IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 HAITI LA FINE DEL MONDO : PREGARE NON SERVE.... MA POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE



MessaggioTitolo: Re: HAITI LA FINE DEL MONDO : PREGARE NON SERVE.... MA POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU   Ven 15 Gen 2010, 18:17

Terremoto Haiti: situazione connazionali e aiuti umanitari



Data: 15/01/2010




Terremoto ad Haiti: conferenza stampa Capo Unità di Crisi (ore 11.00)
Approfondimenti Terremoto ad Haiti: disposti i primi aiuti dall’Italia Haiti: il Ministro Frattini, siamo vicini e non lesineremo aiuti Terremoto ad Haiti: conferenza stampa Capo Unità di Crisi (ore 17.00)
Sono ottanta gli italiani contattati finora ma mancano ancora all'appello decine di connazionali. Lo ha reso noto il capo dell'Unità di crisi del MAE, Fabrizio Romano, durante un briefing con la stampa sulla situazione ad Haiti. Un “nostro funzionario”, in arrivo in queste ore a Port-au-Prince - ha spiegato Romano – “per prima cosa” andrà all'Hotel Montana, crollato nel terremoto, “per verificare” l'eventuale presenza di italiani.
Il funzionario attiverà poi “un’antenna” in modo da avere un contatto diretto con il MAE, e opererà in tandem con un collega dell'ambasciata italiana a Santo Domingo, per svolgere “una ricerca più mirata dei nostri connazionali, avvalendosi anche dell'apporto delle autorità locali”. Romano ha poi puntualizzato che il quadro resta "resta drammatico, fluido e tutt'altro che chiaro” a causa anche delle linee di comunicazione ancora disturbate.
Il MAE invita chiunque sia a conoscenza di amici o parenti italiani che si trovano ad Haiti a contattare l'Unità di crisi alla Sala operativa al numero 06-36225, “per rendere il quadro più chiaro nel minor tempo possibile”. Per quanto riguarda i primi aiuti materiali, non potranno partire prima dell'inizio della prossima settimana, a causa delle difficoltà logistiche.
Lo ha spiegato il Vicedirettore generale della Cooperazione italiana, Mario Sammartino, il quale ha aggiunto che è necessario assicurare l'arrivo "disciplinato degli aiuti". In questo senso la Cooperazione “sta lavorando in raccordo con le agenzie ONU e i partner europei”, e oggi è prevista una riunione a Bruxelles.
Inoltre, il pool di ONG ‘AGIRE’ ha lanciato una campagna di raccolta fondi che saranno utilizzati in sinergia con quelli messi a disposizione dal Governo per far fronte alla fase della ricostruzione.



Fonte: Ministero degli Affari Esteri
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE



MessaggioTitolo: Re: HAITI LA FINE DEL MONDO : PREGARE NON SERVE.... MA POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU   Ven 15 Gen 2010, 18:16


HAITI: "SITUAZIONE INDESCRIVIBILE"




Notizia del Giorno

“La situazione è indescrivibile. Davvero non trovo le parole per descrivere la distruzione che ho visto intorno all’ospedale. E’ una vista che toglie il respiro”. Lo dice a CNR padre Crescenzo Mazzella, missionario dell’ospedale dei Padri Camilliani, raggiunto a Port-Au-Prince.






“La situazione è indescrivibile. Davvero non trovo le parole per descrivere la distruzione che ho visto intorno all’ospedale. E’ una vista che toglie il respiro” Lo dice ai microfoni di CNRmedia padre Crescenzo Mazzella, missionario dell’ospedale dei Padri Camilliani, raggiunto telefonicamente a Port-Au-Prince. L’ospedale dei Camilliani è uno dei pochissimi rimasti in piedi.



“Abbiamo medicato circa 500 persone – ha detto padre Mazzella - l’ospedale per fortuna è rimasto in piedi ma stanotte ci sono state altre scosse quindi siamo rimasti tutti nel cortile, anche i feriti. Quello che ci preoccupa molto ora è come riusciremo a rifornirci di medicinali e di viveri. Qui i rifornimenti cominciano a scarseggiare e non sappiamo come trovare gli aiuti. La situazione è grave perché sappiamo che ci sono molti sciacalli in giro e anche noi dobbiamo stare attenti. Riusciamo ad avere più notizie dall’estero che non da qui, le comunicazioni sono ancora impossibili ma via internet riusciamo a collegarci con il resto del mondo” ha concluso.
http://www.cnrmedia.com/notizia/newsid/7596/haiti-situazione-indescrivibile.aspx
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE



MessaggioTitolo: Re: HAITI LA FINE DEL MONDO : PREGARE NON SERVE.... MA POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU   Ven 15 Gen 2010, 18:15

Terremoto ad Haiti, situazione caotica. E la terra trema ancora



HAITI - Mentre si scava, anche con le mani, tra le macerie nella speranza di trovare qualche sopravvissuto, la terra ad Haiti continua a tremare. L'istituto geofisico americano ha registrato giovedì mattina un terremoto di magnitudo 4,7 Richter a circa 50 km dalla capitale Port-au-Prince, ad una profondità di 10 km. Un'intensità decisamente inferiore a quella di magnitudo 7 che potrebbe aver causato
oltre centomila vittime. La situazione è caotica.

http://www.romagnaoggi.it/esteri/2010/1/14/148596/

Al momento sarebbero ancora migliaia le persone sotto le macerie. Sono 16 i funzionari dell'Onu che hanno perso la vita, ma il bilancio è destinato ad aggravarsi. Difficili le operazioni di soccorso. Le strade sono impercorribili a causa delle rovine e dei cadaveri. Gradualmente si sta mettendo in moto anche la macchina dei soccorsi internazionali. C'è ansia anche per la sorte di una decina di italiani che, come ha riferito il ministro degli Esteri Franco Frattini, mancano all'appello
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE



MessaggioTitolo: Re: HAITI LA FINE DEL MONDO : PREGARE NON SERVE.... MA POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU   Ven 15 Gen 2010, 18:11

Haiti, situazione drammatica e disperata


La situazione nell'isola caraibica, man mano che passano le ore, sembra sempre più disperata. Collegamentii e comunicazioni bloccate. Soccorsi che non arrivano. E la gente scava tra le macerie con le mani alla ricerca di parenti e amici

















Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE



MessaggioTitolo: Re: HAITI LA FINE DEL MONDO : PREGARE NON SERVE.... MA POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU   Ven 15 Gen 2010, 18:07

Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: HAITI LA FINE DEL MONDO : PREGARE NON SERVE.... MA POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU   Ven 15 Gen 2010, 17:49





_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: HAITI LA FINE DEL MONDO : PREGARE NON SERVE.... MA POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU   Ven 15 Gen 2010, 17:47

HAITI: CADAVERI IN STRADA E SACCHEGGI.
ALL'APPELLO MANCANO 36 ITALIANI


A tre giorni di distanza dal devastante terremoto che ha colpito l'isola di Haiti, migliaia di cadaveri si trovano accatastati in una fossa comune, mentre fra l'odore di morte e la disperazione alcuni superstiti cercano fra le macerie qualche loro familiare. Si sono verificati anche diversi saccheggi. Mancano acqua, cibo ed aiuti e la gente sopravvissuta si chiede quando qualcuno arrivera' a portare aiuto. ''Stanno bloccando le strade con i corpi dei cadaveri.

La situazione sta diventando potenzialmente esplosiva, sia dal punto di vista della sicurezza, sia da quello dell'igiene. La gente e' stufa di non ricevere aiuto'', ha detto Shaul Schwarz, fotografo del Time magazine. Dalle prime stime risultano almeno 7.000 cadaveri accatastati in una fossa comune, mentre la Croce Rossa di Haiti stima che siano morte fra le 45.000 e le 50.000 persone e che ci siano altri 3 milioni tra feriti e senzatetto, fra questi anche 2 milioni di bambini, che oltre ad aver perso la casa e sono rimasti senza genitori. Non mancano pero' le notizie positive: nonostante il terremoto abbia fatto crollare anche gli edifici piu' stabili e grandi della capitale Port-au-Prince, come gli alberghi, a oltre 50 ore dal sisma alcune persone che si trovavano all'interno di queste strutture sono state estratte. ''Ho trascorso 50 ore all'interno, 50 ore!'', dice Richard Santos, un americano di 47 anni, intervistato subito dopo essere stato estratto dalle rovine dell'Hotel Montana di Port-au-Prince. Ieri sera 30 soldati francesi della sicurezza civile insieme a 4 cani specializzati nella ricerca sono stati in grado di salvare 7 americani e una donna haitiana intrappolata in un antro nella reception dell'hotel, in cui il tetto di cemento, grande e massiccio, e' completamente crollato. ''La gente che ha trascorso 50 ore tra le macerie e' in un buono stato di salute'', ha dichiarato il comandante della sicurezza civile Samuel Bernes. In totale, dalle rovine del complesso alberghiero di Port-au-Prince sono stati salvati almeno 14 superstiti e sono stati recuperati 5 corpi.

FARNESINA: SI CERCANO ANCORA 36 ITALIANI. L'Unita' di crisi della Farnesina ancora non ha notizia se tra i superstiti trovati tra le macerie dell'Hotel Montana di Haiti ci sia qualche italiano. Il Ministero degli Esteri, al contempo, rende noto un altro dato ufficiale sui contatti stabiliti con i nostri connazionali presenti sull'Isola: il numero di italiani con cui si e' riuscito a stabilire una comunicazione e' salito a oltre 160 e quindi ora all'appello della Farnesina ne mancano 36.

IDENTIFICATA PRIMA VITTIMA ITALIANA

La prima vittima italiana ad essere stata identificata e' la 70enne Gigliola Martino, nata ad Haiti da genitori italiani.

Era ''conosciutissima nella comunita' francese ed haitiana: era una delle ultime italiane di Haiti. Una italiana vera che continuava a parlare la lingua di Dante.

Che faceva ancora la pasta in casa, che cucinava il ragu' la domenica'', scrive Margareth Porpiglia sul quotidiano La Gente d'Italia spiegando che la Martino ''e' morta nell'unico ospedale della capitale sfuggito al sisma, per le gravi ferite riportate nel crollo della sua abitazione''.

CUBA APRE SPAZIO AEREO A USA PER AIUTI E TRASPORTO FERITI.

Gli Stati Uniti hanno annunciato di aver avuto il permesso di usare lo spazio aereo di Cuba per i voli con gli aiuti umanitari e il trasporto dei feriti del sisma che ha colpito Haiti. ''Ci siamo coordinati con il governo di Cuba per l'autorizzazione per far passare i voli con gli aiuti umanitari e per il trasporto dei feriti dalla Stazione navale di Guantanamo a Miami, in Florida, attraverso lo spazio aereo cubano, riuscendo cosi' ad accorciare di 90 minuti il tempo di volo'', ha fatto sapere la Casa Bianca in un comunicato.

CROLLATO CARCERE PORT-AU-PRINCE, FUGGITI 4.000 DETENUTI.

Circa 4.000 detenuti della prigione principale nella capitale di Haiti, a seguito del crollo dell'edificio per via del terremoto, sono a piede libero. Lo ha reso noto Marcal Izard, portavoce della Croce Rossa che visitava regolarmente i detenuti di Port-au-Prince. ''Tutti i 4.000 detenuti sono spariti. Ci sono stati alcuni morti, ma la maggior parte di queste persone sono scappate'', ha detto Izard ai giornalisti, spiegando che fra le rovine del carcere c'erano solo alcuni cadaveri. Il terremoto di magnitudo 7 che martedi' scorso ha colpito l'isola di Haiti, per via dello scuotimento ''estremo'' ha provocato anche il crollo di tutti gli edifici principali di Port-au-Prince, tra i quali anche il Palazzo presidenziale e il Parlamento.

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: HAITI LA FINE DEL MONDO : PREGARE NON SERVE.... MA POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU   

Tornare in alto Andare in basso
 
HAITI LA FINE DEL MONDO : PREGARE NON SERVE.... MA POSSIAMO FARE MOLTO DI PIU
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Vai alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Stipsi e disturbi intestinali in gravidanza
» ho iniziato a camminare ...mi serve qualche aiutino da voi
» PAELLA DI ORZO MONDO
» Vendo "Il mondo extraeuropeo", GEOGRAFIA
» Video - Paperino nel Mondo della Matemagica (1959)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: OFF-TOPIC/FUORI ARGOMENTO-
Andare verso: