostra tenda, rovesciandola... Quindi vidi un terribile prodigio: i tronchi degli alberi che cadevano, i loro aghi che bruciavano, così come il secco sottobosco, il muschio delle renne consumato dalle fiamme. C'era fumo ovunque; i nostri occhi dolevano. Faceva molto caldo, abbastanza da bruciare a morte. Improvvisamente, sopra la collina dove la foresta era già rimasta abbattuta, tutto diventò assai luminoso e... fu come se fosse apparso un altro sole... feriva gli occhi ed anch'io chiusi i miei. E subito vi fu un possente tuono. Questo fu il secondo scoppio. Era un mattino soleggiato, senza nubi. Il nostro sole splendeva luminoso, come sempre, ed ecco che comparve il secondo sole! Dopo aver visto tutto questo, apparentemente in alto da qualche parte ma in un luogo diverso, vi fu un altro bagliore e di nuovo un poderoso boato. Questo fu il terzo scoppio. Il vento ci investì, ci mandò a gambe all'aria, colpì i tronchi degli alberi abbattuti. Osservammo gli alberi che cadevano, vedemmo come le loro cime si spezzavano e guardammo il fuoco. Ad un tratto Chekaren gridò: 'Guarda lassù!' ed indicò qualcosa. Io guardai e vidi un fulmine, che scoccò e colpì nuovamente, producendo un forte tuono. Tuttavia il botto era un po' meno intenso di quello precedente. Questo fu il quarto scoppio, simile ad un tuono normale. Ora mi sovviene che vi fu un ulteriore scoppio, il quinto, lontano e di scarsa intensità..."

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Tunguska il Macchinario Alieno   Mer 16 Dic 2009, 15:31

I pochi osservatori meteorologici sparsi nella Siberia Orientale, pur registrando i vari fenomeni che fra poco analizzeremo in dettaglio, hanno brancolato nel buio per un certo periodo, tanto che il direttore dell’Osservatorio Magnetico e Meteorologico di Irkutsk, sul Lago Bajkal, talmente impressionato da quanto poteva osservare sugli strumenti, decise di chiedere informazioni a molte persone, inviando loro un dettagliato questionario. Il signor Voznesensky notò che le scosse registrate dai sismografi durarono un’ora e mezzo, accompagnate da incomprensibili caratteristiche. Le scosse sembravano che avessero avuto una sorgente debole e localizzata, per continuare poi con una serie d’impulsi d’origine ignota. Dai dati raccolti egli raggiunse certe conclusioni, che pubblicò nel 1925, rivelando addirittura le coordinate (60° 16’ Nord, 103° 6’ Est, alle ore 7,17 locali) con straordinaria precisione per quei tempi. La cosa che più lo turbò fu un fenomeno ottico straordinario che continuò per alcuni giorni: le notti erano state insolitamente luminose e in quella, compresa tra il 30 Giugno e il 1 Luglio, il buio non venne per nulla. Furono visibili inoltre incredibili nuvole argentate, massicce e luminose, nella Siberia Settentrionale e, molto più a sud, nelle montagne del Caucaso, la notte del 30 Giugno fu ricordata come la "notte bianca". Il direttore dell’Ufficio Meteorologico dell’Istituto Caucasico di Tiflis, il signor Apostov, testimoniò che per tutta quella notte ci fu luce e il chiarore notturno durò per dieci giorni in maniera consistente, tanto che alla normalità si ritornò soltanto alla fine d’Agosto. Quelle notti così luminose furono notate da moltissime persone che vivevano in tutta la Russia, nell’Europa del Nord in particolare e in buona parte dell’Asia. In Inghilterra, addirittura, nella notte fatidica il cielo non divenne mai buio. A Londra si poteva leggere perfettamente il giornale a mezzanotte e la notte successiva fu caratterizzata da un tramonto luminoso e colorato. Questi spettacolari effetti luminosi mancarono nell’emisfero australe e nell’America Settentrionale.
Un simile evento si può spiegare molto probabilmente ammettendo che milioni di tonnellate di materia, in particolare acqua, siano state spinte verso l’alto per decine e decine di chilometri, formando così un enorme riflettore solare, mantenuto poi per svariati giorni dalla formazione delle strane nuvole ghiacciate. Nuvole impressionanti, insolite e misteriose che hanno testimoniato uno degli aspetti più spettacolari di un evento che non ha avuto eguali nel nostro pianeta. I testimoni hanno raccontato con un certo terrore che hanno udito per prima cosa un boato seguito, dopo un brevissimo intervallo, da uno schianto incredibile e da una scossa tellurica che fece sobbalzare le abitazioni. E non fu l’unica. Si calcola che l’energia liberata dall’esplosione sia stata dell’ordine di 1023ergs. Per fare un esempio comparabile, si può dire che rappresenta un’energia circa otto volte superiore a quella sviluppata per formare il Meteor Crater in Arizona.
Il sismografo dell’Osservatorio di Irkutsk registrò un sisma di magnitudine cinque sulla scala Richter, che durerà 51 minuti con un’ampiezza sempre più piccola. 45 minuti più tardi sarà registrato il passaggio dell’onda d’urto.
http://www.edicolaweb.net/nonsoloufo/tu_testi.htm

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Tunguska il Macchinario Alieno   Mer 16 Dic 2009, 15:33

Effetti barometrici
I barometri hanno registrato in quell’occasione apprezzabili variazioni di pressione che sono stati tanto più durature quanto più distanti erano dall’epicentro. A Irkutsk, città situata a circa 1000 Km dalla zona dell’esplosione, la variazione massima di pressione è stata di 0,17 millibar ed è durata solo 10 minuti. Gradualmente poi è tornata su valori normali nel giro di un’ora. A Plavlovsk (circa 3800 Km) praticamente è durata 20 minuti, mentre a Londra (circa 5700 Km) addirittura 33 minuti.

Ricordando che il barografo è uno strumento che misura i cambi della pressione dell'atmosfera terrestre, il primo evento (a frequenza bassa) è da associare a quattro ben distinte esplosioni avvenute ad altezza notevole ma decrescente. La seconda serie di oscillazioni è probabilmente da imputare all'effetto di una serie di esplosioni avvenute con frequenza molto alta, caratteristiche di un'esplosione termonucleare.

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Tunguska il Macchinario Alieno   Mer 16 Dic 2009, 15:34

Effetti magnetici
La tempesta magnetica scaturita dall’esplosione fu così intensa che le bussole, presenti presso l’Osservatorio di Irkutsk, restarono inutilizzate per parecchio tempo. Non solo gli osservatori siberiani ebbero problemi: le anomalie magnetiche furono registrate in tutto il mondo. Addirittura in antartico furono osservate aurore non previste prima e dopo l’esplosione della Tunguska. I rapporti di queste tempeste geomagnetiche sono stati pubblicati negli anni ’60 dagli studiosi Kovalevsky, Ivanov, Plehkhanov, Zhuravlyov e Zolotov.
Pure in questa ricerca rimangono delle perplessità. La più importante da spiegare sicuramente è quella della durata della perturbazione magnetica. Sono state proposte due teorie: la prima fa capo allo scienziato Zolotov e la seconda al collega Zoblin. Secondo Zolotov tali effetti sono da imputare ad un’esplosione nucleare che si è sviluppata in molteplici fasi. La teoria di Zoblin, che si rifà a degli studi precedenti di A.D. Sakharov e S.S. Grigoryan, si basa sull’ipotesi che il cuore del meteorite può restare a temperatura di 3° K durante tutta la sua traiettoria orbitale, e che la superficie dell’oggetto arriva ad alta temperatura nel viaggio in atmosfera. Ciò comporta che il nocciolo conserverà la proprietà singolare della superconduttività, sviluppando effetti inattesi e sconosciuti alla nostra scienza, come gli effetti magnetici di lunga durata.
Il magnetogramma Z, registrato presso l’Osservatorio di Irkutsk, il 30 Giugno 1908, rileva una tempesta magnetica relativamente breve di appena quattro ore, cominciata all’incirca 6,6 minuti dopo l’esplosione del bolide nella Tunguska. L’effetto più rilevante però si è manifestato entro le due ore dall’evento. L’analisi evidenzia in maniera netta come il fenomeno, che ha causato un simile risultato, non è assolutamente paragonabile con quelli scaturiti dall’intrusione nella nostra atmosfera di meteoridi (magnetogramma D). È relativamente similare invece al caos elettromagnetico scaturito da un'esplosione termonucleare in atmosfera (magnetogramma H), della potenza d'alcuni megatoni, il cui "fungo" arriva senza difficoltà ad altezze comprese tra 10 e 70 chilometri. Il primo tratto di curva in pratica corrisponde a tale forma d'energia esplosiva, anche se con minore intensità, ma poi è seguito da un altro tratto associabile ad altri fenomeni magnetici inspiegabili, che per semplificare sono stati definiti "emissioni di onde dure", originati da una nuova forma di energia ancora sconosciuta dalla nostra scienza.
http://www.edicolaweb.net/nonsoloufo/tu_testi.htm

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Tunguska il Macchinario Alieno   Mer 16 Dic 2009, 15:36

Spostamento d’aria
Gli strumenti dell’epoca ci forniscono anche altre importanti informazioni. Lo spostamento d’aria derivato dall’esplosione principale e da quelle successive è stato devastante. Sarebbe meglio dire terrificante. Nel 1969 lo studioso Zolotov fece conoscere la sua esperienza scientifica pubblicando il libro "Problema sulla catastrofe della Tunguska del 1908". Tra le tante informazioni, troviamo i diagrammi riguardanti la durata dell’onda d’aria in funzione della distanza dall’epicentro dell’esplosione. Gli Osservatori interessati sono stati quelli di Irkutsk, Plavlovsk e Londra.

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Tunguska il Macchinario Alieno   Mer 16 Dic 2009, 15:37

Distribuzione degli alberi abbattuti e incendiati
Prima del 30 Giugno 1908 la superficie della Tunguska era completamente ricoperta dalla taiga. Quando è avvenuta l’esplosione, sono stati abbattuti, ed anche incendiati, tutti gli alberi su una superficie di circa 2200 chilometri quadrati. L’effetto però non è stato uniforme e quindi è necessario dividere l’area in zone d’influenza. Nella zona corrispondente all’epicentro principale gli alberi sono stati completamente incendiati e da questo punto l’incendio si è allargato per molti chilometri quadrati, anche se gli alberi erano stati quasi completamente abbattuti. In un’altra zona rimasero in piedi circa 20 alberi per ettaro. Gli alberi, abbattuti al suolo dall’esplosione principale per decine e decine di chilometri, si erano disposti a forma di raggiera intorno all’epicentro. I loro tronchi erano stati carbonizzati e devastati dalla violenza dell’esplosione, con i loro rami monchi. Addirittura molti erano stati del tutto divelti, con le radici completamente fuori della terra.
Secondo il parere dello studioso russo Kasantzev, l’ondata dell’esplosione si abbatté verso il basso e gli alberi, direttamente sotto il punto dove avvenne l’esplosione, rimasero in piedi, perdendo i loro rami e le loro cime. L’onda di calore incendiò i punti in cui gli alberi avevano subito una rottura, e colpì il ghiaccio permanente, spaccandolo. L’acqua sotterranea, reagendo alla tremenda pressione della raffica, sgorgò formando quelle fontane viste dai tungusi dopo il disastro. Ma dove l’onda d’esplosione giunse a colpire con una certa angolazione, gli alberi furono abbattuti a ventaglio.
Col tempo altri ricercatori si resero conto che effettivamente la figura formata dagli alberi abbattuti rappresentava una farfalla. Uno dei primi a proporre una simile configurazione è stato lo studioso W.H. Fast, dopo aver raccolto i dati necessari negli anni 1967, 1976 e 1983.
C’è stato poi l’altro scienziato A. E. Zlobin che ha realizzato quasi lo stesso schema d’abbattimento. Egli ha dato inoltre un contributo per stabilire gli effetti del calore sviluppato in quella tremenda situazione. Secondo lui si ebbe uno sviluppo di un intenso calore che si espanse per circa 100 chilometri dall’epicentro, zona in cui la maggioranza degli alberi e dei vegetali, appartenenti alla taiga, furono bruciati o ridotti in cenere. Zlobin effettuò le sue ricerche sia nel 1989 sia nel 1997, soprattutto per misurare l’influenza del calore sui cerchi d’accrescimento degli alberi con la corteccia e, in parallelo, su quelli scortecciati. Gli alberi, situati ai limiti del perimetro con configurazione a farfalla e nell’epicentro, dovettero sopportare un’energia calorica stimata entro i valori che vanno da 3 a 7 calorie per cm2. Con questa quantità d’energia il cuore degli alberi raggiunse molto probabilmente una temperatura di 100 °C nello spazio temporale di 140 secondi.
Un effetto impressionante. I valori furono ricavati dagli effetti rilevati sugli alberi bruciati e su quelli sopravvissuti, i cui cambiamenti furono costatati con la tecnica della termoluminescenza, che consiste nell’analizzare la luce emessa da un corpo mentre viene riscaldato.
La termoluminescenza non va confusa con la luce emessa spontaneamente da un corpo portato all’incandescenza. Si tratta di un processo d’emissione stimolata che avviene dopo che il corpo ha assorbito energia mediante esposizione a radiazione. L’energia assorbita in seguito all’esposizione a radiazione consente agli elettroni di muoversi attraverso il cristallo; alcuni di essi vengono intrappolati dai difetti reticolari. Il successivo riscaldamento del cristallo rende possibile il rilascio con emissione di luce degli elettroni intrappolati.
Un’altra ricerca interessante è stata quella di verificare cosa avesse determinato una simile configurazione degli alberi abbattuti. È stato eseguito in laboratorio un esperimento per simulare, quanto più possibile, l’esplosione avvenuta nella Tunguska. Due scienziati moscoviti dell’Istituto Schmidt di Geografia, membri del Comitato sulle Meteoriti dell’ex URSS, Zotkin e Tsikulin estrapolarono una mappa della foresta colpita, descrivendo anche la sistemazione a terra degli alberi abbattuti. Costruirono un modello in scala della foresta, composta di bastoncini in plastica colorati di bianco, conficcati su una superficie piana di materiale legnoso per mezzo di un filo metallico che fungeva da anima. Al di sopra fu posto un tubo carico d’esplosivo, con una pendenza variabile, al fine di creare un certo angolo con la mini foresta artificiale. Ebbero la possibilità così di variare il carico esplosivo che si poteva spostare rapidamente, simulando di conseguenza l’onda d’urto. Ripetendo l’esperimento con diversi parametri, i due scienziati giunsero a simulare perfettamente l’accaduto poiché ottennero l’abbattimento dei mini alberi in una configurazione assai simile a quella reale, vale a dire dalla caratteristica forma a farfalla. Pure i mini alberi, posti sulla verticale dell’esplosione, restarono in piedi. Con l’uso di una carica esplosiva in movimento, si riuscì a simulare in maniera coerente il passaggio attraverso l’atmosfera terrestre di un corpo lanciato ad alta velocità. Venne così realizzato un esperimento importantissimo, attraverso il quale si capì che l’effetto sulla Tunguska era stato originato dalla combinazione di un’onda d’urto con un’esplosione finale. Le conclusioni dei due scienziati sono state che la pressione d’aria, generata dal corpo viaggiante verso il basso, e la successiva esplosione equivalevano a 4x1023ergs e che l’oggetto terminò la sua corsa all’altezza di 10 Km dalla superficie del pianeta.

http://www.edicolaweb.net/nonsoloufo/tu_testi.htm

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Tunguska il Macchinario Alieno   Mer 16 Dic 2009, 15:39

Traiettoria percorsa in atmosfera dall’oggetto
Un’altra incognita dell’oggetto è proprio la traiettoria percorsa prima dell’esplosione, poiché le ipotesi sono numerose e derivate in maggioranza dalle dichiarazioni dei testimoni dell’epoca.
Ad esempio il cacciatore Semenov affermò di aver visto una gigantesca palla di fuoco che occupava la parte settentrionale del cielo. Semenov si trovava nella piccola cittadina di Vanavara e non fu l’unico testimone. Le ricerche in quella zona suggerivano che era stata vista, in piena luce del giorno, una colonna di fuoco alta 20 Km e larga 1,6 Km, che si trasformò in una nuvola a forma di fungo che salì ad un’altezza di circa 80 Km.
Dopo averne ricordato le principali caratteristiche, c’è da asserire che sono state raccontate molte storie, spesso incoerenti tra loro, per descrivere la traiettoria percorsa dal bolide, che hanno creato un po’ di confusione.
A Malyshevka, a nord di Irkutsk, l’oggetto fu visto verso est che volava in direzione nord. Testimoni di Kirensk hanno affermato che la "cosa" aveva un moto verso il basso, in direzione nord-est, e prese forma di un tubo. A nord, a Nizhne-Ilimsk, fu visto volare verso est. A Kezhma, sul fiume Angara, fu osservato volare diritto verso il basso, da sud a nord, ad est del luogo. Passò a nord-est di Vanavara e, di conseguenza, raggiunse da sud-est la zona sopra la quale esplose.
Cerchiamo ora il parere della scienza ufficiale. Il primo scienziato ad esprimersi sulla traiettoria del bolide non poteva che essere Leonid A. Kulik. Egli propose, in base alle sue ricerche, che l’oggetto avesse la traiettoria in direzione sud-nord. E. Krinov era propenso per una traiettoria che da sud-est andasse verso nord, mentre Astapovich e Voznesenskiy erano sicuri che essa andasse da sud-ovest verso nord, in considerazione del buon accordo con l’impronta lasciata dall’onda d’urto sugli alberi caduti a terra.
Fino agli anni ’60 la traiettoria di Krinov era stata considerata la più attendibile. Successivamente però è stato riconosciuto un "passaggio" con asse deviato rispetto agli assi corrispondenti alla foresta abbattuta. La deviazione è stata interpretata come zona d’influenza dell’onda balistica. Mentre si stavano effettuando le valutazioni del caso, alcuni di questi ricercatori interrogarono le persone più anziane che all’epoca dell’esplosione vivevano in prossimità del fiume Tunguska Inferiore. Fatto curioso, nessun testimone oculare di questa zona era mai stato interrogato negli anni ’20 e ’30. Le loro affermazioni coincidevano assai bene con le deduzioni dei ricercatori. Si concluse che la traiettoria più valida doveva essere stata quella che da Est-Sud-Est andava ad Ovest-Nord-Ovest, ed è stata ritenuta tale per parecchi anni.
Un’ulteriore pubblicazione, basata sui racconti dei testimoni oculari, ha portato a stabilire due fatti fondamentali:

La struttura del bolide osservata nella zona del fiume Angara e quella osservata nell’area del fiume Tunguska Inferiore è totalmente diversa. Ciò sta ad indicare che si è trattato di due oggetti differenti. (Demin, 1984).

La traiettoria calcolata sulla base dei racconti dei testimoni sul fiume Angara si differenzia notevolmente da quella analizzata attraverso la disposizione degli assi della foresta abbattuta e dell’area bruciata.

Gli scienziati A.N. Dmitriev e V.K. Zhuravlyov, con uno studio fatto a 360° intorno all’epicentro principale, erano anche loro concordi nel definire la traiettoria più probabile come quella che andava da sud verso nord. La maggior parte dei testimoni da loro interrogati, infatti, concordava con questa soluzione.
Alcuni studiosi hanno cercato poi di risolvere il problema della traiettoria del bolide esploso arrivando ad escludere addirittura i testimoni oculari. Rimane però un forte dubbio sul fatto del "corridoio" riscontrato nella foresta abbattuta. Quest’opinione è stata espressa dal professor Vasilyev, il quale non ha mai ritenuto che l’epicentro principale abbia avuto un’estensione. Se si ammettesse questo, una parte del bolide sarebbe dovuto "sopravvivere", continuando così il volo, mantenendo però la stessa traiettoria e la stessa angolazione dalla superficie terrestre.
L’altra spiegazione che si sarebbe dovuta dare riguarda sempre la presenza di un’astronave non terrestre che avrebbe compiuto delle manovre intelligenti, ma quest’ipotesi è stata portata avanti da pochissimi ricercatori. Lo stesso Kulik, in base alle fotografie aeree da lui scattate nel 1938, si era accorto della presenza di due epicentri. Wilhelm Fast, alla guida di un gruppo di ricercatori dell’Università di Tomsk, aveva però concluso che Kulik si fosse sbagliato. Il gruppo aveva percorso a piedi l’intero territorio degli alberi abbattuti, cercandoli e catalogandoli uno ad uno, nonostante che fossero trascorsi oltre 60 anni dall’evento.
Secondo lo studioso Boris Rodionov, le stranezze derivate dalle dichiarazioni dei testimoni dell’epoca, e non solo, mettono in risalto che gli abitanti che hanno visto il fenomeno fossero dislocati quasi esclusivamente lungo i vari fiumi, tutti a sud dell’epicentro. Ne ha dedotto quindi che il bolide potesse provenire da qualsiasi parte.
È giusto, a questo punto, mettere in risalto la teoria "non ortodossa" proposta dalla minoranza dei ricercatori. Kazantsev, negli anni ’50, fu uno dei primi studiosi a dichiarare che l’oggetto, nella sua caduta verso la superficie del pianeta, avesse compiuto delle deviazioni. Ciò attestava, in un certo qual modo, manovre intelligenti e quindi erano da attribuite all’intervento di una civiltà extraterrestre. Tale ipotesi fu ripresa da altri studiosi ed integrata con studi più approfonditi, espressi e pubblicati in questi ultimi anni. In sostanza la traiettoria iniziale nell’atmosfera aveva una direzione sud-nord, mentre in vicinanza della cittadina di Kezhma subì una prima deviazione per raggiungere la zona sovrastante l’altra cittadina di Preobrajenka ed infine la seconda deviazione che concluse la traiettoria sopra la taiga, a circa 100 Km a nord di Vanavara. Si è asserito, anche in questo caso, che codesta ipotesi non è stata accompagnata da serie prove anche testimoniali. Osservatori, localizzati sul fiume Lena, hanno confermato però di aver visto volare l’oggetto luminoso da est ad ovest, mentre altri personaggi che stavano sul fiume Angara hanno riferito che la direzione del moto era stata da sud a nord. A questo punto A.E. Zlobin, in accordo con quanto rivelato da alcuni testimoni della cittadina di Kondrashino, ha concluso che molto probabilmente la traiettoria era stata di tipo curvilineo da est ad ovest e che nella parte finale del volo assunse una direzione sud-nord, dimostrando e delineando una traiettoria inerziale dell’oggetto.

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Tunguska il Macchinario Alieno   Mer 16 Dic 2009, 15:41

Traiettoria del bolide secondo la teoria di A. E. Zlobin.

La sua teoria è sostenuta dal fatto che la struttura della foresta abbattuta, chiamata a "farfalla", non è l’unica esistente giacché è stata trovata un’altra foresta abbattuta, al suo interno e di minore dimensione, chiamata "oriente". Quest’ultima si è potuta formare molto probabilmente per l’influenza di un’onda d’urto balistica, la cui forma concava ha creato un’altra foresta di alberi abbattuti a forma di ferro di cavallo. Ciò dimostra che la traiettoria doveva essere stata da sud a nord poco prima dell’esplosione finale, come la moderna gas-dinamica dimostra. Zlobin ha pubblicato la sua teoria nel 1996, rifacendosi agli studi di W.H. Fast, il quale già, dal 1967 e con le successive spedizioni del 1976 e del 1983, aveva evidenziato l’abbattimento degli alberi a forma di farfalla ed a ferro di cavallo, quest’ultima configurazione causata dall’onda balistica susseguita all’esplosione principale.

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Tunguska il Macchinario Alieno   Mer 16 Dic 2009, 15:43

Altre caratteristiche del bolide
Considerazioni scientifiche di varia natura ipotizzano che l’angolo d’inclinazione della traiettoria, nel momento dell’entrata in atmosfera, deve essere compreso tra i 5-15°. Si ritiene che questo range angolare sia il più corretto, a differenza dell’altro range, compreso tra i 40-55°, precedentemente proposto. Tale range inoltre, durante la traiettoria prolungata in atmosfera, è stato probabilmente variabile, nonostante le iniziali ipotesi sostenessero che esso fosse rimasto sostanzialmente costante. Le stesse considerazioni si possono fare per l’azimuth: anche questo le teorie più recenti lo definiscono variabile. Secondo Zlobin l’azimuth della direzione del moto del corpo doveva avere un valore di circa 279° nord.
L’elemento più interessante e naturalmente più dibattuto è stato quello della velocità presunta del corpo al momento dell’esplosione. Gli studi più recenti (Zlobin) stimano il valore della velocità in 2-3 Km/sec, a differenza degli altri che lo ritenevano compreso tra i 9-17 Km/sec. Addirittura Fesenkov nel 1961 calcolò una velocità più elevata, dell’ordine dei 60 Km/sec. Qualche anno più tardi egli stesso ebbe l’opportunità i rettificarlo, stabilendo sempre un valore alto che era compreso tra i 30-40 Km/sec. Fesenkov, di professione astrofisico, era convinto che, vista l’impressionante distruzione provocata, proporzionale alla liberazione di un’enorme energia, il corpo avesse potuto possederla solo viaggiando a forte velocità. Trovò perciò la soluzione ammettendo che il corpo sconosciuto avesse viaggiato in direzione opposta a quella del pianeta Terra. Nei suoi studi scoprì che l’asse degli alberi caduti si avvicinava alla traiettoria sud-est/nord-ovest. Dedusse perciò che la collisione fosse avvenuta quasi a fronte a fronte. Egli spiegò: "Possiamo interpretare questo fatto supponendo o che il corpo si muovesse attraverso lo spazio nella stessa direzione della Terra, o che esso si muovesse incontro alla Terra". Preferì la seconda conclusione perché forniva una più alta energia nel momento dell’impatto. Naturalmente non mancarono le critiche. Ci si chiedeva soprattutto come un corpo, proveniente dallo spazio e viaggiante ad elevata velocità, potesse penetrare nell’atmosfera terrestre e mantenere ancora un’alta velocità e una massa incredibile fino al momento dello scoppio. Fesenkov calcolò che la massa fosse, all’incirca, dell’ordine di qualche milione di tonnellate. Nasceva così un altro enigma: dov’era finita tutta quella materia se non è mai stata trovata sulla superficie terrestre? A quest’obiezione, Fesenkov rispose affermando che l’oggetto in esame doveva essere una specie di cometa dalla massa assai compatta e quest’ipotesi la mise in discussione lui stesso perché non era facile da sostenere. Il problema più serio era rappresentato dalla densità del corpo che egli inizialmente calcolò che fosse circa la metà di quella dell’acqua. In sostanza un corpo così costituito non sarebbe potuto penetrare nella profondità atmosferica senza disintegrarsi molto tempo prima. Sì, perché l’esplosione è avvenuta molto probabilmente ad una distanza dalla superficie terrestre inferiore ai 10 Km o per meglio dire dai 5 ai 9 Km. Sembra che l’oggetto sia stato avvistato mentre volava ad un’altezza di circa 80 Km, viaggiando ad una velocità presunta di circa 40 Km il secondo. Fu preceduto da un’onda d’urto balistica e da un’evanescente nube di polvere. Discese rapidamente nell’atmosfera perdendo una certa quantità di materia per ablazione. Poteva avere ancora una massa enorme. È stata data anche la dimensione del diametro dell’oggetto, indicata con la cifra ragguardevole di circa 100 metri ed anche un po’ meno. In effetti, oltre a Fesenkov si sono espressi altri studiosi, i quali hanno proposto dimensioni dell'oggetto in base al loro modo di spiegare il fenomeno. Si può notare già, da tali iniziali informazioni, che in tutta questa storia risalta un fattore comune: ogni ricercatore ha valutato il fenomeno sempre dal punto di vista specifico della propria materia e perciò i risultati di tanta ricerca non hanno potuto dare spiegazioni sempre concordi.

Effetti biologici sull’ambiente
Un altro fattore importante che ha contraddistinto il caso Tunguska è stato l’effetto biologico sopravvenuto, in particolare, sul regno vegetale e probabilmente animale, nella zona interessata. Si è scoperto che gli alberi e le piante cresciute dopo l’esplosione del 1908 invece di raggiungere i 7-8 metri d’altezza nella loro crescita, in realtà hanno raggiunto l’altezza di 17-22 metri, dimensioni che in natura si possono conseguire dopo duecento o trecento anni. Il suddetto risultato è stato ottenuto in circa 60 anni. La circonferenza degli stessi alberi, inoltre, ha raggiunto un valore quattro volte superiore quello normale giacché gli anelli, prima del 1908, avevano uno spessore medio di 0,42 mm e dopo gli stessi alberi presentavano anelli dell’ordine di 5-10 mm. Che cosa può aver provocato una simile accelerazione della mutazione e l’impressionante cambiamento nella vita della vegetazione all’interno del territorio colpito?


Differenza d’accrescimento di un albero, prima e dopo l'esplosione.

Il cambiamento genetico ha portato ad una velocità d’accrescimento come minimo 100 volte superiore a quella normale.
Come vedremo più avanti, tale effetto non può essere attribuito esclusivamente ad un’esplosione nucleare o qualcosa di simile. Viene spontaneo però credere che delle radiazioni particolari, con un livello molto intenso, abbiano colpito quella vasta area ed abbiano dato uno stimolo notevole alla crescita d’ogni genere di vegetazione. Le pubblicazioni sull’argomento sono state curate dall’accademico V.S. Sobolev e racchiuse nel libro "The problematic meteorite", edito dall’Accademia delle Scienze dell’ex URSS.
Mi preme porre l’accento su una considerazione che più avanti si rivelerà di primaria importanza. Come possono le radiazioni indurre delle mutazioni? Ricordando che il codice genetico proprio dei nostri cromosomi specifica le caratteristiche somatiche, esso si trasmette per ereditarietà ai nostri figli. Se, per una ragione ben precisa, questo modello genetico si rompe allora si verifica un mutamento che può essere indotto, per esempio, da uno stimolo chimico. Casi del genere si sono verificati in particolar modo negli ultimi decenni del XX° secolo. Il fattore senza dubbio più immediato ed efficace che agisce direttamente sul codice genetico è dovuto alla sua parziale distruzione per intervento di una radiazione.
Si sa che i famigerati Raggi X possono produrre modificazioni decisive che al giorno d’oggi non sono state rilevate come tali, ma probabilmente le future generazioni testimonieranno tutto ciò. Con le radiazioni sprigionate poi da esplosioni nucleari, tali effetti sono molto più rilevanti e sicuramente non positivi, nei confronti degli esseri viventi in genere. Solo per fare degli esempi già conosciuti, a Hiroshima e Nagasaki, le due città giapponesi colpite da esplosioni atomiche nell’Agosto 1945, sono avvenute cose aberranti sotto tutti i punti di vista. Chernobyl, cittadina ucraina tristemente famosa per l’esplosione di un reattore nucleare all’interno di una centrale atomica deputata alla produzione di corrente elettrica, è stata un altro caso che ha devastato la vita di popolazioni di parecchie nazioni e gli effetti non sono ancora terminati. Nella Tunguska non si sono verificati effetti di natura nucleare, naturalmente per come noi li conosciamo dalla metà del XX° secolo, per il semplice fatto che la vita in quella zona si è perpetuata ed accresciuta, pur avendo avuto un impulso nell’aumento di ritmo riproduttivo cellulare; fatto riscontrato dal primo ricercatore russo, conosciuto col nome di Kulik, il quale dopo circa 20 anni dall’evento ritrovò nella zona un notevole sviluppo del muschio. Già nel 1931, infatti, egli aveva rilevato come la superficie del "calderone" fosse rigogliosamente coperta di muschio, certamente risalente a più di 20 anni. Per concludere l’argomento, c’è da aggiungere che le numerose ricerche e misurazioni sulla radioattività hanno evidenziato sempre e solamente una radiazione di fondo simile ad altri luoghi della Russia.


Vegetazione rigogliosa che ancora cresce nella zona della catastrofe.


Strane particelle globulari
Uno dei più affascinanti misteri è rappresentato dal ritrovamento al suolo nell’area del disastro di strane particelle globulari composte di magnetite e silicati. Sono formazioni sferiche o sfere di alcuni millimetri di diametro. Alcune addirittura vuote e trasparenti assumono anche una forma a goccia. Si ritiene che i raggruppamenti di queste sfere, dovuti ad una fusione superficiale, siano stati generati proprio da un’enorme pressione oltre che da un fortissimo calore. Le analisi effettuate su questi globuli rivelano la presenza d’elementi come il cobalto, il rame, il nichel e il germanio. Bisogna mettere in risalto che una simile composizione non si rintraccia nei giacimenti minerari terrestri. Inoltre tali particelle, prelevate nella zona della Tunguska, sono uniche e in altre parole non sono rintracciabili in meteoriti normali, tanto è vero che il ferro non compare in maniera consistente. Lo studioso Dolgov ha fatto notare che tali sferette hanno mostrato alle analisi un contenuto d’idrogeno non indifferente. Contenevano pure anidride carbonica ed idrocarburi (metano) in minime quantità. Ciò rappresenta un altro enigma da risolvere e da valutare altrettanto seriamente. Per il momento si crede che i globuli raccolti contengano elementi che possono provenire solo dallo spazio. Di conseguenza questa è una prova consistente, secondo alcuni scienziati, che l’oggetto della Tunguska sia stato una cometa. Ipotesi sostenuta anche dal fatto che la lunga coda di tale oggetto sarebbe potuta appartenere proprio ad una piccola cometa, considerando l’enorme nube che permeò l’atmosfera per parecchi giorni. Concludendo questa sommaria rassegna, devo ancora porre l’accento sul fatto che l’esame di tutti i resoconti scientifici lasciano molte domande senza risposta e pochissime certezze.

http://www.edicolaweb.net/nonsoloufo/tu_testi.htm

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Tunguska il Macchinario Alieno   

Tornare in alto Andare in basso
 
Tunguska il Macchinario Alieno
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» SMALTIMENTO DI UN MACCHINARIO
» Codice CER lenti macchinario taglio laser
» Densitometro a Raggi X
» AKHENATON (FARAONE AMENOPHIS IV)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: NIBIRU-PROFEZIE-
Andare verso: