IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Mummia del Similaun

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:20


Epoca di transizione...


Il rame comincia ad essere lavorato nel tardo Neolitico, ma solo nell'età del Rame (3500–2300 a.C.) viene utilizzato regolarmente per costruire armi e gioielli.
La conoscenza dell’estrazione e della lavorazione del rame giunge dall’Asia Anteriore all’Europa centrale attraverso i Balcani e il bacino mediterraneo.
Questa nuova materia prima causa un profondo mutamento economico e sociale: nascono nuovi ambiti lavorativi nel settore della metallurgia, che portano ad una differenziazione nella struttura della società. Il commercio dei lingotti grezzi e dei prodotti finiti favorisce scambi commerciali e contatti culturali più ampi. Si registrano anche nuovi e diffusi insediamenti nelle Alpi, un territorio molto interessante dal punto di vista economico, grazie ai ricchi giacimenti di rame.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:19


A quale gruppo culturale apparteneva Ötzi?


Questo ritrovamento è tanto straordinario quanto è problematica la sua classificazione culturale! La difficoltà è data soprattutto dalla mancanza di resti in ceramica. In epoca preistorica, infatti, l’appartenenza culturale è attestata soprattutto da forme e decorazioni tipiche del vasellame, perlopiù ritrovato all'interno di sepolture.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:19


Chi era Ötzi?


Per determinare lo status sociale di Ötzi, l’ascia di rame che egli aveva con sé svolge un ruolo determinante. Nell'età del rame ascia e pugnale di questo metallo degli status symbol e indicavano il rango di capi e guerrieri, come testimoniano anche le statue-stele maschili di quel periodo. È probabile che l’Uomo venuto dal ghiaccio e la sua famiglia avessero dunque una posizione di rilievo all’interno della comunità: si può ipotizzare che Ötzi fosse un proprietario di greggi, un capo o una persona influente nel villaggio.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:16

LA SALMA FU TROVATA OLTRE LO SPARTIACQUE ALPINO
A POCHI METRI DAL CONFINE AUSTRIACO



La mummia venne ritrovata oltre lo spartiacque, a prima vista in territorio austriaco. Trascorsi alcuni giorni dalla scoperta e sulla base di indagini più approfondite, si poté giungere alla conclusione che "L'Uomo venuto dal ghiaccio" si trovava all'interno dei confini nazionali, per la precisione a 92 metri e 56 centimetri oltre lo spartiacque, in uno dei cosiddetti "Triangoli per i nidi di mitragliatrice". Questi ultimi sono delle piccole aree a forma di triangolo, imposti all'Austria al termine della prima guerra mondiale quando vi fu la revisione dei confini nazionali


Cliccare sulla cartina per osservare
il luogo del ritrovamento in dettaglio
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:15

QUANDO UNA PICCOLA SCELTA PUO' CAMBIARE LA STORIA
Il 19 settembre 1991 una coppia di alpinisti tedeschi, al rientro da un'ascensione, decise di abbandonare il sentiero segnalato per accorciare il percorso di ritorno verso il rifugio Similaun e s'imbattè in un corpo mummificato semisepolto dal ghiaccio. Scattarono una fotografia e all'arrivo al rifugio, avvertirono il gestore dello strano rinvenimento. Quella sera i coniugi Simon non immaginavano minimamente che la scelta di cambiar percorso li aveva portati a fare una delle più eccezionali scoperte della storia: una mummia risalente all'Età del Rame. Nelle ore seguenti a dir il vero la confusione era totale: qualcuno attribuiva il corpo ad un musicista emiliano scomparso in zona negli anni '30, qualcun altro lo dava per un mercenario dell'armata di Federico IV, ma c'era anche chi si diceva sicuro che fossero i resti di un soldato della prima guerra mondiale.
Quando però si osservarono meglio gli oggetti ritrovati, cominciò a farsi strada l'ipotesi di essere di fronte ad un eccezionale ritrovamento. Forse l'uomo era morto molto tempo prima di quanto gli stessi archeologi in un primo momento potevano immaginare. Iniziò così, la corsa contro il tempo per recuperare il prezioso reperto prima dell'arrivo delle prime nevicate invernali. Nei mesi seguenti, le Università fornirono i risultati delle prime analisi di laboratorio: l'uomo visse tra il 3.350 e il 3.100 a.C.!
La notizia fece il giro del mondo e in poche ore la Val Senales divenne la meta obbligata per centinaia di giornalisti e di curiosi. La scoperta mise in subbuglio anche il mondo dei ricercatori e degli archeologi: mai era stata scoperta una mummia dell'Età del rame con un corredo così ricco e praticamente intatto.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:12


La mummificazione


Come sia avvenuto esattamente il processo di mummificazione dell’Uomo venuto dal ghiaccio è tuttora tema di discussione fra i ricercatori.
Alcuni sostengono che il corpo e il suo equipaggiamento siano stati ricoperti da un manto nevoso, rimanendo per anni permeabili all’aria. Ciò avrebbe consentito un processo di mummificazione dato da un’azione combinata di essicazione e congelamento in atmosfera asciutta e areata. Secondo questa teoria il ghiacciaio avrebbe ricoperto la mummia solo anni più tardi, concludendo così il processo di mummificazione.
Opposta è la teoria secondo cui il processo di mummificazione si sarebbe verificato in superficie o nell’acqua derivata dallo scioglimento del ghiaccio e un manto di neve e ghiaccio avrebbe ricoperto la mummia solo in seguito.

http://ngm.nationalgeographic.com/2007/07/iceman/iceman-graphic-interactive
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:12


Tatuaggi


Sul corpo dell’Uomo venuto dal ghiaccio ci sono più di 50 tatuaggi, che raffigurano linee e croci. A differenza dei tatuaggi moderni, realizzati con aghi, quelli di Ötzi sono stati ottenuti incidendo la pelle e strofinandoci sopra del carbone vegetale.
È interessante osservare che i tatuaggi di Ötzi sono realizzati in punti del corpo che in vita erano sottoposti a forti sollecitazioni e che, a causa del loro stato di usura, gli dovevano procurare forti dolori. Più che dei simboli, dunque, i tatuaggi di Ötzi attestano delle misure terapeutiche.
Vari gruppi di linee verticali sono tatuati a destra e a sinistra della spina dorsale, sul polpaccio sinistro, sul dorso del piede destro e sul malleolo interno ed esterno. Due linee percorrono l’articolazione del polso sinistro. Vi sono poi due segni a forma di croce, uno all’interno del ginocchio destro e uno vicino al tendine di Achille.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:11


Viaggio nel corpo di Ötzi


Una delle maggiori sfide scientifiche finora affrontate è stata la realizzazione dell’endoscopia: per evitare di contaminare campioni di tessuto con metalli pesanti sono stati messi a punto appositi strumenti di precisione in titanio. I campioni degli organi interni sono stati raccolti attraverso ‘finestre di pelle’ incise sulla schiena della mummia. Strumenti di supporto alla navigazione computerizzati, inoltre, hanno permesso di prelevare i campioni con assoluta precisione. L’intera procedura è stata documentata con una speciale strumentazione ottica ad alta risoluzione. I materiali così raccolti sono confluiti in un video attualmente a disposizione di tutti i visitatori del Museo Archeologico dell’Alto Adige.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:11


Lo stato di salute di Ötzi


Con i suoi 45 anni circa, l’Uomo venuto dal ghiaccio era certamente uno dei più anziani del suo clan. Il suo corpo mostra chiare manifestazioni degenerative: le articolazioni sono consumate e i vasi sanguigni calcificati. I denti, invece, sebbene molto consumati, sono del tutto privi di carie.
Durante l’arco della sua vita il corpo di Ötzi inoltre, ha subito diverse lesioni: sulla parte sinistra della cassa toracica le costole mostrano una serie di fratture ben rimarginate; un’altra frattura è stata individuata sul naso; sul mignolo del piede sinistro si osserva, infine, una lesione cistica probabilmente dovuta a congelamento
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:10

Anatomia di una mummia






L’equipe dei ricercatori ha rilevato alcune particolarità anatomiche e alterazioni patologiche sul corpo della mummia. Per le analisi sono stati utilizzati metodi diversi, tra cui anche dei moderni procedimenti fotografici.
L’Uomo venuto dal ghiaccio è privo della dodicesima coppia di costole; un’anomalia rara, ma che per lui non è stata invalidante. Sul lato sinistro della cassa toracica si osserva una serie di fratture alle costole poi rimarginate, mentre sulla parte destra ci sono fratture alle costole non rimarginate. Forse queste fratture risalgono ad un incidente avvenuto poco prima della sua morte? O sono dovute alla forte pressione del ghiaccio? La pressione esercitata dal ghiaccio, ad esempio, è senza dubbio la causa delle deformazioni del cranio della mummia.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:09


Che aspetto aveva Ötzi?


Dopo accurate analisi sulla mummia, che misura 1,54 m di lunghezza e pesa solo 13 kg, gli scienziati hanno potuo ricostruire l’aspetto di Ötzi come segue: si tratta con certezza di un adulto di sesso maschile; la sua struttura ossea rivela un’età di circa 45 anni.
In vita era alto circa 1,60 m, una misura in linea con l’altezza media della popolazione del Neolitico.
Era snello e il suo peso doveva essere di circa 50 kg.
I capelli, caduti nel processo di mummificazione, erano scuri, ondulati e lunghi almeno fino alle spalle. Molto probabilmente Ötzi li portava sciolti.
Sul luogo del ritrovamento sono stati rinvenuti, inoltre, peli più corti e crespi, verosimilmente i peli della barba di Ötzi.
Nelle cavità oculari si sono conservati i globi oculari essiccati, che testimoniano che gli occhi erano azzurri.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:06





Povero Ötzi, tutto solo al mondo! Il pastore - rinvenuto nel 1991 su un ghiacciaio al confine tra Austria e Italia - potrebbe oggi non avere "eredi". Apparterrebbe a un sottogruppo di Homo sapiens ormai estinto, o perlomeno rarissimo.
Lo rivelano nuove analisi del DNA. Smentendo l’ipotesi, avanzata in passato, che la mummia possa essere un lontano antenato degli europei odierni. L'uomo di Similaun inoltre non sarebbe nemmeno troppo antico secondo gli scienziati, risalirebbe appena a 5.000 anni fa.
E mentre lo sventurato "sonnecchia" al Museo Archeologico di Bolzano, si infittisce il mistero sulla sua morte. C’è chi è pronto a scommettere sia stato colpito da un asteroide. O che qualcuno l’abbia trafitto alle spalle con una freccia. Sempre che non sia rimasto vittima di un sacrificio rituale.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioOggetto: Mummia del Similaun   Mar 05 Gen 2010, 18:04





La mummia del Similaun (nota anche come Uomo venuto dal ghiaccio o, generalmente, Ötzi e spesso Iceman in inglese) è un reperto antropologico scoperto sulle Alpi Venoste (ghiacciaio di Similaun, 3.210 m s.l.m., ai piedi del monte omonimo) al confine fra Italia e la Valle del Tirolo Austriaco Ötztal (sul versante italiano, in provincia di Bolzano) il 19 settembre 1991.
Si tratta del corpo di un essere umano di sesso maschile, risalente ad un'epoca compresa tra il 3300 e il 3200 a.C. (età del rame), conservatosi grazie alle particolari condizioni climatiche all'interno del ghiacciaio (in Siberia sono stati ritrovati mammuth conservatisi in condizioni analoghe).
Da studi effettuati, è nata l'ipotesi che la mummia poteva essere originaria della zona di Bressanone.[1] In seguito ad analisi sul DNA mitocondriale del corpo mummificato, è risultato che il ceppo genetico dell'uomo di Similaun risulta non più presente a livello mondiale[2].
Il corpo di Ötzi, inizialmente conteso tra Italia e Austria, è attualmente conservato al Museo Archeologico dell'Alto Adige di Bolzano. Nella valle del rinvenimento è invece situato l'Archeoparc-Museum Val Senales, un museo interattivo che illustra le numerose scoperte ottenute grazie al ritrovamento e ricostruisce l'ambiente di vita di Ötzi.

http://images.google.it/imgres?imgurl=http://www.metropolisweb.it/public/fotonotizie/2mummia.jpg&imgrefurl=http://www.metropolisweb.it/legginews.asp%3FIdarticolo%3D14382%26titolo%3DPaleontologia:%2520scansione%2520fotografica%2520della%2520mummia%2520di%2520Oetzi&usg=__yI6q-Dd4BbIHSs141NTby_My7K8=&h=550&w=550&sz=63&hl=it&start=7&um=1&tbnid=a9pXocBTolhfcM:&tbnh=133&tbnw=133&prev=/images%3Fq%3Dla%2Bmummia%2Botzi%26hl%3Dit%26rlz%3D1T4SMSN_it___CH358%26sa%3DN%26um%3D1
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Mummia del Similaun   

Tornare in alto Andare in basso
 
Mummia del Similaun
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: ARCHEOLOGIA/VULCANOLOGIA/STORIA-
Andare verso: