IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 SILOE, SECRETUM OMEGA E NIBIRU

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: SILOE, SECRETUM OMEGA E NIBIRU   Mer 16 Set 2009, 02:04

Una serie di articoli che approfondiscono e fanno chiarezza su un argomento scottante: una sonda diretta oltre i limiti del Sistema Solare, nell'ambito di un progetto ultrasegreto. Aggiungiamo un sibillino programma del Vaticano, la cui esistenza non è mai stata smentita ufficialmente.


SILOE:


Prendiamo una sonda dal nome enigmatico, diretta oltre i limiti (convenzionalmente fissati) del nostro sistema solare, nell'ambito di un progetto ultrasegreto, a scopi né militari né civili, ma con tecnologia NASA e fondi di provenienza non dichiarata, ma facilmente intuibile. Aggiungiamo un sibillino programma del Vaticano, la cui esistenza, trapelata lo scorso anno e mai ufficialmente smentita, fu ripresa "in sordina" dall'ANSA e subito "fatta sparire" dai circuiti internazionali. Mescoliamo il tutto con la dichiarazione contemporanea di due autorevoli astronomi, i quali, indipendentemente l'uno dall'altro, individuano oltre l'orbita di Plutone la presenza di un (nuovo, per noi) corpo celeste, di massa superiore a quella di Giove.
Voilà, ecco approntati gli ingredienti per l'ultimo film del filone fantapolitico; ma siccome è provato che molto spesso, sia in campo scientifico che sociale, la cosiddetta "fantasia" non è altro che la previsione della realtà, vediamo di addentrarci nell'argomento.
I fatti che andremo ad esporre, presi ognuno separatamente, costituirebbero solo degli indizi.
Per l'uomo di scienza, tuttavia, non è lecito rifiutarli "a priori"; è doveroso invece infilarli pazientemente uno dopo l'altro, fino ad ottenerne una preziosa collana.
Le grandi scoperte scientifiche sono state effettuate quasi tutte per caso, ma la presunta casualità riesce ad assumere un significato diverso solo per la "mente aperta e preparata".
Il 10 marzo 1999 l'amico e collega Adriano Forgione riceve da Robert Dean, ex sergente-maggiore della NATO, una "confidenza", secondo la quale "...una sonda automatica lanciata dalla NASA, nell'ambito di un fantomatico progetto denominato "SILOE", aveva inviato al Centro Elaborazione Dati del J.P.L. di Pasadena, in California, due fotografie, ottenute con un sistema di rilevazione all'infrarosso, raffiguranti un 'nuovo' corpo celeste, dall'atmosfera molto densa e inserito in un'orbita molto ellittica, oltre quella di Plutone...".
La notizia, che qualora fosse confermata, scardinerebbe le attuali cognizioni e convinzioni sulla composizione del nostro sistema solare, fu corredata proprio dalle due foto, le quali, dopo essere rimaste su Internet per un paio di giorni, furono precipitosamente ritirate dalla NASA e secretate "in attesa di una dichiarazione 'ufficiale', in base ad ulteriori conferme", come fu fatto in precedenza per tutti i documenti "scomodi".

Ma cos'è il "Progetto Siloe"?
Perché chiamarlo con quel nome pressoché sconosciuto e dal significato non certo evidente?
Le indagini in tal senso furono aiutate dal fatto che il progetto in questione, pur essendo stato realizzato con tecnologia NASA, non si era avvalso di finanziamenti né militari né civili: quale altra istituzione, allora, poteva celarsi dietro quell'idea?
Alla somma dei poteri che da sempre dominano le umane vicissitudini mancava dunque il terzo, quello religioso; ed in quest'ottica le ricerche furono orientate nell'ambito etimologico, per verificare se quel termine misterioso esistesse e, in caso affermativo, quale fosse il suo significato.
Orbene, l'etimo "SILOE" esiste, anche se compare due sole volte nel Nuovo Testamento: in Luca 13,4 ed in Giovanni 9,7: in quest'ultimo passo del Vangelo si parla del miracolo della "guarigione del cieco dalla nascita" da parte del Cristo.
Siloe era il proprietario della piscina 1 presso cui Gesù invitò il cieco a lavarsi gli occhi, dopo averglieli spalmati di fango; cosa che egli fece, acquistando la facoltà di vedere. Siloe significa "L'INVIATO" e, a parte l'evidente simbologia che accosta il Cristo ("l'inviato" per eccellenza) alla radice del termine Siloe, nonché l'acqua della piscina a quella del rito battesimale "che dona l'illuminazione", indubbiamente il Vaticano (perché è qui che condurrebbero le ricerche) non poteva chiamare in modo più rappresentativo la sonda ad infrarossi che, si dice, ha voluto spedire oltre il sistema solare.
A chi "deve lavare gli occhi", la sonda Siloe, per ridare la vista?
Forse alla "cecità" degli astronomi contemporanei, che si ostinano (per comodità o interesse) a delimitare il nostro sistema solare entro l'orbita di Plutone?

Perché proprio il Vaticano?
Per più di un motivo. Non è il caso di ricordare che, dal punto di vista finanziario, il Vaticano rappresenta indubbiamente una ragguardevole potenza; ma forse non tutti sanno che il connubio tra il Vaticano e l'astronomia, nonostante l'"incidente" occorso a Galileo Galilei, è sempre stato assai fecondo.
Si deve al gesuita Angelo Secchi (1868) l'inizio della spettroscopia stellare, cioè la classificazione degli astri secondo l'aspetto del loro spettro luminoso, mentre a Leone XIII va il merito dell'istituzione, con il "Motu Proprio" del 1891, del primo osservatorio papale, la Specola Vaticana. Situata proprio alle spalle della basilica di S.Pietro, negli anni Trenta fu trasferita da Pio XI, per sfuggire all'inquinamento luminoso della capitale, a Castel Gandolfo, ove per decenni furono portati avanti studi di rilevanza internazionale. Ma all'inizio degli anni Ottanta anche sui Colli Albani il cielo cominciava a risentire della luminosità della vicina Roma e fu deciso allora di realizzare un osservatorio "distaccato". Così, dalla fine del 1993, padre George Coyne, un Gesuita statunitense di Baltimora, si trova a condurre l'osservatorio astronomico vaticano di Mount Graham, presso Tucson (Arizona).
Non va dimenticato, inoltre, che all'Università Laurentina di Toronto, in Canada, ha sede l'unica Cattedra di Esobiologia esistente al mondo, gestita, manco a farlo apposta, dal Vaticano, ove si insegna che "L'esistenza di esseri extraterrestri non richiederebbe la revisione dell'essenza della dottrina cristiana, ma solo del suo contesto. Non costituirebbe nulla più che una manifestazione 'diversa' della stessa Verità; negarne la possibilità significherebbe, al contrario, limitare l'onnipotenza della Divina 'vis vitalis'".
A tutto questo va aggiunta la notizia, datata primavera '99, ripresa dall'ANSA e confermata dal Prof. Rudolph Koller, docente di teologia all'Università di Salisburgo, secondo cui il Vaticano "...avrebbe varato un programma, in base al quale ventiquattro sacerdoti cattolici sono stati preparati a partire per il Cosmo, nel momento in cui si stabilisse un contatto 'ufficiale' con intelligenze non terrestri...".
Insomma, un po' quello che accadde nella prima metà del 1500, allorché i famigerati "conquistadores" Francisco Pizarro e Hernàn Cortés, partendo alla volta delle Americhe "per civilizzare quei nuovi territori, in nome di Carlo V di Spagna", furono accompagnati da un manipolo di sacerdoti, nell'intento di "portare la luce divina ai fratelli che ancora non la conoscevano"; ma poi la storia andò diversamente...
Torniamo al progetto Siloe: accertato ormai che all'interno del "nostro" sistema solare non c'è traccia di vita intelligente e che, almeno per parecchi decenni ancora, non saranno possibili viaggi interstellari con equipaggio, a quale popolo, a quale civiltà sarebbe destinato tale contatto, se non a "qualcuno" che sta entrando (o ritornando) nelle vicinanze del Sole?
La risposta potrebbe essere: "A qualcuno che è già stato qui..."; ed alle immancabili accuse di "pure fantasie di menti esaltate, che vedono alieni dappertutto" da parte di alcune organizzazioni filo-governative, dalla sigla impronunziabile, risponde ancora una volta il Vaticano, per bocca di Mons. Corrado Balducci, noto e stimato teologo, demonologo ed esorcista. "NATURA NON FACIT SALTUS", ricorda l'illustre prelato, a proposito dell'evoluzione umana; la qual cosa, se mai ce ne fosse bisogno, dovrebbe una volta per tutte mettere fine alla secolare diatriba tra Scienza e Fede in fatto di evoluzione, ridimensionando ed integrando le due opposte (e solo in apparenza inconciliabili) tesi dell'evoluzionismo e del creazionismo.
In altre parole, è verosimile che "il fango di cui si servì il divino Artefice per plasmare la creatura Uomo stia a simboleggiare un substrato preesistente", ma è altrettanto innegabile il fatto che, nel corso dell'evoluzione della civiltà, si riscontrano dei "passaggi", dei salti di qualità troppo repentini (e su questo archeologi, etnologi, antropologi e teologi concordano tutti) per essere giustificati alla luce del mero processo evolutivo, che conosciamo procedere molto più a rilento di quanto si possa immaginare.
"La Natura non ha fretta", recitano i biologi; ma anche l'Uomo fa parte di essa: come spiegare allora quegli "input" che periodicamente, ogni 3.600 anni circa, hanno consentito all'Uomo di incrementare sensibilmente ma bruscamente le proprie conoscenze e quindi di migliorare la qualità della propria esistenza?
Se si vogliono etichettare "tout court" questi concetti come fantasticherie, allora qualcuno dovrebbe spiegare a che scopo la NASA installò, a bordo del PIONEER 10 lanciato il 2 marzo 1972, una placca d'alluminio dorato con inciso un messaggio ideografico, costituito da pittogrammi (il sistema solare con la posizione della Terra, il simbolo chimico-fisico dell'idrogeno, le silhouettes dell'uomo e della donna), non dissimili più di tanto da quelli usati nella scrittura cuneiforme dell'antichissima lingua dei Suméri. Da notare che, fra l'altro, il Pioneer 10 smise "ufficialmente" di trasmettere nel 1997, quando, dopo aver percorso 8,4 miliardi di km. in oltre 25 anni di permanenza nello spazio, si trovava ben oltre l'orbita di Plutone e quindi al di fuori del sistema solare.
Come spiegare, allora, il comunicato della BBC del 28 settembre 1999: "Gli scienziati scoprono un nuovo corpo celeste, che orbita attorno al Sole oltre Plutone: ha deviato la traiettoria del Pioneer 10 per una durata di 25 giorni!". Poi, candidamente, riferisce che la NASA si era accorta della deviazione della sonda dal tragitto originale già nel 1992, vale a dire sette anni prima; ma, non essendo allora in grado di spiegare quella "impossibile" anomalia, aveva deciso cautelativamente di non rendere pubblica la notizia.
Come sempre accade in questi casi, per la scienza ufficiale "ciò che non può essere spiegato non può esistere"...
Il resto è cronaca recente.
In data 8 ottobre 1999 alcuni quotidiani italiani (pochi, in verità) riportano la notizia, pubblicata nel "Monthly Notices of the Royal Astronomical Society" e diffusa via Internet, che il Dr. John Murray, della Open University (U.K.), e il Dr. John Matese, della Louisiana University (U.S.A.), avevano individuato congiuntamente, al di là di Plutone e ad una distanza di 25.000 U.A. 2, "...un 'oggetto' gigante, forse un 'compagno oscuro' del Sole, almeno tre volte più grande di Giove, che percorre un'orbita retrograda 3 ed estremamente ellittica intorno alla nostra stella...".
A conferma di ciò, nei primi giorni di marzo di quest'anno il quotidiano di informazione scientifica di RAI 3 "Leonardo" divulgava la notizia che "...le orbite dei pianeti più esterni del sistema solare, così come quelle delle comete e delle sonde automatiche terrestri che oltrepassano Plutone, stanno subendo modificazioni spiegabili solo ammettendo l'ipotesi che un corpo celeste di notevoli dimensioni sia in rotta di avvicinamento al Sole...".
Dopo un così lungo silenzio, sinceramente, non ci aspettavamo tanto... Eppure, di fronte ad una realtà che, se provata, ribalterebbe molti "dogmi" (non solo religiosi) della nostra società, le umane disquisizioni continuano ad imperniarsi "...sugli errori di Zoff agli Europei..." e "...sulla percentuale di adesione allo sciopero dei ferrovieri...".
E da lassù, Siloe, sta a guardare...
Al momento di chiudere il presente lavoro siamo venuti in possesso di un dispaccio (l'ennesimo sull'argomento) pubblicato nel sito della N.A.S.A. "Science News@NASA" in data 12 luglio, che titola letteralmente: "Il segnale luminoso di una nana bruna, compagna oscura del Sole - Gli astronomi sono sconcertati dal fatto che CHANDRA 4 ha scoperto l'emissione luminosa di una stella mancata, con densità solo 60 volte maggiore di quella di Giove"; titolo che si può condensare nella reazione "a caldo" del Dr.Robert Rutledge del California Institute of Technology di Pasadena: "We were shocked!".



SECRETUM OMEGA:
UN PASSO DEL RECENTE LIBRO DEL DOTT. STEVEN GREER, PUBBLICATO SUL BIMESTRALE NEXUS, CONFERMA INDIRETTAMENTE LA TESTIMONIANZA RESA A CRISTOFORO BARBATO DA UN INSIDER DEL VATICANO

Le rivelazioni che Barbato ha cominciato a divulgare con un comunicato stampa a partire dalla primavera 2005 (note nell’insieme con l’espressione “Secretum Omega” mutuandole dalla classifica di segretezza che sarebbe in uso all’interno di una particolare struttura d’intelligence della Chiesa Cattolica Apostolica Romana) sono certamente sconcertanti, ma esse vanno inquadrate in un contesto coerente già preesistente ed al centro di un’annosa querelle: l’esistenza del Pianeta X.

Ora, mi rendo conto che l’idea che dei padri Gesuiti gestiscano presso un radiotelescopio in Alaska informative del tipo Sigint che avrebbero a che fare con un pianeta alieno monitorato da una sonda spaziale segreta, possa sembrare un connubio tra fantapolitica e fantascienza. Ma il cosiddetto “Jesuit Footage” esibito da Barbato nel corso dei suoi convegni è reale, mai smentito o rivendicato da alcuno sinora. Chi ha fornito tale filmato a Barbato? Barbato dice che fu la sua stessa fonte: il religioso che lo contattò nel 2000 dopo averne seguito con interesse i servizi giornalistici sul Terzo Segreto di Fatima, gli inviò il video in una cassetta VHS. Il lavoro critico di uno scettico chichessia dovrebbe dunque partire anche dalla fonte, e non solo dall’evidenza fisica del videotape.

Nondimeno l’insider del Vaticano con cui Barbato è rimasto in contatto dall’anno 2000 fino a (presumibilmente) l’anno 2002, si è rivelata una fonte certa: un religioso appartenente all’Ordine dei Gesuiti ed operante all’interno della Santa Sede. Nel richiedere e nell’indagare le credenziali del suo contatto Barbato ha svolto un ottimo lavoro. Sul lavoro di verifica delle fonti invito il lettore a leggere il paragrafo nr.14 intitolato Gli angloamericani, tratto dal libro L’atlante delle spie, a firma di Umberto Rapetto e Roberto Di Nunzio (pag. 95, Saggi BUR, 2002): […] “Il problema della verifica delle fonti non riguarda solo il giornalismo, ma soprattutto l’intelligence. Più la fonte è segreta, più è impossibile verficarne l’esattezza. Più la fonte vive dentro l’ambiente analizzato, più sembra attendibile.”
Tale passo è una citazione del capitolo nr. 5: “Lo spionaggio in porpora: il Vaticano.” Gli autori, rispettabilissimi, sono due voci estranee alla materia alieni- UFO: Umberto Rapetto è un tenente colonnello della Guardia di Finanza, mentre Roberto Di Nunzio è un giornalista.

Poco più indietro gli autori scrivono: ‘[…] Se uno Stato ha interessi in tutto il mondo, deve assolutamente avere una altrettanto estesa diplomazia. Il nesso tra intelligence e diplomazia è pubblicamente richiamato e rivendicato dal gesuita Robert A. Graham, quando afferma che “la storia dello spionaggio in Vaticano tende a confermare questa tesi”, avvertendo però che “esiste solo una differenza di mezzi e di metodi”.’ (pag. 89, ibidem). Questo passaggio è evidentemente un’indiretta conferma dell’esistenza dei Servizi segreti vaticani.

Tuttavia, a parte le mie ricerche ed i miei approfondimenti pubblicati sulle pagine di UFO Notiziario, mancava ancora una voce autorevole che potesse in qualche modo suffragare la testimonianza di Cristoforo Barbato. Finalmente è arrivata e da oltreoceano per giunta.



Si tratta di un passaggio del recente saggio di Steven M. Greer, M.D., intitolato Hidden Truth – Forbidden Knowledge. Leggiamo dal capitolo 16 “Circoli di potere”, pubblicato in parte dal nr. 64 della rivista bimestrale Nexus attualmente in edicola: “[…] E lei [sta parlando a Greer un insider del gruppo che si oppone alla segretezza sugli UFO e gli alieni] dovrebbe parlare con certe commissioni di esperti, nonché con determinati ordini religiosi e determinati ordini di sacerdoti gesuiti che detengono il controllo del trasferimento di tecnologia.” (pag. 67, Nexus, nr.64, Ottobre-Novembre 2006).


Greer è un medico americano ma da anni è direttore del “ Disclosure Project”: un progetto finalizzato a raccogliere e divulgare testimonianze credibili di ex militari ed ex agenti dei Servizi che hanno avuto a che fare con la tematica UFO. Egli ha avuto sin dagli anni ’90 importanti contatti con membri dell’intelligence e pezzi grossi del calibro di C. Richard D’Amato (Hackensack, New Jersey, 28 Settembre, 1942), detto Dick.

D’Amato ha combattuto in Vietnam come capitano di Marina, per poi diventare Assistant Professor del Governo presso la U.S. Naval Academy (1968-71). D’Amato è stato inoltre dal 1980 al 1987 National and International Security Specialist per il Senatore Robert C. Byrd (un intimo amico di Ronald Reagan oltre che persona nota per la sua integrità morale; celebre il suo j’accuse al Congresso contro la decisione d’intervenire militarmente in Iraq per combattere il terrorismo), membro del National Security Council (NSC) e per ben dieci anni (1988-1998) Democratic Counsel (Consigliere) della Commissione Senatoriale per i Finanziamenti. Attualmente Richard D’Amato è delegato alla Assemblea Generale dello Stato del Maryland. Non si tratta certo dell’ultimo arrivato.


Il dottor Steven Greer lo incontrò anni fa durante le sue indagini sulla segretezza governativa apposta sulla tematica UFO, ci dice egli stesso nel testo estratto dal suo libro, e D’Amato confermò al medico statunitense che progetti di ricerca e gestione del fenomeno UFO sono reali ma hanno a che fare con “il gruppo più accademico di tutti i progetti neri”, una sorta di governo ombra al di fuori di ogni controllo (pag. 66, ibidem).


Ed il riferimento di Greer ad un particolare gruppo all’interno dell’ordine dei Gesuiti incaricato del “trasferimento di tecnologia”, gruppo che potrebbe fornire utili informazioni sulla tematica UFO/ alieni, non sembra una boutade. Esso è inoltre coerente con le informazioni rilasciate da Cristoforo Barbato in merito al coinvolgimento del Vaticano nella questione aliena.

Ci sono ancora dubbi sulla potenziale portata copernicana della fuga controllata di notizie proveniente da una Quinta Colonna della ufficiosa intelligence della Chiesa? Io credo che quanti hanno denigrato ed attaccato il lavoro d’indagine giornalistica di Barbato dovrebbero fare pubblica ammenda, o perlomeno cominciare a diffondere ed eventualmente approfondire su testi e riviste le sue difficili ricerche.
Tornare in alto Andare in basso
 
SILOE, SECRETUM OMEGA E NIBIRU
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Delusione Stax Omega
» Meditazione e Meditazioni guidate ❖ Vulvodinia.info
» Europa: cosa è una Omega Blocking ?
» Quando dici elettrostatica dici Stax!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: NIBIRU-PROFEZIE-
Andare verso: