IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 CASO VICTOR

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: CASO VICTOR   Lun 20 Dic 2010, 17:35


CASO VICTOR : LE NAVI STELLARI E LE COMUNICAZIONI EXTRATERRESTRI



Erian ha una civiltà altamente tecnologica, Il loro sviluppo scientifico aumenta con lo scambio di informazioni con le altre civiltà. Riescono a viaggiare ad una velocità pari ad 1/4 di quella della luce. Sono riusciti a superare la velocità della luce solo con i sistemi di comunicazione telematici che utilizzano il principio di rilevazione di gravitoni, ma per il trasporto sono ancora ad uno stadio sub luce...









Continuano le pubblicazioni di Victor, che come ben sapete sta tirando fuori notizie incredibili, emozionanti, ma che rimangono incollate ad una realtà fantascientifica. Personalmente non esprimo giudizi in merito, ma attendo che escano fuori dettagli maggiori (anche documenti che ne attestino la veridicità) in merito alla vicenda che vede implicate razze aliene in contatto con una delegazione/organizzazione diplomatica terrestre, denominata TAI. Spero che a Natale Victor ci possa regalare altri documenti (più attendibili) riguardo questa affascinante storia.

Massimo Fratini







Navi stellari

Erian ha una civiltà altamente tecnologica, Il loro sviluppo scientifico aumenta con lo scambio di informazioni con le altre civiltà.
Le loro sonde esplorano i sistemi planetari vicini alla ricerca di forme di vita intelligenti, se il sistema visitato ha raggiunto uno stadio ideologico e tecnologico da garantire una comunicazione diretta allora Erian apre il canale.

Riescono a viaggiare ad una velocità pari ad 1/4 di quella della luce. Sono riusciti a superare la velocità della luce solo con i sistemi di comunicazione telematici che utilizzano il principio di rilevazione di gravitoni, ma per il trasporto sono ancora ad uno stadio sub luce.








Ark, navi interstellari


Il loro viaggio interstellare è effettuato con astronavi di notevole grandezza. Per lo più sono dei contenitori di altri veicoli più piccoli e di combustibile per il viaggio. Queste navi sono state soprannominate da noi con il nome di Ark (Arca).

L’arca è una nave di grande proporzione che utilizza un motore materia/antimateria per spostarsi. La nave contiene circa 40 tonnellate di idrogeno e 380Kg di antiidrogeno.

Il funzionamento di questo motore utilizza il principio dell’annichilazione in cui materia e antimateria vengono a contatto e producono energia. Protoni (con carica positiva = materia) ed antiprotoni (con carica negativa = antimateria) si annichilano originando pioni carichi, che un campo magnetico può convogliare a formare fasci ad alta velocità per ottenere una spinta molto elevata. Idrogeno (protoni) ed antiidrogeno (antiprotoni) secondo questo funzionamento possono spingere la nave ad una velocità di 75 mila km/s.

Questo permette alla popolazione di Erian di raggiungere i pianeti vicini in breve tempo. Il nostro pianeta è raggiungibile in 40 anni terrestri.

Le Ark contengono un equipaggio di 80 individui, trasportano 4 navi madri ed ogni nave madre trasporta 12 piccole navi.



Nar, navi interplanetarie

Le navi madri (Nar) sono delle navi a forma cilindrica che si utilizzano per i viaggi interplanetari, una volta che l’Ark arriva sul sistema planetario orbita attorno ad un pianeta e per l’esplorazione del sistema utilizza le navi madri.

Queste navi madri sono dotati di motori materia/antimateria ma con un carico di combustibile molto più basso, riescono a percorrere la distanza terra-saturno in 4 ore.









Flat Wheel, trasporto planetario


All’interno delle navi madri esistono 12 piccole navi (flat wheel) che durante gli avvistamenti vengono chiamate “dischi volanti”, che possono trasportare massimo quattro persone. Sono veicoli di esplorazione planetaria. Orbitano su un pianeta e possono entrare all’interno dell’atmosfera. Queste navi utilizzano un motore gravitazionale e traggono energia dal campo magnetico del pianeta. Hanno una forma a disco e possono viaggiare ad una velocità di 21 mila km/h. Quest’ultimi anche se più lenti risultano più maneggevoli.






Mezzi di comunicazione

La civiltà di Erian ha come punto di forza della loro tecnologia i mezzi di comunicazione. Riescono a comunicare inviando dati ad una velocità superiore a quella della luce.
Questo sistema di comunicazione è basato sul concetto che il nostro universo è diviso in Brane. Nella nostra brana la forza gravitazionale è debole ma intoccabile.


Perché non la radio?

Le onde radio sono soggette ad interferenze dei campi elettromagnetici di stelle e pianeti, non possono garantire una comunicazione pulita. Molto spesso il segnale nelle lunghe distanze si sporca o si perde. In oltre il mezzo di comunicazione, anche se a velocità luce, non permetterebbe una risposta in tempi adeguati.

Utilizzo del gravitone.

La tecnologia di Erian sfrutta il concetto di comunicazione di fasce di particelle esotiche. Utilizzano il gravitone come mezzo di comunicazione. Il gravitone è la particella responsabile della gravita ed è esente da interferenze e disturbi. La gravità è debole nella nostra brana e viene utilizza facendo splittare i gravitoni in una brana parallela. Di conseguenza un fascio di gravitoni è libero di viaggiare in un altra dimensione, dove la forza gravitazionale è più forte che sulla nostro universo-brana.

Comunicazione a gravitoni

Per utilizzare questo potente mezzo di comunicazione Erian disponde di una tecnologia studiata e collaudata. Hanno a disposizione dei trasmettitori e dei rilevatori di gravitoni.

Per utilizzare questa tecnologia il rilevatore o trasmettitore deve essere in orbita ad un pianeta, la forza gravitazionale del pianeta è un elemento fondamentale alla comunicazione in quanto nella nostra brama è una forza debole.

Un segnale radio, che contiene il messaggio, viene inviato al trasmettitore. Il segnale viene codificato e trasformato in un fascio di gravitoni che viene passato ad una brana parallela.

Il rilevatore capta i campi gravitazionali passanti nella brana parallela, riceve questo fascio di gravitoni che poi viene codificato e ritrasformato in segnale radio e rinviato nelle stazioni planetarie o sulle navi stellari.

Trasmettitore e rilevatore si devono trovare obbligatoriamente in orbita ad un corpo celeste.


Rilevatori e Trasmettitori sul nostro sistema

La civiltà Aliena ha costruito e installato un trasmettitore e rilevatore su Dione, satellite di Saturno. Questa installazione permette agli Eriani di comunicare con la TAI e sincronizzare l’archivio comunicando con pianeta Erian in tempi brevi.

La tecnologia di Trasmissione e Rilevazione di Gravitoni è stata comunicata a noi. Tramite esperimenti al CERN e a due satelliti in orbita LISA ed DECIGO stiamo tentando di riprodurre questa tecnologia.

Victor




fonte: www.victor-tai.org

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
italia2010
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: CASO VICTOR   Sab 18 Dic 2010, 23:55


CASO VICTOR: IL PRIMO CONTATTO UFFICIALE CON UNA RAZZA EXTRATERRESTRE AVVENUTO NEL 1936 IN RUSSIA




Il primo contatto ufficiale con la civiltà Aliena è avvenuto formalmente il 21 Luglio 1936 in Russia. Il contatto fisico è stato preceduto da un serie di tentativi di contatti radio da parte della civiltà extraterrestre. In seguito il 14 ottobre dello stesso anno, con la stessa modalità, vennero contattati gli Stati uniti d’America, giorni di contatti radio che preannunciavano un incontro.






Ho ricevuto una email (anonima) da Victor che mi dice:


Message: "Non sempre risponderò, e mai scriverò dall'indirizzo di posta. Le informazioni richieste saranno pubblicate in seguito. Ho pubblicato ieri una sessione che tratta le sei visite che sono state effettuate da parte di Erian. Pochi hanno avuto contatto diretto con loro, io compreso. Mai avuto un contatto. Interagivo solo con l'archivio. In seguito avrete più informazioni"
Questo che seguirà e una delle tante informazioni che ha esposto "Victor" sul suo portale. Ne seguiranno delle altre spero, quindi non mi rimane che ringraziarlo. Massimo Fratini


Il dialogo con la civiltà non fu affatto facile, le loro comunicazioni radio rimanevano sempre indecifrabili, e i tentativi di contatto erano sempre incomprensibili. Il dialogo vero è proprio avvenne dopo 26 anni, quando loro riuscirono a capire una parte del nostro linguaggio. In seguito per favorire un dialogo semplice è pulito fu istituita la TAI.




La TAI permette il dialogo tra le due civiltà, questa organizzazione si occupa di decifrare i documenti Alieni e riversarli in linguaggio interpretabile da noi e viceversa. I documenti in formato elettronico sono estremamente differenti per le due civiltà ed utilizzano tecnologia completamente diverse. La funzione che la TAI svolge è una evoluzione di 50 anni di studi scientifici e tecnologici.

Grazie al lavoro TAI siamo arrivati a conoscere particolari sulla civiltà aliena e sulle loro visite al nostro pianeta.

Il contatto del 1936 non è stato il primo.

I contatti sono stati sei e in diverse epoche.








Prima che venisse inviata una spedizione con esseri viventi, la civiltà di Erian inviava sonde per l’esplorazione dei sistemi planetari vicini. Sulla terra avevano osservato che c’erano forme di vita intelligente. Alcune sonde sono in possesso dalla Russia e dagli Stati uniti d’America, lo stato delle sonde è decisamente pessimo e di notevole usura.


2100 aC

Intorno al 2100aC la prima nave arriva sulla terra. Il contatto diretto avvenne solo dopo pochi anni di osservazione, con le civiltà della mesopotamia. La spedizione era volta allo studio del pianeta terra e alla sua struttura geologica. Il contatto con gli umani era nullo, non riuscivano a comunicare l’uno con l’altro. La nave aliena torno su Erian dopo pochi anni.

10aC

La seconda visita da parte dal pianeta Erian arrivo intorno al 10 aC, questa visita non più con scopo di studio del pianeta ma delle specie viventi, ebbe un risvolto più esaustivo. La specie Aliena stabili una colonia sul nostro pianeta, ed ebbero dei contatti sempre in medio oriente. La nave torno sul pianeta natale lasciando sul nostro pianeta la piccola colonia.


100dC

Verso il 100 dC una nave da Erian torna sulla terra per riprendere i coloni rimasti che avevano effettuato numerosi studi sulla nostra civiltà, la quale in circa due mila anni ha effettuato notevoli progressi. La nave riparti con tutta la popolazione della colonia.

1100dC

Un ulteriore visita da parte della civiltà Erian si può datare nel 1100, la civiltà però non ha preso contatto con la nostra. E stata una visita che ha stabilito una colonia sul nostro pianeta di breve durata. La loro partenza è stata subito dopo 5 anni.

1520

Il 1520 è stata una data importante, la civiltà di Erian fece un ulteriore passo. La loro visita fu plateale ed incisiva, tentarono un contatto diretto con i governi dell’europa centrale, tra cui lo stato della chiesa, i quali non riuscirono però ad instaurare un rapporto. Dopo decenni di negoziati la civiltà Aliena fece ritorno nel loro pianeta.










1936

Arriviamo al 1936, quando fu veramente espresso il primo contatto con Russia ed USA. Gli Alieni hanno ancora tutt’oggi una colonia scientifica su Dione (Saturno) e una sonda che permette un canale di comunicazione con il pianeta Erian. Da allora la nave aliena fece ritorno a casa e la TAI comunica direttamente con la base scientifica di Dione. I rapporti non sono mai diretti.


da Victor

victor-tai.tk
Tornare in alto Andare in basso
italia2010
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: Re: CASO VICTOR   Sab 18 Dic 2010, 23:51


CASO VICTOR : IL TRIANGOLO DI ROSETTA

Continua il racconto di Victor, che sta pubblicando materiale informativo sul presunto contatto con civiltà aliene. Ecco di seguito l'ultimo articolo pubblicato sul suo blog. "Il contatto con la civiltà di Erian, avvenuto nel 1936, era stato preceduto da contatti radio incomprensibili e il loro primo approccio è stato pieno di stupore da parte dei Russi ma un insuccesso di comunicazione. Gli incontri avevano una maggiore frequenza in seguito."

"Gli Alieni cercarono contatto con le diverse nazioni del pianeta iniziando uno studio sul nostro linguaggio scritto e parlato. La comunicazione era necessaria. Il loro ultimo contatto era avvenuto circa 400 anni prima e i linguaggi si erano evoluti e le comunicazioni non erano soltanto verbali e scritte ma anche telematiche. Erian cominciò gli studi sul nostro linguaggio partendo dal presupposto che i nostri linguaggi erano suddivisi in: linguaggio naturale e linguaggio artificiale.

Il linguaggio naturale era diviso in parlato o scritto.

Il linguaggio artificiale è un’astrazione di un modo di comunicare comune in cui è presente un alfabeto finito di cui gli elementi sono detti simboli.

Gli alieni non provarono a comunicare verbalmente con noi, per il semplice motivo che il linguaggio parlato è un segnale acustico continuo in cui è difficile comprendere la separazione di lettere e parole. Mentre il linguaggio scritto è un insieme di simboli che sono strutturati secondo una logica e le parole sono divisi da spazi.

Il nostro linguaggio scritto è un insieme finito di simboli

{a ,.., z , A , .. , Z , . , ; , : , !, ..., - (=”spazio”)}

Capire il nostro linguaggio scritto, rappresentazione fonetica del nostro linguaggio parlato, era la scelta più logica.

Ad aiutare gli Alieni era stato chiamato Hilbert , un matematico che aveva studiato anni prima il linguaggio umano scoprendo che esiste nel nostro modo di comunicare una logica non ricorsiva e non numerabile. Con un teorema, Hilbert, aveva astratto in maniera formale una formula algebrica che in base ad un alfabeto finito costruiva una frase.

Si era arrivati alla conclusione che la nostra grammatica non era altro che un sistema gerarchico, che descriveva regole informali. Il concetto della giustapposizione è stato la base della costruzione di una regola comunicativa.

Nel linguaggio umano esistono delle parole che non fanno parte del linguaggio ma che definiscono una regola, queste parole sono comunque costruite con l’insieme di simboli che costituiscono l’alfabeto. Questi vengono detti metasimboli o simboli non terminali. Mentre le parole espresse che non definiscono una regola, ma vengono espresse, sono chiamati simboli terminali.

Quindi li linguaggio umano può essere ridotto ad uno schema logico.

Alfabeto terminale: insieme finito di simboli.

Frase: insieme di simboli non terminali o metasimboli.

Simboli non terminali: parole che definiscono una regola del linguaggio, chiamato assioma.

Simboli terminali: parola che definisce un significato comunicativo, l’unita essenziale di informazione.

Con questo studio si è potuto arrivare ad una astrazione del nostro linguaggio.








La struttura ad albero del linguaggio umano venne astratta e si è introdotto il concetto di grammatica e di linguaggio generato. Definite delle regole di produzione della lingua in base ad un alfabeto finito, la lingua generato dalla grammatica è l’insieme di simboli terminali dell’alfabeto scelto ed è derivabile da un metasimbolo.

Q = lingua.

G = Grammatica.

A = Alfabeto.


s = simbolo terminale.

M = metasimbolo.

Q(G)={s|s∈A*e M⇒G* s}


Da questi teoremi si è arrivato a definire delle regole di produzione astratti del linguaggio umano, definite secondo struttura logica matematica. Tutto identificabile sotto una struttura ad albero.


Gli alieni hanno compreso il nostro linguaggio attraverso una formula matematica ed inseguito applicando lo stesso concetto sul loro linguaggio si è creata una grammatica lineare equivalente.


Nel 1962 quando fu costruita questa grammatica equivalente che permetteva la comunicazione tra la nostra e civiltà e la loro e stata costruito il triangolo di rosetta. Un triangolo equilatero che metteva in un lato il linguaggio umano, nell’altro l’alto il linguaggio alieno e nella base il linguaggio equivalente lineare.


Il triangolo di rosetta è stato il traguardo di 26 anni di lavoro con la civiltà di Erian. Questo ha permesso di aprire un dialogo vero e proprio e di poter accedere ad una comunicazione diretta attraverso un canale.


Il vocabolario umano ed alieno è stato ridotto ad un minimo essenziale. Inizialmente entrambi contengono 627 vocaboli in seguito ampliati a 956. Come lingua umana è stato usato l’inglese perché contiene una struttura sintetica è una minor complessità, stessa logica utilizzata dagli abitanti di Erian per il loro linguaggio.










fonte: victor-tai.org
Tornare in alto Andare in basso
italia2010
junior
junior
avatar


MessaggioTitolo: CASO VICTOR   Sab 18 Dic 2010, 23:49

CASO VICTOR: TAI - TRANSFER ARCHIVES INTELLIGENCE







La TAI è stata fondata il 24 settembre del 1963, esattamente un anno dopo che la civiltà di Erian riuscì a decifrare una piccola parte del nostro linguaggio scritto e il linguaggio dei nostri calcolatori. Ogni stato membro della TAI dispone di un rappresentante che fa parte del consiglio dell’organizzazione, ogni rappresentate è affiancato da un esponente TAI di stessa nazionalità. A capo dell’organizzazione è presente un segretario che rimane in carica per 4 anni.







Prosegue il racconto di Victor, un personaggio anonimo che sta esponendo sul suo blog, notizie interessanti e affascinanti. Si continua a pubblicare queste informazioni, rammentando a tutti i lettori che non ci sono certezze (documenti scritti che ne testimoniano l'accaduto), fino a prova contraria, su quanto raccontato. Massimo Fratini (Segnidalcielo)





Struttura TAI

La TAI ( Transfer of Archives Intelligence) è l’organizzazione che si occupa di gestire la documentazione segreta e i dialoghi tra i governi/enti governativi di nove stati del pianeta con la civiltà aliena proveniente da Erian, un pianeta di Eplsion Eridani.

La TAI è stata fondata il 24 settembre del 1963, esattamente un anno dopo che la civiltà di Erian riuscì a decifrare una piccola parte del nostro linguaggio scritto e il linguaggio dei nostri calcolatori.

Ogni stato membro della TAI dispone di un rappresentante che fa parte del consiglio dell’organizzazione, ogni rappresentate è affiancato da un esponente TAI di stessa nazionalità. A capo dell’organizzazione è presente un segretario che rimane in carica per 4 anni.






Al di sotto del consiglio esiste un organo esecutivo che gestisce reparti, divisi per categorie di ricerca e sviluppo.

I progetti vengono, suddivisi in moduli, posso essere assegnati e gestiti da più reparti. Il modulo è un sistema flessibile di gestione delle risorse, permette di distribuire il carico di lavoro a diversi team.


Il consiglio, composto dai vari rappresentanti degli stati membri, ha come compito la gestione del dialogo con la civiltà Aliena. Discute i documenti che l’esecutivo estrae dall’archivio e prende decisioni in merito.


L’esecutivo è l’organo della TAI che organizza i vari reparti di ricerca e sviluppo, gestisce la lettura e la scrittura dell’archivio di condivisione con la civiltà aliena. Il compito dell’esecutivo e anche quello di riunire il consiglio quando arriva una richiesta diplomatica da parte della civiltà di Erian.





Forse il TAI è correlato con le attività di Intelligence americano, riguardo progetti di retroingegneria aliena? Nalle foto sopra uno dei documenti Top Secret poi rivelati, del Project CARET di Palo Alto (USA)





I vari reparti di ricerca e sviluppo sono creati e gestiti dall’esecutivo. Sono divisi per categoria e ciascun reparto fa riferimento ad una persona specifica dell’esecutivo che ne organizza il lavoro. Al reparto partecipano vari team di sviluppo degli stati membri, i team posso essere variabili. Il reparto lavora sui moduli che sono stati ordinati dal consiglio. Il modulo all’interno di un reparto è un progetto che ha un processo di sviluppo che termina con una data prefissata. Il reparto dopo aver terminato lo sviluppo del modulo inserisce i dati dentro l’archivio con dovuta conversione, pratica obbligatoria per permettere la condivisione dei dati con i sistemi della civiltà di Erian.

L’archivio è un enorme centro che collega due base dati di struttura completamente diversa. La base dati terrestre studiata secondo i nostri canoni informatici e la base dati aliena costruita da loro stessi su strutture elettroniche ed informatiche completamente differenti. Le due banche dati contengono esattamente le stesse informazioni e vengono sincronizzate in automatico all’inserimento di un documento.

L’archivio è un enorme strato di condivisione tra la nostra civiltà e la loro. E l’unico canale di comunicazione a disposizione che ci permette di comunicare.
Il mio lavoro consisteva nel monitoring della sincronizzazione delle due basi dati e nella conversione dei documenti inseriti dai reparti.


Victor

victor-tai.org
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: CASO VICTOR   

Tornare in alto Andare in basso
 
CASO VICTOR
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Come insegnare a soffiare il naso in caso di autismo? Una utente Asperger racconta la propria esperienza..
» Responsabilità docente di sostegno in caso di evacuazione
» sede legale/ variazione
» numero usb
» errore nella compilazione della dichiarazione Mud

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: SPECIAL-TOPIC-ZONE-
Andare verso: