IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Una “Cintura Fotonica” dietro i mutamenti climatici ed il 2012? – 1° PARTE

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Una “Cintura Fotonica” dietro i mutamenti climatici ed il 2012? – 2° PARTE   Dom 09 Gen 2011, 14:50

Una “Cintura Fotonica” dietro i mutamenti climatici ed il 2012? – 2° PARTE



Se
davvero, stessimo realmente
attraversando una “Cintura Fotonica” insieme al nostro universo quali
effetti produrrebbe sul nostro pianeta?




Secondo il geofisico russo Alexei Dmitriev l’eliosfera che circonda il nostro sistema solare avrebbe urtato, e continuerebbe a farlo per altri 3000 anni, una nube interstellare molto densa. La conseguente onda energetica che ne deriva starebbe riscaldando non solo il nostro sole ma le atmosfere di tutti i corpi orbitanti intorno ad esso.
Se fosse davvero possibile imputare i mutamenti climatici del nostro sistema solare a questo evento quali sarebbero gli effetti? Ed oltre a giustificare l’accrescimento di 10 volte del plasma interstellare nell’eliosfera ci sono altre prove a sostegno di questa tesi? Altre evidenze scientifiche?
Purtroppo sembrerebbe decisamente di si. E sarebbero numerose ed incontestabili.



Il nostro sole è davvero un'amico immutabile?

Effetti sul sistema solare
Ricordo a tutti che il sistema solare è composto da otto pianeti che, in relazione alla loro distanza dal Sole sono: Mercurio, Venere, Marte, Terra, Giove, Saturno, Urano, Nettuno. Plutone, in passato il pù esterno, è stato recentemente declassato a planetoide. Dato che gli effetti dell’onda d’urto interesserebbero sia i pineti interni che quelli esterni dovremmo trovare tracce in ciuscuno di loro.
Urano e Nettuno hanno entrambi visto una migrazione dei poli magnetici, le loro artmosfere sono pù brillanti ed, in accordo con accresciuti livelli di energia, si stanno riscaldando. Marte starebbe diventando più faverevole alla vita e la sua atmosfera starebbe diventando più densa. Venere risultà già molto più brillante e la sua atmosfera si è modificata chimicamente. Altri fattori che potrebbero indicare che l’energia totale sta aumentando.
E non dimentichiamoci del Sole! Pur al centro dell’eliosfera, e quindi in un punto relativamente lontano dagli effetti dell’onda d’urto, essendo molto caldo “per natura” ( e quindi molto meno capace di dissipare ulteriori apporti energetici ) è molto più sensibile dei pianeti che gli ruotano intorno e, di fatto, anche bassi quantità di calore avebbero effetti rilvanti. L’anomala ed abnorme quantità di “macchie” osservate durante il minimo solare di pochi anni fa sarebbero li a dimostrarlo in modo inequivocabile.



Il nostro pianeta Terra visto dallo spazio

Come regirebbe la Terra?
Preso atto che “qualcosa sta relamente succedendo” come reagirebbe la Terra? Quali conseguenze per un pianeta che abbiamo imparato ad associare ad un orgamismo vivente che, come tale, tenterebbe di difendersi e reagire?
Di sicuro, per contrastare il riscaldamento della sua biosfera provocato dalla nube interstellare di Dmitriev, proverebbe a raffreddarla. Per schermarsi da un Sole “troppo caldo” per noi poco importa che lo faccia tramite l’aumento della copertura nuvolosa o che reagisca schermandosi con le ceneri emesse dall’eruzione di un supervulcano. In entrambi i casi, previdibilmente, gli effetti sarebbero assolutamente catastrofici! Mutamenti climatici, precipitazioni più intense, aumento di tempeste ed uragani. Vulcani e terromoti. Le ripercussioni, per una civiltà così tecnologicamente avanzata ma fragile come la nostra, sarebbero letali.
Anche gli effetti indiretti sarebbero terribili. Ricordo brevemente che un aumento di energia nel sole provocherebbe un’ intensificazione del suo campo magnetico, del vento solare, dei brillamenti. Il nostro campo magnetico ne soffrirebbe e continuerebbe ad indebolirsi ed a schermarci in misura minore da qualunque tipo di radiazione. Enormi quantità di raggi UVA Ed UVB ci inonderebbero che la catastrofica conseguenza di un’aumento esponeziale nel numero di forme tumorali.
Ovviamente la capacità di una biosfera di adattarsi sono inversamente proporzionali al numuro delle sue componenti peculiari che vengono disattivate. Parliamo del nostro ruolo con la natura, parliamo di fattore umano. Parliamo di responsabilità verso gli altri e verso il mondo intorno a noi.



Alcuni esperti prevedono che i mutamenti climatici dureranno millenni.

Il nostro ruolo
Potremmo pagare a caro prezzo la distruzione della foresta Amazzonica in quanto essa contrasta gli effetti negativi dell “effetto serra” nelle zone pù caldedel pianeta, ci regala grandi quantità di ossigeno e produce sufficienti quantità di pioggi tali da impedire la desertificazione delle regioni equatoriali.
E potremmo pagare un prezzo ancor più alto per aver inquinato la notra atmosfera, limitato di conseguenza la sua capacità di reagire e non aver considerato che noi facciamo parte integrante di tutto questo…anzi di questo “Tutto”.
La Terra, forse, potrebbe uscire menomata dall’impatto con la “Cintura Fotonica” teorizzata da Dmitriev come aver la capacità di difendersi da essa. Ma le ferite provocate dall’ uomo la metterebbero comunque in seria difficoltà. E, con lei, noi tutti. Pensiamoci…che Alexei Dmitriev abbia torto o ragione.

http://mitiemisteri.com/una-%E2%80%9Ccintura-fotonica%E2%80%9D-dietro-i-mutamenti-climatici-ed-il-2012-%E2%80%93-2%C2%B0-parte/

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Una “Cintura Fotonica” dietro i mutamenti climatici ed il 2012? – 1° PARTE   Dom 09 Gen 2011, 14:46

Esiste un fenomeno che giustifichi “da solo” il rallentamento del moto di rotazione della terra, l’indebolimento del suo campo magnetico, l’assottigliamento dello strato di ozono della nostra atmosfera? Che sia alla base del recente incremento dei fenomeni sismici, degli squilibri climatici e, ultimo ma non meno importante, che giustifichi il riscaldamento che sta interessando tutto il nostro sistema solare? Un geofisico pensa di si. Ma prima di gioire per l’ennesima vittoria della scienza consiglio di sedervi. Quello che ho da dire non vi piacerà affatto…





Il noto geofisico russo Alexei Dmitriev è convinto che l’intero sistema solare stia entrando in una “area di plasma magnetizzato” da lui ribattezzata “Cintura Fotonica”. La prova? : l’accrescimento di 10 volte del plasma interstellare nell’eliosfera!
Dato che, come credo, tutto ciò vi risulterà incomprensibile vi consiglio di seguire molto attentamente la spiegazione che mi accingo a darvi. Vi assicuro che, dopo averlo fatto, ne risulterà un visione chiara di ciò che ci stà accadendo, una conoscenza esaustiva dei numerosi fenomeni fisici che stanno interessando il nostro sistema solare ( potete leggerli in questo post ) ed una maggior consapevolezza del nostro “precario” ruolo nel creato.
Lo spazio è davvero sicuro?
Partiamo da qualosa di semplice e comprensibile. Tutti sappiano che il nostro amato pianeta, oltre a compiere una rotazione completa oltre il proprio asse ed annualmente intorno al Sole si muove con l’intero sistema solare attraverso la Via Lattea. Questa, a sua volta, vaga nell’Universo.
La Terra,quindi, non “rimane ferma in una qualche zona sicura dello spazio” ma, anzi, percorre porzioni di Cosmo totalmente sconosciute e potenzialmente ostili.
Entrare in una regione caratterizzata da condizioni ostili e da più alti livelli di energia non è un’ipotesi improbabile e, volendo essere totalmente sinceri, è addirittura molto plausibile! Se qualcuno non fosse concorde mi dia un solo motivo per pensare che lo spazio sia “omogoneo”.
La luce e la profezia

Ne materia, ne energia. In una parola: Fotoni!

La realtà è che da circa 30 anni un numero sempre crescente di particelle di luce ( i fotoni ) ha improvisamente fatto la sua comparsa nell’atmosfera terrestre. Particelle “di luce” stranamente simili a quelle che dovrebbero inondare la Terra secondo una antica profezia Maya. Josè Arguelles rassicura che dovrebbero aiutare il genere umano a compiere, finalmente, un poderoso salto evoluzionistico.
Stimolata da questa luce e risvegliata della sua energia l’onda di informazione genetica tipica di ogni pianeta si manifesterebbe istantaneamente. Originata dal centro galattico, da loro chiamto Hunab Ku, deve necessariamente “passare” attraverso il principale astro del sistema stellare a cui si rivolge in modo da farne entrare in risonanza l’intero sistema. Così i Maya Galattici riuscirebbero a mettersi in contatto con diversi sistemi stellari a cui sono interessati.
L’unico punto di contatto tra questa affascinante teoria Maya e quella del professor Dmitriev è relativa proprio al ruolo dal Buco Nero che è dimostrato, staziona al centro della nostra galassia: La Via Lattea.
Per il resto le differenze sono lampanti.
Serre galattiche e “Cinture Fotoniche”
Accomuna si l’accresciuto livello energetico ad una “serra galattica” ma, ben lontano dall’averne una visione rassicurante, spiega che la prima conseguenza diretta dei crescenti flussi di materia e di energia che ci investono è un riscaldamento dell’intero sistema solare ed un’ intesificazione della attività della nostra stella.
Una nube intergalattica minaccia di far avverare la profezia Maya sul 2012

La nube interstellare di energia che stiamo attraversando sarebbe caratterizzata da striature contenenti idrogeno, elio, ossidrile magnetizzati, forse dai resti di una stella esplosa.
Vi ho già detto che l’accrescito livello di plasma interstellare contenuto nell’Eliosfera costituisce la “prova provata” trovata da Dmitriev che spiega:
“La gigantesca bolla magnetica che contiene il sistema solare, chiamata eliosfera, avanzando nello spazio genererebbe un’onda d’urto che, fattasi più compatta nel momento in cui è entrata in questa regione pù “densa”, sarebbe tornata indietro, avrebe “urtato” il sole e alterato il suo comportamento.
Le anomalie dell’andamento del numero delle macchie solari sono li a testimoniarlo, giustificherebbero quelle del campo magnetico terrestre e sarebbero alla base del riscaldamento del nostro pianeta.
Dalle testimonianze raccolte Dmitriev è portato a credere che l’onda d’urto generata durarera almeno 3.000 anni.
http://mitiemisteri.com/una-cintura-fotonica-dietro-i-mutamenti-climatici-ed-il-2012/

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
 
Una “Cintura Fotonica” dietro i mutamenti climatici ed il 2012? – 1° PARTE
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Cambiamenti climatici
» Trasporto rifiuti conto proprio da cantiere
» Contrattura Pavimento pelvico • VULVODINIA.INFO
» Piercing
» Dolori mestruali

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: SPECIAL-TOPIC-ZONE-
Andare verso: