IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Fango rosso sul Danubio : Il fiume chimico viene oggi chiamato.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
V-Vendetta
junior
junior



MessaggioOggetto: Re: Fango rosso sul Danubio : Il fiume chimico viene oggi chiamato.   Lun 11 Ott 2010, 10:20

Fango rosso nel Danubio: allarme in mezza Europa

Guarda le immagini

Budapest, 8 Ottobre. La fanghiglia rossa fuoriuscita dalla Magyar Alluminium lunedì scorso è penetrata nel Danubio. I metri cubi di sostanze tossiche che hanno invaso l'Ungheria sarebbero circa un milione. Il canale che ha inizialmente veicolato la marea rossa,verso l'esterno, il Marcal, è totalmente morto. Piante e pesci non esistono più. Ora, il contatto con uno dei fiumi più importanti del continente rischia di minacciare seriamente la salute dei residenti di centinaia di comuni, compresi quelli delle grandi città, anche al di fuori dell'Ungheria.

"Abbiamo riscontrato la presenza di pesci morti nelle acque del Danubio, in corrispondenza dell'affluenza del fiume Raba. La fanghiglia tossica ha modificato l'acidità delle acque" ha spiegato il responsabile della protezione civile Tibor Dobson

Alcune rassicurazioni arrivano dagli esperti, che parlano del livello del Ph, ma l'allarme resta comunque molto alto. Ancora Dobson ha dichiarato che il Ph del Danubio sarebbe aumentato di circa mezzo punto ( da 8,5 a 9, su un massimo di 14) rispetto al normale tasso che caratterizza il fiume. "Abbiamo immesso nel bacino idrico grandi quantità di calce e aceto per tentare di riportare l'equilibrio nell'ecosistema. Al momento la contaminazione sembra circoscritta, non pare esserci un grave danno ambientale, ma questa non può certo essere una dichiarazione di vittoria".

Una "speranza" viene dalla portata del grande fiume, circa 2350 metri cubi d'acqua al secondo, in grado, a quanto pare, di diluire notevolmente le sostanze tossiche, in particolare l'ossido di alluminio e quello di titanio. La pericolosità per la salute e per l'ambiente deriverebbe più dal secondo che dal primo. In più, le conseguenze di lungo periodo, chiaramente non valutabili nel breve, seguendo alcuni studi, potrebbero concretizzarsi in un effetto cancerogeno appunto dell'ossido di titanio.

L'inquinamento del fiume non sarebbe di entità grave quindi, ma resta il fatto che quest'ultimo passa a poca distanza da città come Belgrado e Bucarest, per sfociare infine nel Mar Nero. Secondo la direttrice del reparto ambiente dell'istituto superiore di Sanità italiana, Loredana Musumeci, l'effetto corrosivo del fango rosso si avrebbe solamente al superamento della soglia del ph 12 e non prima. La portata del Danubio impedirebbe il verificarsi di una condizione simile.

Contaminato è però anche il Raba, un altro fiume, importante affluente del corso d'acqua est-europeo. Proprio in corrispondenza dell'incontro tra i due fiumi le autorità avevano riscontrato la presenza del fango rosso fuori uscità dall'impianto di Ajka. Nella foto, Il gattino salvato e tenuto in braccio da un angelo rischia di diventare uno dei simboli del disastro ecologico ungherese.


http://www.newnotizie.it/2010/10/08/fango-rosso-nel-danubio-allarme-in-mezza-europa/
Tornare in alto Andare in basso
INTERCEPTOR
junior
junior



MessaggioOggetto: Fango rosso sul Danubio : Il fiume chimico viene oggi chiamato.   Ven 08 Ott 2010, 10:26














Il bilancio provvisorio è di quattro morti, tra cui due bambini, e sette dispersi. Ma nell'alluvione in Ungheria, fatto non da acqua ma da rifiuti tossici altamente velenosi e corrosivi, ci sono anche oltre centro persone ustionate e 40 km quadrati sommersi da quei fanghi, residui tossici derivati dalla lavorazione della bauxite, per la produzione di alluminio. Bilancio destinato ad aggravarsi, sia sul piano del danno ambientale che su quello della salute umana; peraltro, il fiume rosso di veleni punta dritto verso il Danubio.Non è certo salutare, il fiume di fango rosso. Oltre ad essere altamente corrosivo, contiene metalli pesanti, esala veleni, brucia al contatto ed è alto più di un metro. Nella notte di lunedì ha investito tre contee nell'Ungheria occidentale vicino al lago Balaton. In un primo tempo, le autorità ungheresi hanno riferito che l'incidente è avvenuto a causa della rottura di un argine di uno dei depositi dell'impianto di produzione di alluminio presso Ajka. Conferma anche la direzione dello stabilimento: in un comunicato si legge che la chiusa avrebbe ceduto a causa delle recenti piogge che ne avrebbero minato la stabilità. Al momento sono in corso dei complessi lavori di riparazione per arginare lo sversamento e la protezione civile sta cercando di neutralizzare con del gesso la corrosività dei 700 mila metri cubi di fango alcalino già fuoriuscito.Così, anche l'Ungheria si trova a doversi misurare con una dispersione di sostanze chimiche che ha già assunto i connotati del disastro ecologico: diversi villaggi sommersi, abitanti della zona ricoverati d'urgenza con ustioni alla pelle e agli occhi, insediamenti agricoli e industriali inondati da tonnellate di sostanze chimiche tossiche, subito ribattezzati "fanghi rossi". Sostanze che costituiscono un precipitato insolubile in acqua che si forma nella produzione di alluminio.L'incidente, dicevamo, è avvenuto presso la città di Ajka, dove il serbatoio della fabbrica Mal S-A., a cielo aperto e separato solo da un piccolo argine dal resto del mondo, aveva accumulato 700.000 metri cubi di fanghi. Ha ceduto all'improvviso e non c'è stato nulla da fare, la gente è stata travolta: inutile correre, sfuggire al fango. Proprio dalla zona del disastro é iniziata l’evacuazione delle persone. Nelle operazioni di soccorso sono intervenuti quattro elicotteri, 30 ambulanze, vigili del fuoco e un centinaio di soldati delle truppe specializzate NBC.Ovviamente la stampa è andata a chiedere conto sia alla politica sia all'industria. Mentre i proprietari degli impianti non hanno commentato l'incidente, il ministro dell'Interno ungherese, Sandor Pinter, ha dichiarato: "Scopriremo chi è il responsabile dell'incidente, la polizia ha sequestrato dei documenti che aiuteranno a determinare se il serbatoio con sostanze chimiche è stato costruito a norme delle leggi previste". Certo, sarebbe stato meglio fare queste verifiche in tempi non sospetti, prima che ci scappasse l'incidente grave, ma si sa, tutto il mondo è paese da questo punto di vista.Nel frattempo, il fiume rosso avanza e inonda altri centri abitati. In tre province, fino a circa 40 chilometri di distanza dal luogo dell'incidente, è stato dichiarato lo stato d'emergenza. Zoltan Illes, sottosegretario all'ambiente, in visita nelle zone colpite dalla tragedia, ha raccontato di non avere mai visto "una catastrofe ecologica" del genere. Non solo. Il sottosegretario ha anche ventilato che l'argine non sia rotto in seguito alle piogge, ma che si sia trattato di un errore umano, o addirittura di un disastro industriale, ipotizzando che la società abbia stivato più fango di quello permesso nel serbatoio. La Mal S-A ha immediatamente smentito le voci su una possibile utilizzazione sopra il livello di sicurezza del catino di scarico.Il governo ungherese si dice fiducioso che il fango tossico non arrivi fino al Danubio: "Vi sono buone probabilità di evitare che il fango tossico arrivi al fiume più lungo d'Europa", ha dichiarato il premier, Viktor Orban, aggiungendo che la fuoriuscita di liquame finora non ha interessato le riserve di acqua potabile. Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza in un'area di 40 chilometri quadrati al confine con Austria e Slovenia: nella provincia di Veszprem, dove è avvenuto l'incidente, in quella di Gyor-Moson-Sopron e di Vas, che potrebbero essere attraversate dal fango mortale nelle prossime ore o nei prossimi giorni. Bloccati gas ed elettricità, l'acqua potabile viene fornita attraverso camion cisterne provenienti da Budapest.Fino a questo momento, i danni sono stimati sui dieci miliardi di fiorini, 38 milioni di Euro, ma saranno necessari decine di milioni ed almeno un anno di tempo, con l'assistenza tecnica e finanziaria dell'Unione Europea, per bonificare la zona sommersa dai fanghi tossici. Questa la pesante stima del governo ungherese. Oltre alle vittime e ai gravi danni immediati, si teme per le conseguenze a lungo termine dei fanghi. L'altro nodo caldo della questione è che in totale i depositi della MAL S-A contengono al loro interno altri 30 milioni di metri cubi di fango rosso, di cui occorrerà capire cosa farne, prima che si creino altre emergenze.Sul fronte internazionale, l'Unione europea è preoccupata per l'evoluzione del disastro ecologico. Secondo Bruxelles, la marea di fango rosso potrebbe trasformarsi in un disastro ecologico in grado di colpire altri Paesi della regione. Il portavoce UE, Joe Hennon, ha affermato che l'Unione è pronta ad aiutare Budapest se il disastro dovesse aumentare di proporzioni.In particolare, si teme che la fanghiglia possa inquinare gli affluenti del Danubio e quindi anche il grande fiume dell'Europa centro-orientale. "Siamo preoccupati non solo per l'ambiente in Ungheria, ma che il disastro possa superare i confini", ha spiegato Hennon. Il Danubio scorre attraverso la Croazia, la Serbia, la Romania, la Bulgaria, la Romania, l'Ucraina e la Moldova prima di buttarsi nel mar Nero.In Ungheria è iniziata la lotta contro il tempo per evitare che il fango tossico fuoriuscito da una fabbrica d’alluminio dell’ovest del paese raggiunga i corsi d'acqua. Per arginare un disastro che impatta su tutta la natura, salute umana compresa, ma che, come per tutti i disastri ecologici, è solo opera dell'uomo.
http://www.altrenotizie.org/ambiente/3510-fango-rosso-sul-danubio.html
Tornare in alto Andare in basso
 
Fango rosso sul Danubio : Il fiume chimico viene oggi chiamato.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Quando non è possibile affrontare gli esami finali cosa viene rilasciato all'alunno disabile (sc. secondaria)?
» PIN non viene accettato
» Codice CER per Fanghi di provenienza Industria Ceramica
» Led rosso acceso rilevazione Sim
» [Primi passi] Pearly, al sesto mese di utilizzo sempre ROSSO

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: OFF-TOPIC/FUORI ARGOMENTO-
Andare verso: