IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Haiti/Terremoto scala 7.0: "catastrofe di proporzioni enormi"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Mercurio88

avatar


MessaggioTitolo: Re: Haiti/Terremoto scala 7.0: "catastrofe di proporzioni enormi"   Gio 14 Gen 2010, 12:50

Roma, 14 gen. (Adnkronos) - "Non abbiamo notizie positive sugli italiani ad Haiti, nel senso che mancano all'appello alcune decine di persone, ma per fortuna non abbiamo neanche notizie negative". Lo ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini da Addis Abeba.

E la conferma arriva dal responsabile dell'Unita' di crisi Fabrizio Romano in una conferenza stampa al ministero: "Abbiamo contattato circa 80 persone che consideriamo in salvo, ma c'e' qualche decina di persone che manca all'appello, ci sono ragioni serie per essere preoccupati" ha detto Romano, annunciando che "sta atterrando a Port-au-Prince un volo della Protezione civile con un nostro funzionario che attiverà un'antenna dell'Unita' di crisi, ovviando al problema delle comunicazioni e operando con un funzionario dell'ambasciata italiana a Santo Domingo".

Quanto alle notizie secondo cui alcuni italiani si trovavano nell'Hotel Montana della capitale haitiana, Romano ha riferito che non appena arrivato sull'isola "il nostro uomo andrà sul posto" per una verifica, certo "il rischio c'è". Il responsabile dell'Unità di crisi ha poi detto di "non avere informazioni di italiani che lavoravano all'Onu coinvolti" nella tragedia.

Parlando dei numeri della presenza italiana ad Haiti, Romano ha invitato a essere "prudenti" perché "non è detto che tutti gli iscritti all'anagrafe consolare si trovassero ad Haiti''. E a questo numero, ha precisato, potrebbe "affiancarsi quello di altre persone che potrebbero trovarsi sull'isola senza avercelo comunicato". Per questa ragione, ha lanciato un appello perché "gli italiani che fossero a conoscenza di parenti o amici ad Haiti telefonino all'Unità di crisi, al numero 06.36225".

Notizie di due italiane arrivano intanto da Mariavittoria Rava, presidente della Fondazione 'Francesca Rava-Nph Italia Onlus': salve per fortuna due volontarie orginarie di Milano che collaborano con l'associazione, Caterina, 80 anni, sull'isola da diverso tempo, e Lucrezia di 38, arrivata all'inizio di ottobre scorso. "Caterina si trovava nell'orfanotrofio, in una zona meno colpita dal sisma - spiega Rava all'ADNKRONOS - Lucrezia invece si è salvata per miracolo: era nell'ospedale di Petionville fino alla sera prima ma fortunatamente si era spostata nell'orfanotrofio". Rava è abbastanza ottimista sulle condizioni dei volontari italiani presenti sull'isola, "una decina circa": "Sono in contatto con la Farnesina e mi risulta che i volontari stanno tutti bene".

Purtroppo "un nostro volontario americano, che si trovava nell'ospedale di Petionville è morto - ha raccontato - mentre è riuscita miracolosamente a salvarsi una seconda volontaria americana" ha affermato Rava che sottolinea come in queste ore l'ospedale pediatrico Nph Saint Damien, danneggiato dal terremoto ma ancora in piedi, sia l'unico sull'isola ad avere due sale operatorie funzionanti e per questo è preso d'assalto da centinaia di feriti.

"Le persone invadono le strade, sono in condizioni drammatiche, abbandonate a sé stesse - racconta Rava - il muro di cinta del nostro ospedale è crollato, così affluiscono centinaia di feriti. Abbiamo allestito delle tende all'esterno per cercare di soccorrere più gente possibile. Il nostro ospedale e' pediatrico ma stiamo accogliendo anche gli adulti".


http://www.adnkronos.com/IGN/News/Esteri/Oltre-100mila-morti-ad-Haiti-Farnesina-Contattati-80-italiani-ma-ne-mancano-decine-allappello_4198024410.html
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite
avatar


MessaggioTitolo: Re: Haiti/Terremoto scala 7.0: "catastrofe di proporzioni enormi"   Mer 13 Gen 2010, 21:37

credo avvremo a che fare con qualcosa che fino ad ora dormiva...a causa delle forte esplosioni solari nellu ultimo corso di giorni...il megnettismo terrestre è dannegiato piu gravemente di cio che si supponeva....gli sceinziati hanno paura di cio che nei prossimi giorni,settimane,o mesi accadra al nostro pianeta..nessuno puo dire o stabilire i loro danni..ma saranno catastrofali e in scale mai registrate....
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Haiti/Terremoto scala 7.0: "catastrofe di proporzioni enormi"   Mer 13 Gen 2010, 21:27

Haiti, l'inferno è qui: catastrofico terremoto
Il premier: "Temiamo più di 100 mila morti"
Italiani: contattati 60 su 190, forse una vittima



Roma, 13 gennaio 2010 - Si è messa in moto la macchina degli aiuti umanitari per la popolazione di Haiti, colpita dal devastante terremoto. Numerose organizzazioni si sono attivate per i soccorsi e per la raccolta fondi, mentre da tutto il mondo stano partendo aerei carichi di aiuti e beni di prima necessità.
Decollerà entro sera da Ciampino alla volta di Port-au-Prince un Falcon 900 del 31mo stormo dell’Aeronautica militare. A bordo un ‘advanced team’ di una dozzina di persone tra personale della Protezione civile, forze armate, Croce Rossa, Guardia di Finanza, incaricato di effettuare una prima ricognizione sul terreno sotto il profilo della sicurezza e della logistica prima dell’arrivo degli aiuti inviati dall’Italia. L’aereo sarà pilotato dal capitano Luca Panozzo, dal capitano Fabio Campi e dal capitano Emiliano Piazza.

Alle 7 di domani è in programma il decollo da Pisa del C-130J della 46ma brigata aerea di Pisa che trasporterà ad Haiti un ospedale da campo e una sala operatoria per la gestione delle emergenze, oltre a 43 tonnellate tra materiali vari, scorte di medicinali e presidi sanitari.A bordo anche una ventina di medici. Entrambi i voli sono stati pianificati dallo stato maggiore dell’Aeronautica militare su richiesta della Protezione civile.
I PRIMI STANZIAMENTI
La Direzione Generale
per la Cooperazione allo Sviluppo (Dgcs), su indicazione del ministro degli Esteri, Franco Frattini, si e' immediatamente attivata. Sono stati subito disposti due contributi finanziari a favore delle Agenzie Internazionali che operano sul terreno: 500.000 euro saranno devoluti al Programma Alimentare Mondiale per andare incontro ai bisogni alimentari d'urgenza delle popolazioni colpite, ed altri 500.000 euro saranno concessi nel quadro del programma d'emergenza che la Federazione Internazionale delle Croci Rosse e delle Mezze Lune Rosse sta predisponendo per l'assistenza sanitaria.
LOMBARDIA
Questo pomeriggio
il sindaco Letizia Moratti e l'arcivescovo di Milano cardinale Tettamanzi hanno lanciato un appello alla città e alla diocesi per sostenere le popolazioni di Haiti. Nel corso dell'incontro alla Curia arcivescovile sono anche presentate le prime concrete iniziative di sostegno. "L'isola di Haiti, il Paese più povero del mondo, è stata devastata da un terremoto che è stato molto superiore a quello dell'Aquila. Come sindaco mi rivolgo al cuore di Milano - ha dichiarato la Moratti - perché le donne, gli uomini, i bambini di Haiti sono stati travolti, assieme alle loro case, alle loro cose, ai loro sogni".
Per aiutare la popolazione in queste prime ore di emergenza il Comune di Milano in queste ore sta valutando e attivando diverse iniziative. Ha aperto un conto corrente per raccogliere fondi destinati agli haitiani e sta decidendo interventi che portino sollievo testimoniando l'affetto la solidarietà delle famiglie milanesi.
PIEMONTE
Anche il Piemonte si mobilita
per la popolazione di Haiti colpita dal terremoto. Il Sermig, l'arsenale della pace di Torino, ha avviato in queste ore una raccolta di generi di prima necessita da portare in aiuto alla popolazione gravemente colpita dal sisma, come prodotti alimentari a lunga conservazione, prodotti igienici e disinfettanti. Il materiale raccolto sarà poi inviato nel paese attraverso un container che partirà per Port-au-Prince nei prossimi giorni. Per gli aiuti in denaro, invece, è stato aperto un xonto corrente postale intestato a Sermig.
VENETO
Il vicepresidente della Giunta
veneta Franco Manzato ha lanciato un invito a tutto il mondo produttivo veneto per andare in aiuto delle popolazioni colpite dal terremoto: «Non ho dubbi sulla solidarietà del Veneto anche in occasione del tragico sisma che ha colpito Haiti e chiedo al sistema agroalimentare regionale di rendersi sin d'ora disponibile a mettere a disposizione delle popolazioni caraibiche colpite aiuti e generi alimentari, sulla scorta delle indicazioni che saranno fornite dal Governo. La solidarietà è nel nostro Dna, fa parte del patrimonio culturale, storico e civile del Veneto - ha ribadito Manzato - e anche in recenti occasioni ha saputo esprimersi con grande efficacia e generosità, nel contesto di un intervento organizzato. Dobbiamo dare una mano ai sopravissuti, a quanti vedono le loro famiglie distrutte o che hanno perso tutto e in questo momento non hanno prospettive. So che lo faremo nel migliore dei modi».
TOSCANA
«Dopo il terribile terremoto
di Haiti e l’arrivo delle primissime, tragiche notizie, il presidente della Regione Toscana Claudio Martini e gli assessori per il diritto alla salute Enrico Rossi e alla cooperazione, Massimo Toschi, hanno preso immediatamente contatto con il Ministero degli Affari Esteri e con l’Ong Ucodep che opera in quella zona con la grande Ong internazionale Oxfam». L’assessore Massimo Toschi riassume così la pronta reazione della giunta regionale di fronte alla tragedia di Haiti e annuncia i primi interventi di aiuto.
«Nella serata di oggi - spiega Toschi - partirà un primo aereo della Protezione Civile Italiana, del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Italiana. Su questo aereo partirà il team di chirurgia d’urgenza dell’azienda ospedaliera di Pisa diretto dal professor Giuseppe Evangelista, che è già intervenuto in situazioni analoghe a quella di Haiti, come in occasione dei terremoti che si erano verificati in Cina e in Iran. Questo, tra l’altro, permetterà alla Toscana - continua Toschi - di avere un punto di riferimento in Haiti e di mantenere meglio i contatti necessari per gli aiuti. Nei prossimi giorni - soggiunge poi l’assessore regionale alla cooperazione - la giunta regionale rivolgerà un appello a tutti i Toscani per contribuire agli aiuti, raccogliendo fondi utili ai primi interventi di emergenza. È anche previsto - spiega ancora Toschi - che nei prossimi giorni partirà alla volta di Haiti un aereo della Cooperazione Italiana, che porterà beni di prima necessità e di primo soccorso nelle zone colpite dal sisma. La Regione Toscana, con i fondi dell’emergenza, è pronta a dare il proprio contributo insieme a quello delle altre regioni italiane».
CARITAS E CROCE ROSSA
La Croce rossa italiana lancia
un appello per raccogliere fondi destinati alle popolazioni colpite dal terremoto ad Haiti, in cui abitano circa 2,2 milioni di persone.
Le città più colpite, sottolinea la Croce rossa italiana, sono Port-au-Prince, Carrefour and Jacmel, con il crollo di infrastrutture residenziali, palazzi governativi e ospedali. La Federazione internazionale delle società di croce rossa ha immediatamente allertato il proprio centro logistico di soccorso a Panama. Una squadra di valutazione è stata inviata sul luogo del disastro ed uno primissimo stanziamento di 1,7 milioni di euro è stato effettuato per venire incontro alle prime necessità.
Tutte le 186 società di croce rossa e Mezzaluna rossa sono state poste in stato di allarme per l’organizzazione di un ponte aereo per inviare soccorsi sanitari, viveri, coperte e tende.
La Croce rossa italiana fa appello “alla solidarietà degli italiani per sostenere questo intervento di aiuto umanitario”. I contributi finanziari, raccolti dalla Cri, saranno impiegati a sostegno delle attività di assistenza alle popolazioni terremotate, in stretta collaborazione con la Croce rossa haitiana e la Federazione internazionale delle società di croce rossa e Mezzaluna rossa.

La Caritas italiana lancia un appello per raccogliere i fondi necessari alla realizzazione di un «piano d'emergenza» per soccorrere le popolazioni di Haiti colpite dal devastante sisma di ieri. La rete Caritas, riferisce una nota, «ha avviato aiuti d'urgenza ed ha prontamente manifestato vicinanza e solidarietà». Ad Haiti oltre metà dei 9 milioni di abitanti vive con meno di un dollaro al giorno. Per contribuire alla raccolta dei fondi per i primi aiuti si possono inviare offerte attraverso le Poste Italiane, Unicredit, Banca Etica, Intesa San Paolo e le carte di credito Dinners e CrataSì.
LE MISERICORDIE
Le Misericordie Italiane hanno aperto una sottoscrizione in favore delle popolazioni colpite dal terremoto di Haiti. È possibile fare una donazione sul c/c 000005000036, Monte dei Paschi di Siena spa, Firenze Agenzia 6, Iban: IT 03 Y 01030 02806 000005000036; oppure sul conto corrente postale n° 000021468509, Firenze Agenzia 29, IBAN: IT 67 Q 07601 02800 000021468509 entrambi intestati a 'Confederazione Nazionalè con causale «Pro Haiti». Il Dipartimento nazionale della Protezione Civile sta inviando un Nucleo di valutazione nel Paese così duramente colpito.
Nell'immediatezza dell'evento ed in attesa che il Governo italiano decida gli interventi di aiuto possibili, la struttura di protezione civile delle Misericordie italiane ha ricevuto decine di chiamate dalle associazioni delle varie regioni che dichiaravano la propria disponibilità ad una partenza immediata. Le Misericordie della Toscana hanno predisposto a Pisa l'attrezzatura completa di due PMA (Postazioni Mediche Avanzate) pronte alla partenza immediata con personale specializzato. Il Direttore dell'UGEM (Ufficio Gestione Emergenze di Massa) delle Misericordie ha confermato la disponibilità di uomini e mezzi al Dipartimento Nazionale.


  • Haiti sotto le macerie Un video amatoriale Il panico IL VIDEO DELLE DEVASTAZIONI
    VIDEOCOMMENTO di Giuseppe Tassi e Giampaolo Pioli
  • GUARDA LE IMMAGINI DELLA TRAGEDIA


http://quotidianonet.ilsole24ore.com/esteri/2010/01/13/279816-violento_terremoto_haiti.shtml

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Haiti/Terremoto scala 7.0: "catastrofe di proporzioni enormi"   Mer 13 Gen 2010, 21:25

Haiti/Terremoto scala 7.0: "catastrofe di proporzioni enormi"





New York, 13 gen. (Ap-Apcom) - Si temono danni devastanti e molti morti per il terremoto di scala 7.0 che ha colpito Haiti nella serata di martedì, con epicentro a pochi chilometri dalla capitale Port-au-Prince. Le prime notizie che arrivano dal paese sono confuse. Almeno un ospedale sarebbe crollato e il cielo sarebbe "ricoperto dal grigio del fumo". L'ambasciatore di Haiti negli Stati Uniti, Raymond Joseph, ha detto a Cnn che " si tratta di una catastrofe di enormi proporzioni". Joseph ha fatto appello a tutti i paesi, e in particolare agli Stati Uniti perché si mobilitino con gli aiuti. "Per favore, venite ad aiutarci", ha detto. Il terremoto ha fatto scattare immediatamente un'allerta tsunami nella regione, valido per Haiti, Cuba, Isole Bahamas e Repubblica Dominicana. Due fortissime scosse di assestamento rispettivamente di magnitudo 5.9 e 5.5, sono seguite al violento terremoto. Il sisma principale si è prodotto alle 16.53 locali (le 22.53 in Italia) vicino alla costa dell'isola di Haiti, con epicentro a 16 chilometri dalla capitale Port-au-Prince. Il centro di prevenzione tsunami statunitense ha lanciato l'allerta per Cuba, Haiti, Repubblica Domenicana e Bahamas. L'epicentro è stato sulla terraferma di Haiti, a 15 chilometri a sud-ovest della capitale e a una profondità di 10 chilometri. Il Pacific Tsunami Warning Center ha lanciato l'allerta tsunami precisando che "non c'è minaccia di uno tsunami distruttivo su tutta la zona", ma sono possibili "fenomeni di tsunami locali sulle coste nel raggio di cento chilometri dall'epicentro del terremoto". Haiti è il paese più povero dell'emisfero occidentale.
http://www.wallstreetitalia.com/articolo.asp?art_id=847587

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Haiti/Terremoto scala 7.0: "catastrofe di proporzioni enormi"   

Tornare in alto Andare in basso
 
Haiti/Terremoto scala 7.0: "catastrofe di proporzioni enormi"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Manovra, CGIL: "nuovo depotenziamento del SISTRI". O dei sistemi di informazione?
» Ambiente, ministero sul lastrico Prestigiacomo: "Non voto la legge"
» trasporto di "imballaggi vuoti non ripuliti" con modalità di trasporto alla rinfusa
» Carichi e scarichi cartaceo vs. sistri e flag "peso verificato a destino"
» "Nessun endpoint in ascolto".. come usare qualche metodo?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: OFF-TOPIC/FUORI ARGOMENTO-
Andare verso: