IL NUOVISSIMO PORTALE SUI MISTERI DELLA SCIENZA .
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Giappone : il pianeta e le persone ne pagano le conseguenze

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Giappone : il pianeta e le persone ne pagano le conseguenze   Sab 09 Apr 2011, 12:01

Fukushima è un pericolo per tutto il pianeta



Per diverse settimane, le fughe radioattive della centrale nucleare di Fukushima hanno paralizzato gran parte del Giappone. Le informazioni provenienti dal governo giapponese e dalla TEPCO, la società elettrica che gestisce il sito, sono state frammentarie, spesso incomplete e talvolta contraddittorie. Una valutazione confidenziale della Nuclear Regulatory Commission ottenuta dal New York Times, suggerisce che l’impianto danneggiato di Fukushima Daiichi è tutt’altro che stabile. La relazione conclude che l’impianto di Fukushima si trova ad affrontare una vasta gamma di nuove minacce che potrebbero persistere indefinitamente.

Il disastro di Fukushima è diventato qualcosa più di un evento locale, regionale o nazionale. Le implicazioni dell’evento, a livello mondiale, stanno diventando evidenti: sebbene una perdita importante in un canale di manutenzione, sia stata sistemata, sussiste ancora un forte rischio che notevoli quantità di acqua radioattiva continueranno ad essere rilasciata nell’Oceano Pacifico. È stato rilevato un aumento delle radiazioni nelle coste dell’America Orientale. Anche se la quantità di radiazioni che raggiunge gli Stati Uniti è ridotta e non rappresenta alcun pericolo attuale, la sua presenza dimostra che l’evento di Fukushima ha avuto un impatto globale.

Le circostanze si evolvono troppo in fretta e assolutamente prive di controllo perché si riescano a calcolare tutte le conseguenze del caso in tempo reale. Ogni giorno si assiste ad un fallimento e la frustrazione è crescente sia in Giappone che nel resto del mondo. È diventato evidente che non tutti i fatti riguardanti la tragedia di Fukushima saranno resi noti nell’immediato futuro, la catastrofe dovrà essere già storia.

In Giappone, continua ad esserci incertezza circa l’entità del rischio dell’esposizione alle radiazioni e la mancanza di informazioni su quante persone siano già state esposte a livelli di radiazioni pericolosi per la salute. Non sappiamo quante sostanze contaminanti siano state rilasciate nei territori e nelle acque circostanti o quando e come tali fughe potranno essere riparate.

Il governo giapponese ha annunciato una zona di evacuazione di 19 miglia dalla centrale di Fukushima, la stessa distanza della zona di esclusione attorno a Chernobyl in Ucraina. Ma il Giappone non è né grande né scarsamente popolato, come lo era l’Ucraina. Per circa il 73 per cento del suo territorio, il Giappone non è adatto all’agricoltura, alle zone industriali o residenziali. Milioni di persone potrebbero essere dislocate in aggiunta a quelle già senza casa a causa del sisma. Queste persone dovranno essere trasferite in nuovi alloggi edificati ex novo.

Con la sfida internazionale delle guerre in Iraq, Afghanistan e in Libia, e le preoccupazioni del Congresso nazionale circa l’essere in grado di finanziare il Governo Federale, i riflettori delle notizie sono stati spostati altrove. Tuttavia, gli investitori intelligenti e gli osservatori sociali continuano a monitorare le risposte alla tragedia di Fukushima e valutarne l’impatto potenziale sui mercati mondiali.

Ci vorranno miliardi di dollari perché il Giappone resusciti da questa catastrofe e l’economia statunitense è strettamente legata alla sua. Il governo giapponese e gli investitori giapponesi costituiscono il secondo più grande detentore di buoni del Tesoro degli Stati Uniti, con 885 miliardi dollari. La Banca del Giappone inoltre possiede 493 miliardi dollari nei suoi fondi di riserva per problemi creditari. Alcuni osservatori finanziari hanno ipotizzato che il terremoto e lo tsunami potrebbero costringere il governo del Giappone e gli investitori a liquidare gran parte del debito degli Stati Uniti in loro possesso. Questa possibilità non prende nemmeno in considerazione che non vi sia trasparenza su quali fossero i piani per l’utilizzo di questi fondi.

La salubrità di gran parte delle forniture alimentari del Giappone è stata oggetto di discussione. Gli agricoltori sono stati costretti a distruggere le colture e a smaltire i prodotti caseari e latticini. A causa della continua contaminazione dell’acqua di mare, la salubrità dei frutti di mare dell’Oceano Pacifico è in discussione. In risposta ad una carenza endemica di cibo autoctono giapponese, il governo giapponese potrebbe favorire l’importazione di ancora più prodotti alimentari stranieri, che aumenteranno il prezzo del cibo in una nazione dove lo stesso è già un bene estremamente costoso. A livello mondiale, l’aumento della concorrenza per il cibo rischia di influire sui prezzi, facendo soffrire la fame ad alcune economie marginali.

I produttori giapponesi sono sempre più in concorrenza con gli altri paesi asiatici. Con l’industria nazionale base, gravemente danneggiata dal terremoto, la consegna dei prodotti alimentari prodotti in Giappone negli Stati Uniti è stata interrotta. Alcune fabbriche giapponesi negli Stati Uniti hanno rallentato o fermato la produzione. Probabilmente torneranno a pieno regime quando le esportazioni si saranno normalizzate, il che impiegherà mesi con una economia già danneggiata. Se la cosa dovesse essere grave i continui rinvii potrebbero azzerare la domanda.

Alcuni settori in cui il Giappone detiene una posizione predominante sono già minacciati. Il Giappone pre-Fukushima produceva una percentuale significativa della fornitura mondiale di wafer di silicio, la base su cui sono fatti i circuiti integrati e i chip di memoria. Si è stimato, che a causa del terremoto, la fornitura di wafer è diminuita del 25 per cento.

Una carenza di wafer di silicio porterà i prezzi ad alzarsi, aumentando così il prezzo dei chip a livello mondiale, il quale avrebbe un impatto sul prezzo di tutti i tipi di merci dai jet alle macchine per il caffè programmabili. I costruttori coreani dicono di voler riempire il vuoto creatosi. Se i clienti stabilissero accordi di fornitura con i nuovi produttori coreani, il ritorno ai loro ex fornitori giapponesi, sarebbe ancora più difficile.

Il Giappone è una nazione culturalmente unificata, con oltre il 98 per cento della popolazione che condivide la stessa etnia. È anche una nazione in cui la norma sociale è quella di raggiungere il consenso e la conformità agli standard. I giapponesi sono attenti ad esprimere il dissenso o a partecipare alle polemiche. Tuttavia, stiamo assistendo ad un aumento, quasi senza precedenti delle critiche alla TEPCO e al governo. Per quanto questo sia possibile in una società così gentile e contenuta, immaginate la risposta ad un simile disastro altrove.

Anche se le conseguenze di Fukushima si faranno sentire per decenni, se non per generazioni, è necessaria una attenzione immediata sul problema in modo da salvare il maggior numero di vite possibile, fornire le conoscenze per evitare il ripetersi di un simile disastro e limitarne l’impatto sull’economia.

Dopo quasi un mese, continuano ad esserci più domande che risposte. Vi è stato un marginale successo nel raffreddamento dei reattori e il tentativo di arginare il flusso di acqua radioattiva, che ha avuto anch’esso un esito poco confortante. Non abbiamo alcuna stima credibile sull’impatto che questo disastro avrà sull’economia giapponese, in particolare, o sull’economia mondiale in generale.

Fonte originale: abcnews.go.com / Traduzione a cura di: neovitruvian.wordpress.com

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Giappone : il pianeta e le persone ne pagano le conseguenze   Sab 09 Apr 2011, 12:03

Fukushima: da un reattore fuoriescono mortali raggi blu





Giorno e notte si possono vedere ora “raggi blu” ai neutroni che si scagliano nell'aria da uno dei reattori danneggiati.

“Esperti nucleari internazionali credono che del carburante fuso stia causando una piccola incontrollata reazione a catena che emette vampate di calore, radiazione, ed una luce blu: quel che l'industria nucleare chiama una “criticità localizzata”. Da ciò che capiamo, non sono buone notizie per i lavoratori che lì cercano di prevenire un meldown (fusione) nucleare”.

Una persona aveva dato le sue riflessioni sui raggi blu: uno studente medico al tempo in cui il reattore venne installato a UT. La barzelletta nel campus era che la buona notizia era che avevano un detector agli ultravioletti, che poteva rilevare questo tipo di perdita di radiazioni, ma la cattiva notizia era che chi era nella posizione di rilevare questi “raggi blu” era destinato a morire in poche settimane.




Accanto alle “migliorie” nella generazione degli impianti nucleari, come per esempio il fatto di sovraccaricare con il plutonio il carburante all'uranio nei reattori (il carburante MOX), la radiazione sta trovando più applicazioni in medicina.

Oltre al fatto di irradiare parti del corpo dove trovano il cancro, un tipo qui in città ha avuto iniezioni di radiazioni nel suo sangue per una diagnosi con una macchina ad alta tecnologia, all'Elko Hospital. Gli è stato detto che sarebbe stato tutto ok, ma che doveva stare lontano dai suoi figli per alcuni giorni...

La FDA (Fed. Drug Administration, Ente di Controllo Farmaci USA) sta spingendo per irradiare il cibo, naturalmente per tenerci al sicuro! Clicca qui per leggere l'articolo.

La FDA riconosce il fatto che l'irradiazione cambia la struttura del cibo quando dice nella stessa proposta che “l'irradiazione ha vari effetti sui cibi, che possono cambiare nelle loro caratteristiche. Tali cambiamenti, possono avvenire nelle proprietà organolettiche, nutrizionali o funzionali del cibo, cosa che non sarebbe notata al momento dell'acquisto ma che può esserlo se cucinato o consumato”.

La USDA (= United States Departure of Agriculture: Dipartimento americano per la agricoltura ndt) consente di irradiare il cibo e chiama questo “pastorizzazione elettronica” per non allarmare i consumatori. Un funzionario della USDA che permise di facilitare restrizioni sulle radiazioni sul cibo, ora si trova all'ONU a fare lo stesso con le linee guida internazionali. Molti scienziati credono che la radiazione causi cambiamenti genetici e molecolari che aumentano il rischio di cancro, tra coloro che consumano tale cibo.

Poi ci sono le armi nucleari. Ci sono le bombe pesanti e la ideologia dei M.A.D. (=mutuallly assured distruction: distruzione reciproca assicurata, un gioco di parole in inglese ndt): anche loro ci tengono al sicuro.

Ed ora abbiamo l'uso dell'uranio impoverito. Prima della Guerra al Terrorismo, si pensava fosse un crimine contro l'umanità il fatto di spargere degli scarti nucleari su una nazione nemica, a causa dell'effetto tossico a lungo termine che ciò avrebbe avuto per le future generazioni.

Ma quando si trovò che gli elementi nell'uranio impoverito potevano penetrare l'armatura come niente, gli effetti tossici non divennero più una preoccupazione...A parte distruggere la salute dei soldati, le mutazioni del DNA sono passate nell'utero.

Clicca qui per leggere l'articolo: «Depleted Uranium and Anglo-American Infanticide in the Wake of the Gulf War»

L'uso dell'atomica, del nucleare, del radiologico etc è MATTO (= MAD in inglese, gioco di parole) e sarà la nostra morte su questo pianeta, se continuiamo di questo passo.

Autore: Gary Jacobucci / Fonte originale: rense.com / Traduzione a cura di: Cristina Bassi / Fonte: thelivingspirits.net

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
rubina71

avatar


MessaggioTitolo: Re: Giappone : il pianeta e le persone ne pagano le conseguenze   Mar 03 Mag 2011, 17:41

Che dire? Non ci sono parole per commentare cose simili! Crying or Very sad
Tornare in alto Andare in basso
CYBORG
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE
avatar


MessaggioTitolo: Re: Giappone : il pianeta e le persone ne pagano le conseguenze   Sab 07 Mag 2011, 06:50

rubina71 ha scritto:
Che dire? Non ci sono parole per commentare cose simili! Crying or Very sad


DICI GIUSTO RUBINA71

_________________
NESSUNO PUO NASCONDERE E NEGARE LE VERITÀ ALL UMANITÀ.
http://anno2012.secretsstories.com/


@ADMIN
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Giappone : il pianeta e le persone ne pagano le conseguenze   

Tornare in alto Andare in basso
 
Giappone : il pianeta e le persone ne pagano le conseguenze
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» LIBRI, SUGGERIMENTI PER AFFRONTARE IL TEMA DELLA MORTE E DELLA PERDITA DI PERSONE CARE
» Convenzione ONU sui "Diritti delle persone con disabilità
» DUE PERSONE SOLE NON LO SONO PIU'
» persone non assicurabili...
» In giro vedo solo persone felici...

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
SECRETS - STORIES  :: . :: EVENTI CATASTROFICI-
Andare verso: