IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 METAVISIONE: IMMAGINI E VOCI DA UN ALTRA DIMENSIONE

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
cristiBlack
junior
junior



MessaggioTitolo: Re: METAVISIONE: IMMAGINI E VOCI DA UN ALTRA DIMENSIONE   Sab 02 Gen 2010, 16:19

Ho studiato abbastanza sull'argomento e lo trovo straordinario.Comunicare con i nostri cari rende la vita diversa, e dona speranza!! Mi piacerebbe anche partecipare agli incontri di Bacci,ma non so mai quando si fanno.
Per un certo periodo ho sperimentato anche da sola senza risultati.. oppure non ho saputo coglierli...
Probabilmente bisogna solo capire come sintonizzarsi sulla diversa frequenza di trasmissione...
Bisogna comunque continuare a sperimentare e raggiungere dei livelli di conoscenza accessibili a tutti.. Così la morte smetterebbe di essere un tabù!
C'è un sito dove Nicola Schepis pubblica tutti i suoi esperimenti ed è molto interessante,per chi ha voglia di ascoltare.
Grazie del post.
cristiBlack
Tornare in alto Andare in basso
GALAKTIKA
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: CHI È LUIGI CAMA   Dom 10 Gen 2010, 13:16



Luigi Cama





computergrafico in ambito pubblicitario

copywriter esperto in strategie di comunicazione

consulente sviluppo progetti multimediali applicati alla didattica

programmatore asp e database


Obiettivi professionali: riuscire ad entrare in un circuito di informazione che attraverso stampa, web, radio e televisione possa diffondere i risultati delle ricerche in ambito paranormale ed attivare un canale culturale che possa fornire sostegno tecnico a coloro che per varie ragioni (prima fra tutte il lutto) cercano il modo di entrare in contatto con un caro trapassato. Innescare di conseguenza un processo formativo che possa evitare il ripetersi di spiacevoli vicende a vantaggio dei "mercanti dell'occulto".



Progetti correlati:

www.ilcastellodimilazzo.it

www.metavisione.it

www.siciliainarte.com

www.iltuotalento.it



Per qualsiasi domanda relativa ad argomenti di natura metafisica, utilizzare l'indirizzo email luigicama@metavisione.it se si vuole mantenere riservata la comunicazione; in altri casi consiglio di iscriversi al forum di www.metavisione.it/forum per ricevere le opinioni di altri ricercatori.


Contatti

info@luigicama.it
334.9518572
Tornare in alto Andare in basso
GALAKTIKA
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Un folletto a Villa Muscianisi ?   Dom 10 Gen 2010, 13:24

Un folletto a Villa Muscianisi ?



Avevo già sentito parlare di questo video, ma mi era sembrato più una bufala; avevo richiesto il video ad un conoscente dell'autore ma mi era stato negato in quanto materiale "riservatissimo". Ho quindi chiuso l'argomento perchè se avessi avuto la possibilità di analizzare il video, avrei potuto scoprire eventuali trucchi e/o manipolazioni.Ieri sera mio cognato mi ha mostrato un video eccezionale ed ho capito subito di cosa si trattava: il video del presunto folletto di Villa Muscianisi. Il video ha trovato me !

L'autore, il cui nickname è tanod2, ha pubblicato il file su youtube.it il 25 dicembre 2007. Da una prima analisi il video sembra genuino.

http://it.youtube.com/watch?v=yZcKK1gok0g
(aggiornamento del 16 gennaio 2008 - il video è stato rimosso da youtube.it in quanto chi lo ha pubblicato non era il leggittimo proprietario)

Ecco la sequenza in cui compare il presunto folletto:


Ed ecco l'ingrandimento:



Incisa sulla facciata centrale in alto all'edificio della villa, la seguente dicitura:
"QUI LIETO MI FIORISCE IL LARE ANTICO"

Ho effettuato una ricerca ed ho scoperto quanto segue sul mitico "LARE":

Lari e Penati, gli Dei e gli 'spiriti' nelle case nella tradizione italico-romana
Un articolo a riguardo di tale Elio Ermete, apparso su
www.saturniatellus.com, di interesse anche perchè mostra come la percezione di forze sottili, spesso 'personificate' fosse comune a tutti i popoli europei dell'antichità precristiana, e di come molti concetti siano sopravvissuti nella cultura popolare.

Pare che il termine Lare sia presente anche nella tradizione etrusca, dove esseri divini sono rappresentati con le ali. Alcuni hanno associato l’idea di “Lare etrusco” a quella di “angelo cristiano”. Si noti che il Lare etrusco ha le ali ed è rappresentato generalmente nell’atto di sollevarsi in volo; il termine angelo proviene dal greco anghelos, che significa “messaggero”. Cosa abbastanza curiosa il dio Mercurio è definito Messaggero ed è rappresentato con i calzari alati. Certamente in tutte le tradizioni ciò che è rappresentato con le ali si richiama a dimensioni superiori e alla comunicazione con queste.
Se è vero, come dicono Elio Ermete e altri grandi maestri delle tradizioni, che ogni divinità rappresenta/è un forza, allora i Lasa etruschi rappresentano/sono una forza di ascensione e comunicazione col cielo, allo stesso modo di Mercurio e dei Lari Romani e degli angeli cristiani. A prova di ciò si può richiamare un antico rito in uso in alcuni luoghi della Calabria. Le sere dei giorni di festa la tavola viene apparecchiata con una tovaglia di lino bianco e con un posto in più dove vengono servite le stesse portate degli altri. Finita la cena si lascia la tavola pulita e apparecchiata col cibo nel posto riservato al “lareddru”. La notte non si passa dalla cucina per non infastidire questo presunto ospite. Se al mattino il piatto si trova vuoto si dice che “u Lareddru ha gradito” (il Laretto ha gradito). Questo antico rito di offerta al Lare della casa si tramanda in alcune famiglie di madre in figlia (essendo le donne a occuparsi della cucina) e alla domanda “cosa è u lareddru” si usa rispondere che è l’angioletto che abita la casa. Si evince da ciò un’assimilazione dell’antico rito sotto una forma cristiana e che chiaramente il termine Lareddru derivi dal termine Lare con l’assunzione di un suffisso diminutivo –ddru, forse finalizzato a rendere questa figura originaria della religione precedente più accettabile a chi vede con cattivo occhio il perpetrarsi di determinate forme tradizionali. Il Lare è una divinità domestica e gli si officiano offerte e il rituale su esposto svela che determinate tradizioni hanno assunto una nuova veste ma si sono mantenute.
Castaneda definisce i luoghi concavi abitati da spiriti; il suo maestro pensa che esistano anche nelle automobili e in tutti i luoghi artificialmente prodotti dagli uomini, come ad esempio nelle case. Se ciò fosse valido anche per la tradizione romana avremmo una risposta significativa alla domanda: perché nei luoghi abitati vi sono Lari e nelle campagne Geni?
Perché il Lare è richiamato dall’azione artificiale dell’uomo, il Genio dall’azione della Natura di creare un luogo. Riscontriamo nelle città antiche la presenza di specifiche divinità all’interno delle mura urbane, altre venerate in santuari all’infuori di queste stesse mura.
Una stessa divinità può essere un Lare cittadino o il Genio di un promontorio. Perché Venere è Lare dei Romani (insieme a Marte) ma allo stesso tempo Genius Loci al Capo Ericino? Perché nella creazione della città di Roma in un modo o in un altro Venus è stata attratta dai luoghi prodotti dagli uomini, ad Erice Venus era già presente prima come Genius Loci, riconosciuta tramite una sua epifania dagli uomini, ordinò l’erezione di un suo Santuario, dunque fu attratta precedentemente dalla Natura che creò il capo.
Una simile interpretazione bene spiega il perché dell’assioma romano: i Lari vivono nei luoghi abitati dagli uomini. Essendo il Lare un ente vivente, invisibile a meno che non decida di presentarsi materialmente, è una forza agente che interagisce con l’ambito umano. Si hanno conseguentemente un’infinità di forze agenti in diversi aspetti: i Lari familiari (quindi i geni protettori della famiglia), i Lari compitali (abitanti degli incroci), i Lari triviari (abitanti dei trivi), i Lari della casa intesa come luogo fisico. I Lari familiari, il Genio di ogni componente della famiglia, le genialità che si occupano della dispensa (i penati appositamente evocati) rientrano nella cerchia dei Lari domestici. Perché queste divinità agiscano a nostro favore necessitano una serie di riti atti a creare una collaborazione tra essi e gli uomini (una sorta di Pax domestica, per riprendere le parole di Elio Ermete).
Nella tradizione romana i gentili attuano una serie di pratiche di realizzazione dell’individuo a partire dall’età dei 18 anni con l’assunzione della toga virile. Il richiamo agli antenati ha finalità evolutive, poiché si richiamano anime che conoscono la via di realizzazione dell’individuo e possono aiutare i loro discendenti; per questo motivo comunemente si usano considerare gli antenati membri dei Lari familiari.

Nella rituaria gentile il praticante conosce i propri Lari ed Elio Ermete nelle sue “Conclusiones Gentiles” spiega che: “Vesta è la più onorata, poiché il suo fuoco tutto permette...” , che i Lari rientrano nella gerarchia divina da lui esposta e che “la divinità gentilizia sempre segue la famiglia, nei luoghi in cui essa sceglie di vivere, così il genio di ognuno segue il suo amato ovunque e sempre…i penati possono essere ri-evocati anche in un nuovo luogo di abitazione ma il Genius Loci, il Lare che abita una casa, è sempre quello…esistono metodi di chiamata, di esorcismo e allontanamento dei Lari fastidiosi e mezzi per farseli tutti amici…ma la chiave di tutto è sempre il carattere del gentile, che gli permette di avere buone relazioni con gli uomini e con gli dei,…”



Lare: Spirito ancestrale che protegge le case e le famiglie. Avi consanguinei. Il termine Lare indica gli Antenati come un tutto, mentre per indicare un antenato in particolare si usa il termine Mane.

http://www.ilcastellodimilazzo.it/forum/forum_posts.asp?TID=190
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: METAVISIONE: IMMAGINI E VOCI DA UN ALTRA DIMENSIONE   

Tornare in alto Andare in basso
 
METAVISIONE: IMMAGINI E VOCI DA UN ALTRA DIMENSIONE
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» IMMAGINI SULLE ROUTINE SCOLASTICHE
» immagini leggibili per agenda giornaliera - autismo
» autista di altra azienda
» storia e geografia semplici con immagini
» lui ha un'altra

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: MISTERI /PARANORMALE E MITOLOGIE MISTICHE E LEGENDE-
Andare verso: